Sistema Museale di Ateneo
Collezione Storica degli Strumenti di Fisica 

Sfera Armillare
L'Università degli Studi di Palermo, al fine di coordinare le attività di promozione, conservazione, arricchimento e fruizione del patrimonio culturale e scientifico, ha istituito il Sistema Museale d'Ateneo (SiMuA) con D.R. 1576 del 09/05/2011. Del Sistema Musele d'Ateneo fa parte la Collezione Storica degli Strumenti di Fisica, esposta presso il Dipartimento di Fisica e Chimica (DiFC), al primo piano dell'edificio di via Archirafi 36 [booklet]. 

Una prima ricognizione della Collezione è stata avviata nel 1997 dalla prof.ssa Giorgia Foderà, con la preparazione della tesi di Laurea in Fisica nel 2002 del dott. Vincenzo Sagone. Attualmente, le attività di catalogazione e valorizzazione sono portate avanti sotto la responsabilità scientifica del prof. Aurelio Agliolo Gallitto. La collezione oggi conta più di 500 strumenti scientifici di interesse storico, di cui i più antichi risalgono all'inizio del XIX secolo. Un notevole sviluppo degli strumenti della Collezione si ebbe in seguito all'assegnazione della cattedra di Fisica Sperimentale, nel 1811, all'abate Domenico Scinà (1764 - 1837). Fu proprio Scinà, infatti, a chiedere all'Università di Palermo di acquistare strumenti di Fisica, principalmente per fornire un sussidio didattico-dimostrativo alle lezioni in aula. A questi primi strumenti didattici, si affiancarono successivamente anche strumenti di ricerca. Circa 50 strumenti risalgono alla prima metà del XIX secolo, la maggior parte realizzati nelle officine locali. Tra questi vale la pena ricordare:
  • il doppio cono e il cilindro impiombato, che salgono sul piano inclinato; 
  • la sfera armillare in ottone, riconducibile al "meccanico" inglese Henry Drechsler allievo dell'illustre costruttore londinese Jesse Ramsden
  • il rifrattometro realizzato da Rosario Caruso nel 1843. 
La collezione ha subito un progressivo deterioramento nel corso degli ultimi anni della dinastia borbonica. Periodo in cui erano in uso strumenti obsoleti ed ormai usurati dal tempo, senza alcuna possibilità che venissero sostituiti da strumenti più moderni. Solo nel 1863, con l'arrivo a Palermo del giovane Pietro Blaserna, fondatore poi dell'Istituto di Fisica di via Panisperna a Roma, si riesce a ribaltare la critica situazione con l'acquisto di un gran numero di nuovi strumenti dalle più importanti case costruttrici francesi, inglesi e tedesche.

Gli strumenti della Collezione oggi abbracciano diversi ambiti della fisica: meccanica, acustica, calorimetria, ottica, elettromagnetismo, spettroscopia e fisica moderna, a testimonianza degli interessi prevalenti della ricerca scientifica condotta a Palermo. Per la loro importanza storica e scientifica, vale la pena ricordare:
Macchina di Wimshurst
The Historical Collection of the Physics Instruments displayed at the Department of Physics and Chemistry of the University of Palermo contains a rich variety of antique instruments and apparatus. The oldest ones date back to the beginning of the 19th century. A remarcable input to the Collection was given when Domenico Scinà held the chair of Experimental Physics in 1811 at the old “Gabinetto di Fisica” of the “Reale Università degli Studi di Palermo”. The Collection consists of more than 500 instruments, many of which have constituted part of the apparatus used for scientific research. Although the first instruments were only employed for didactic demonstrations, the collection faithfully reflects the main topics of the scientific research carried out in Palermo since the second half of the 19th century onward. 
The collection mainly concerns 
mechanical, acoustic, calorimetric, optical and 
electromagnetic instruments made by 
manufacturers in France, Germany, England, as 
well as in Italy. 
Intervento di restauro conservativo
     Almost 50 instruments have been manufactured the first half of the 19th century, most of them in the local physics laboratory. Among them, the double-cone and the cylinder with a lead ballast that climb up an inclined plane; the brass armillary sphere, attributed to Henry Dreschler, a pupil of the famous Londoner manufacturer Jesse 
Ramsden; and a rare refractometer realized by Rosario Caruso in 1843. The Collection suffered a gradual deterioration over the last years of the Borbonic dynasty, where several time-worn and obsolete devices were still being used instead of being replaced by modern ones. Only in 1863, the young Pietro Blaserna, later founder of Via Panisperna Institute in Rome, manages to turn the critical situation around by purchasing a large number of new instruments from the main French, English and German manufacturers. The spectroscope with four prisms made by Duboscq, and Melloni’s optical bench built at the Ruhmkorff laboratories in Paris are two notable examples of the devices added to the Collection in those years. Arguably, one of the most important instruments in the Collection is the ionization chamber used by Emilio Segrè and the mineralogist Carlo Perrier for the studies that led in the 1937 to the discovery of the element Technetium.


In evidenza


Regolamenti, accordi e convenzioni

  • Regolamento del Centro Servizi del Sistema Museale d'Ateneo, D.R. 241 del 25.01.2017 > pdf
  • Regolamento del Sistema Museale d'Ateneo, D.R. 416 del 04.02.2014 > pdf
  • Regolamento in materia di donazioni di opere d'arte, D.R. 1181 del 03.04.2014 > pdf
  • Convenzione tra il Dip.to di Fisica e Chimica e l'IIS "Damiani Almeyda - Crispi" di Palermo, 12.01.2015 > Convenzione > Richiesta rinnovo > Rinnovo 
  • Convenzione tra il Dip.to di Fisica e Chimica e il Liceo Classico "Umberto I" di Palermo, 7.06.2014 > pdf
  • Convenzione tra il Dip.to di Fisica e Chimica, il Liceo "Regina Margherita" e il Liceo Scientifico "Cannizaro", 7.10.2016 > pdf

Come contribuire


§ Donazioni
  • Chiunque volesse donare uno strumento scientifico di interesse storico, può contattarci e insieme valutare l'eventuale modalità di ritiro dell'oggetto. Tutte le spese sono SEMPRE a NOSTRO carico. Per gli Enti pubblici, la donazione di strumenti di interesse storico potrebbe far risparmiare le spese per lo smaltimento e contribuire alla valorizzazione del nostro patrimonio culturale [Scarica il Modulo].
  • Chiunque volesse fornire ulteriori informazioni riguardanti gli strumenti può contattarci. Siamo interessati a illustrazioni e/o cataloghi di strumenti. Siamo inoltre particolarmente interessati a testi che descrivono l'uso di questi strumenti nella didattica.
§ Volontariato individuale
  • Le competenze di ognuno di noi possono essere preziose per la valorizzazione della Collezione. Si può contribuire alla valorizzazione del nostro patrimonio culturale nel ruolo di collaboratore esterno.


Responsabile Scientifico  Collaboratori Collaboratori esterni Supporto tecnico
Prof. Aurelio Agliolo Gallitto Prof. Roberto Zingales
Prof. Emilio Fiordilino
Dott.ssa Fulvia Bartolone
Prof.ssa Giulia Cordone 

Dott.ssa Ileana Chinnici
Prof. Salvo Licata
Prof.ssa Donatella Capotummino
Sig. Filippo Mirabello
Dott. Pino Sgroi
Dott.ssa Rosalba Daniele
Dott.ssa Francesca Taormina
Dott.ssa Vitalba Pace
Sig. Giacomo Tricomi
Sig. Gianluca Napoli
Sig. Marcello Mirabello
Sig. Pietro Bisconti  
Sig. Casimiro Caruso
Dott. Natale Surano
Dott.ssa Antonella Tarantino

Collezione Storica degli Strumenti di Fisica del Sistema Museale di Ateneo
Dipartimento di Fisica e Chimica, I Piano, Via Archirafi 36, Palermo [Google maps: 38.110, 13.373]
Email: collezionefisica@unipa.it - Tel VoIP: 091.23899137
Ingresso gratuito su prenotazione per gruppi di circa 10 persone  -   Accessibile a persone con mobilità ridotta


YouTube   flickr   WikipediA   SiMuA   VirtualTour   facebook   Google Maps