Lombardi Maria Grazia

Lombardi Mariagrazia

Mariagrazia Lombardi

Laureata in materie letterarie presso l'università degli studi di Parma, Maria Grazia Lombardi dal 1985 comincia l'attività di docenza (lettere e storia) presso diversi istituti superiori cremonesi.

Alla professione di insegnante (che svolgerà fino al 1998), dal 1989, affianca quella di consulente in qualità di perito grafologo collaborando con i tribunali a livello nazionale.

Tra il 1995 e il 1998 attraversa un intenso percorso di ricerca nell'ambito dello studio sul "Morbo di Parkinson" presso gli Istituti Ospitalieri di Cremona (divisione di Neurologia) e presso gli istituti ospitalieri di Sospiro dove, sempre come ricercatrice, approfondisce degli studi sulla grafia dei malati di Alzheimer.

Seguono numerose pubblicazioni, tra cui un artcolo dal titolo "Esiti della ricerca sui malati di Morbo di Parkinson" sulla rivista "Bollettino Ufficiale Medico Chirurgico" e il libro scritto in collaborazione con l'avvocatessa Antonella Passerini "TU NELLA TUA MANO - Conoscerti in silenzio"

Dal 2012 é docente di "Grafologia" presso l'istituto di analisi immaginativa (scuola superiore di formazione in psicoterapia riconosciuta dal ministero dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica).

E'Iscritta all'Albo dei Periti presso il Tribunale di Cremona al n. 74 Iscritta nel Ruolo dei Periti e degli Esperti al n. 110 della C.C.I.A.A. di Cremona.

fonte: sito ufficiale di Mariagrazia Lombardi

Trasformazione della materia e colori

Paola Moglia espone a Ca' Barbieri

di Mariagrazia Lombardi


Paola Moglia ha accettato la sfida di non adeguare la sua natura idealistica ad un mondo troppo ristretto e ha affrontato la prova dell’ignoto.

E’ stato difficile, all'inizio, credere totalmente in se stessa. Ha infatti ricercato la bottega dei grandi per imparare la tecnica in umiltà e per conoscere il colore in tutte le sue valenze. Voleva la protezione dei grandi e infine riposare, soddisfatta.

Poi ha capito che nessuno poteva decidere al suo posto e che non vi era una via di mezzo.

Scartato ogni compromesso, più o meno virtuoso, Paola, in equilibrio, ha preso il largo e ha solcato il mare.

Le sue nuove creazioni, basate sul colore e i materiali più vari, ci conquistano razionalmente e, se non le comprendiamo, ci seducono.

Paola è a metà tra i due estremi: conoscenza razionale e potenza creatrice.

L’artista ha avuto la fortuna di osservare un miracolo: il colore ha incontrato la materia e l’ha trascesa. Il suo pennello ha fermato l’emozione sulla tela.

L’esperienza ha acceso la visione interiore che consente prospettive differenti e solitarie.

L’artista è uscita alla luce e, invece di essere abbacinata, ha conservato l’intelletto e l’arte di governare la materia che gli antichi maestri le avevano inculcato.

Il suo linguaggio è oggi raffinato ed elegante, sempre sorretto da una mente chiara, e il risultato è pieno di luce e di colore.


Mariagrazia Lombardi


 Esposizione di Paola Moglia presso il ristorante Ca' Barbieri di Levata di Grontardo in una magnifica cornice

Esposizione di Paola Moglia presso il ristorante Ca' Barbieri di Levata di Grontardo in una magnifica cornice

di Mariagrazia Lombardi

... però ho sempre studiato, provengo da una cultura classica, ho fatto una laurea in letteratura, poi ho fatto quindici anni di studi universitari, perché un tempo durante l'università studiavo criminologia... Quindi quando Paola Moglia mi ha detto "ma non diresti qualcosa su questa mostra, su questi quadri?" allora ho detto va bene, mi comporterò come mi comporto nell'ufficio del pubblico ministero. Entro e dico ai carabinieri: portatemi i corpi del reato, portatemi quello e quell'altro e incominciamo con i vari periti che ci sono (non è che sono l'unica) a strutturare le cose. Prima di tutto ho basato i colori e allora mi sono detta: i Romani, che erano un popolo molto razionale, terra terra, dicevano una frase sui gusti: "sui colori e sulla bellezza delle donne non dobbiamo mai discutere". Perché? Perché i colori ognuno li interpreta come vuole. I Romani avevano sostanzialmente pochi colori....

L'effervescente e acuta critica Mariagrazia Lombardi presenta la mostra "Essere Tempo Materia" con una relazione sul colore dagli antichi a oggi con una cultura esemplare. Grazie.

Paola Moglia