Il bilancio consolidato di territorio

G. Merlo, La programmazione sociale: principi, metodi e strumenti, Carocci 2014

Capitolo: 3.6. Le dimensioni della spesa sociale

BOX DI APPROFONDIMENTO n. 27

N.B. I riferimenti bibliografici si riferiscono alla sito bibliografia del testo. Nel caso di citazione si consiglia la seguente notazione: “Merlo G., La programmazione sociale: principi, metodi e strumenti”, allegato web n.27, Carocci, 2014

INDICE ANALITICO GENERALE

tutte le voci del sito

"Quello che nei fatti avviene è che le diverse politiche da parte dei diversi attori pubblici (Stato, Regioni, Province, Comuni,) anche nelle loro eventuali ulteriori articolazioni per settori di intervento (sociale, previdenziale, sanitario, etc), nella loro autonomia politica, normativa, funzionale e retaggio storico tendono a produrre un risultato spesso casuale, per somma o differenza di interventi, nell’impatto finale su di una specifica popolazione di un determinato territorio.

A questo punto solo una analisi di quanto effettivamente avviene là dove gli effetti congiunti si realizzano permette di avere il quadro necessario per eventuali interventi di programmazione.

È una modalità che può essere chiamata «Bilancio Consolidato di Territorio» in cui, definiti i targets di popolazione o tema o problema, si ricostruiscono tutti gli interventi di qualsiasi fatta che impattano sull’aspetto in osservazione per poter verificare e valutare se corrispondono alle priorità che si è date." (Merlo G., 2014, p. 96)

---------------

La Provincia di Torino ha stimato nel 2003 l’ammontare delle risorse economiche complessive per le politiche sociali che ricadono sul territorio della provincia, indipendentemente dall’ente erogatore attraverso una ricostruzione del percorso che ciascuna risorsa compie a partire dall’ente “erogatore”, cioè l’ente nel quale viene presa la decisione dello “stanziamento” e il destinatario finale della stessa pur in presenza di diversi passaggi intermedi. Ognuna delle risorse impiegate, pertanto, ha un proprio percorso più o meno articolato, delle proprie regole di funzionamento (attribuzione con bando, ripartizione sulla base di dati statistici, etc.) ed erogazione (monetaria o servizio) e dei beneficiari finali. Prendendo in considerazione circa un centinaio di linee di finanziamento (tra cui fondi nazionali, INPS, Regione, Provincia, Comuni, ASL, altri Enti pubblici, Fondazioni, fondi europei, concorso alla spesa dei cittadini) a favore di ciechi, sordi, invalidi, ultra 65enni senza reddito, indennità di accompagnamento, bonus a contribuzione dell’affitto, politiche attive del lavoro, minori e responsabilità familiari, giovani, anziani, disabili, immigrati, formazione degli operatori sociali , sostegno del Terzo Settore, il Bilancio Consolidato di Territorio della Provincia di Torino è stato calcolato, in prima istanza, in 785.589.000 euro, con questa distribuzione percentuale per targets:

Una analisi di questo tipo permette di porre la domanda di fondo di un qualsiasi sistema di programmazione: sono queste le priorità di questo specifico territorio? O questa distribuzione é il risultato casuale di una sommatoria di articolati ed autonomi flussi finanziari gestiti a più livelli da diverse articolazioni dello Stato?

(Provincia di Torino 2003).




Approfondimenti

Puddu l., Di Russo D., Falduto L. e Secinaro S., Il bilancio consolidato degli Enti Locali, EbookMap, 2013

http://www.odc.torino.it/public/circolari/e-book_bilancio_consolidato.pdf

Daniela Preite, Bilancio consolidato e informazione per il gruppo pubblico locale, Egea 2006

Acciari E., Bilancio consolidato di territorio delle politiche di inclusione sociale, Tesi di Master in analisi delle politiche pubbliche, COREP Torino, 2004

http://www.mapp.formazione.corep.it/mapp11/diplomati/tesi/acciari.pdf

Tutti gli aggiornamenti del sito sulla

PAGINA FACEBOOK

“Mi piace” per avere le notifiche Suggeriscilo ai tuoi amici




Giorgio Merlo 2014