Programma di contrasto della vulnerabilità sociale

INDICE ANALITICO GENERALE

tutte le voci del sito

G. Merlo, La programmazione sociale: principi, metodi e strumenti, Carocci 2014

Capitolo: 8. La costruzione di programmi integrati e di vasta area

BOX DI APPROFONDIMENTO n. 48

N.B. I riferimenti bibliografici si riferiscono alla sito bibliografia del testo. Nel caso di citazione si consiglia la seguente notazione: “Merlo G., La programmazione sociale: principi, metodi e strumenti”, allegato web n.48, Carocci, 2014

Sul tema si veda anche la scheda: Vulnerabilità sociale

Per un approfondimento sugli indicatori sociali vedasi la relativa scheda.



"Una base dati che permette una informazione puntuale sui bisogni e l’offerta degli interventi e servizi evidenziandone gli eventuali divari territoriali, ma anche, applicando ad insiemi di variabili analisi statistiche per componenti principali, di giungere alla costruzione di profili sintetici di comunità che consentono di descrivere limiti e potenzialità dei diversi territori collegando informazioni quantitative con altre qualitative di percezione della situazione.

Come si comprenderà non si tratta solo di «verificare» l’attendibilità delle banche dati (che quasi sempre sono costruite per adempiere a meri fini amministrativi e quindi spesso carenti di alcune importanti informazioni sociali), ma anche di stabilire un legame tra quello che il dato ci indica e come viene vissuto. Per esempio: la percezione di gravità di un problema può essere molto diversa nel contesto urbanizzato da quello montano; tra un esperto del settore o un comune cittadino; se si analizza quel problema da solo o contestualizzandolo all’interno della situazione generale del territorio, e così via." (Merlo G., 2014, p. 194)

---------------------

Vulnerabilità sociale: scarsità di mezzi per difendersi da una situazione di difficoltà improvvisa, sia sul versante economico sia su quello esistenziale. Situazione di settori della popolazione che in condizioni normali riescono a far fronte alle proprie esigenze di vita, ma che in presenza di un qualsiasi anche piccolo evento negativo non ne sono più in grado. “Situazioni caratterizzate da «fragili orizzonti» in cui vi è incertezza e sensazione di perdita di controllo, anche se non è presente un disagio conclamato.” (Negri N., Animazione sociale, agosto settembre 2006)

------------------

Dal 2005 il programma “Fragili Orizzonti” intendeva occuparsi del tema della vulnerabilità sociale (o anche «nuove povertà») che, con la crisi, cominciava ad interessare la classe media con aspetti diversi dai classici problemi sociali affrontati normalmente dagli Enti Gestori. Il programma puntava a sperimentare misure innovative quali l’Asset Building, il microcredito individuale, i gruppi di acquisto collettivo all’interno di un quadro di politiche pubbliche, finanziate, garantite e coordinate dall’Ente Provincia. Un programma integrato e complesso sui versanti delle politiche sulla casa, sostegno al reddito ed al consumo, lavoro, sanità.

Si trattava quindi di individuare i territori (Piani di Zona) maggiormente interessati/ colpiti dal problema utilizzando al meglio le molteplici, ma non congruenti informazioni quali quantitative su tema.

Furono costruiti due indici su base territoriale. Il primo detto di Sensibilità Territoriale quale sintesi tra la percezione del problema espressa dal tavolo tecnico e la sensibilità politica manifestata sul tema in ciascuno dei Piani di Zona in merito ai temi dell’abitazione, sostegno al reddito, lavoro, sostegno al consumo e salute, trasformate in valori semi-quantitativi su di una scala discontinua. Il secondo detto di Evidenza Statistica costituito dai valori desunti da una analisi fattoriale di 37 indicatori statistici connessi ai temi della casa, capitale umano e reddito, disoccupazione, Rapporto Standardizzato di Mortalità.

cfr. http://www.provincia.torino.gov.it/sportello_sociale/site/

I due indici permisero una rappresentazione quali quantitativa del problema su due assi sulla cui base vennero individuati i territori consortili di sperimentazione.

AGGIORNAMENTI:

Castegnaro A., Bezze M., Povertà e vulnerabilità sociale in Provincia di Bergamo, Fondazione Zancan, 2004

Provincia di Torino, Fragili orizzonti: Programma Triennale di Politiche Pubbliche di contrasto alla vulnerabilità sociale e alla povertà, 2005

http://www.provincia.torino.gov.it/sportello_sociale/site/materiali/progetto_13.pdfhttp://www.provincia.torino.gov.it/sportello_sociale/site/

id. Supplemento al numero 6-7/2008 di Animazione Sociale

Città di Venezia, Promuovere ricchezze: interventi di contrasto alla vulnerabilità sociale

http://www.comune.venezia.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/58663

Negri N., La vulnerabilità sociale, Animazione sociale, 14/2006

Vulnerabilità ed emergenze sociali: il quadro del 15° Rapporto Giorgio Rota

http://www.secondowelfare.it/primo-welfare/inclusione-sociale/vulnerabilita-ed-emergenze-sociali-il-quadro-del-15-rapporto-giorgio-rota.html

Tutti gli aggiornamenti del sito sulla

PAGINA FACEBOOK

“Mi piace” per avere le notifiche Suggeriscilo ai tuoi amici


Giorgio Merlo 2014