Il testo di riferimento

INDICE ANALITICO GENERALE

tutte le voci del sito

GIorgio Merlo, La programmazione sociale: principi, metodi e strumenti, Carocci Faber 2014

Indice

L'Autore

La scheda dell'Editore

Presentazione pubblica


Il testo è un prodotto integrato tra stampa e web:

il libro contiene la completa ed esaustiva trattazione del tema, come in qualsiasi altro testo di livello universitario,

mentre sul sito dell’Editore sono presenti numerosi box di approfondimento

che aiutano la comprensione, arricchiscono l’esposizione e rendono attivi sul web tutti i riferimenti citati.

Le stesse schede, senza i link attivi, sono riportate nell'Indice analitico di questo sito.


Il presente sito é una ulteriore evoluzione di tale prodotto integrato:

organizzato in schede per argomento,

Programmare per cambiare, ridurre le differenze nella fruizione di beni comuni, nella costruzione del benessere, in tutte le sue molteplici componenti e del valore di un territorio; ma anche come segnale di un progresso nella storia dell’uomo: lavorare nel presente per assicurarsi un futuro.

La trattazione di questi temi è ampiamente sviluppata nel testo: un tentativo di rispondere ad alcune domande ricorrenti di fondo: se, perché, quando, occorre occuparsi di fenomeni socialmente rilevanti; chi se ne deve occupare e come, con quali risorse e strumenti.

Tra pubblico e privato profit e non. Ma in una fase in cui lo Stato si ritira, in una logica che parte dai valori per determinare i diritti e quindi gli obiettivi e le azioni, tra universalismo e solidarietà, ha ancora senso parlare di programmazione pubblica sociale?

L’analisi si sviluppa su due versanti paralleli e concatenati: quello del benessere individuale e quello dei capitali sociali come fattore di sviluppo e competitività territoriale. Un’esplorazione dei confini tra politica, beni comuni, diritti, valori ed utilitarismo economico, in cui la programmazione pubblica è lo strumento di attuazione di politiche concertate.

Il testo è organizzato in due parti.

La prima è un tentativo di dare conto e mettere un poco di ordine nei diversi concetti di base (politiche sociali, pianificazione, programmazione, regolazione, promozione), nei diversi approcci e modelli (dal sinottico agli incrementali, da quelli più semplici a quelli plurilivello), alle leve per modificare la realtà (le norme, le risorse finanziarie, umane e strumentali).

Nella seconda si analizzano e documentano, con un approccio volutamente astrattamente "razionale", i vari passaggi del processo programmatorio: dai documenti di indirizzo, agli imputs e osservazione dei fenomeni, la decisione, la costruzione, l’implementazione e la valutazione di un programma, offrendo, poi, una breve rassegna di alcuni strumenti operativi: da quelli orientati alla coerenza interna, a quelli di analisi territoriale, alla gestione, all’identificazione di bacini di intervento.

La trattazione è integrata da decine di schede che, anche in una visione storica, permettono di contestualizzare i temi trattati.

In qualche modo questo testo, nella sua seconda parte, può essere inteso come un manuale che vuole riassumere le nozioni fondamentali sul tema ed uno strumento di facile consultazione; anche se, paradossalmente, non potrà mai essere utilizzato come tale. Infatti il suo significato ultimo e profondo è che oggi la programmazione sociale è un processo estremamente complesso, articolato, non lineare, differente in ogni situazione, tale da apparire, a volte, quasi confuso; un processo che sicuramente non rispetterà la razionalità astratta che, al contrario, tende ad organizzare la trattazione della materia.

La programmazione pubblica è, infatti, oggetto per raffinati artigiani che conoscono profondamente tutti i temi, i problemi, i metodi, gli strumenti e le tecniche, ma li sanno applicare con estrema duttilità a seconda del contesto e degli attori che lo vivono, producendo di volta in volta prodotti diversi, componendo di volta in volta in modo differente le singole parti.

Tutti gli aggiornamenti del sito sulla

PAGINA FACEBOOK

“Mi piace” per avere le notifiche. Suggeriscilo ai tuoi amici