Agostino

- Parola del Signore!

- Amen. L'assemblea si sedette, mentre intorno si creava silenzio.

Agostino attese ancora un po', guardò infondo, fissò una donna, giusto per non dare un senso di vuoto allo sguardo e iniziò a parlare: - Oggi, l'invito è a riflettere sul significato di digiuno gradito a Dio.

In questo inizio di quaresima è offerta questa bellissima pagina di Isaia. Il profeta pone una distinzione netta tra un comportamento puramente formale e un modo che trova “radice” nel profondo del cuore.

Uno slancio d'amore in grado di lenire le sofferenze e creare un livello più alto di giustizia sociale.

Il vero senso di digiuno è dare spazio, in noi, all'alito di Dio, che traccia la strada dell'amore.

Il digiuno è quell'area del silenzio, che si fa “casa dell'ascolto”. Nel silenzio Dio parla e mostra i livelli più alti di umanità. …

Via via che parlava percepiva il respiro attento dell'assemblea che di fatto non vedeva, preso come era, a cercare la parola o il significato che meglio potesse rendere viva quella pagina.

Una delle sue premure era di non rendere formali le celebrazioni. Un eco biblico gli ragionava dentro: - Siate un cuore di carne!

Quando aveva sentito la chiamata, su quel cuore aveva molto riflettuto e non accettava che ogni messa finisse con l'assumere la stanchezza di una litania, di un ché di automatico, deprivato di significato.

Preso dal suo scandagliare in profondità, finiva ogni volta col perdere la visione delle pareti e i volti si sbiadivano. Nel suo smettere di vedere, solo il silenzio del respiro lo teneva legato all'assemblea.

Quel silenzio pieno di tensione era la conferma che quel suo scavare aveva prodotto un solco comune: - Ecco, il solcare è l'aprire la strada verso l'altare dell'Altissimo!

Non amava una religione di facciata, si ripeteva: - Cristo è stato un rivoluzionario quando ha scacciato i mercanti dal tempio! Egli ha posto il primato della coscienza che rende liberi, non l'osservanza che fa essere tiepidi nei confronti della vita!

Siate un cuore di carne!









Personaggi (1° Ordito): 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14

Orditi: - - - - - - -   -




© 2011 - Antonia Colamonico - Vietata la riproduzione -
e-mail:

Comments