Canesi Fabio

Canesi Fabio

Mondo Padano 11 maggio 2019

Verso “l’origine”. Il senso ultimo del mio indagare

L'incontro - Paola Moglia si racconta

di Fabio Canesi

Ora che il suo virtuoso percorso artistico s’è intrecciato con quello di un autore di prim’ordine come lo scultore casalasco Brunivo Buttarelli, la pittura di Paola Moglia ha conosciuto la propria esaltazione. «Il nostro incontro, avvenuto peraltro in modo del tutto accidentale alcuni mesi fa, ha portato alla genesi di un progetto (“EssereTempoMateria”, un evento allestito negli spazi del Centro Culturale di Santa Maria della Pietà fino al prossimo 26 maggio) attraverso il quale, tanto io quanto Brunivo, riusciamo a portare all’attenzione degli appassionati della materia tutta l’“essenza” della nostra arte», sottolinea Moglia. Una carriera, la sua, contrassegnata da una lunga serie di iniziative organizzate dentro e fuori i confini della nostra provincia, che oggi vede nella prestigiosa iniziativa - che la pittrice s’è fatta carico di curare e di organizzare in prima persona, oltretutto - l’occasione di palesare molti degli elementi che caratterizzano la sua “cifra” stilistica, ormai perfettamente decodificabile...

fonte: mondopadano.it

Mondo Padano 20 gennaio 2017

L’arte che si fa materia nelle opere di Paola Moglia

Una mostra al Museo Civico di Crema ripercorre i 30 anni di creazioni di Paola Moglia

di Fabio Canesi

Quella che Paola Moglia nutre, fin dall’età più tenera, nei confronti della pittura è una passione («Un’ossessione», per dirla con Georges Simenon, che così indicava la sua sconfinata attrazione per la scrittura) radicata ormai da tempo, tale da farle raggiungere un traguardo da molti soltanto agognato e mai pienamente raggiunto: la meritata celebrità sia dentro che fuori i confini della nostra provincia.

Già protagonista di varie mostre – individuali e collettive – organizzate a Cremona, la sua città natale, l’artista è ora unica protagonista di un’importante esposizione (“Colore e materia: 30 anni di ricerca”) organizzata dentro gli spazi delle Sale Agello del Museo Civico di Crema e del Cremasco.

Da domani fino al prossimo 5 febbraio, la pittrice – nel cui curriculum vitae vi sono anche importanti collaborazioni con celebri agenzie pubblicitarie in qualità di art director – presenterà agli appassionati una nutrita selezione, fra dipinti e opere grafiche, realizzata nell’arco di trent’anni di attività: un percorso segnato da una costante ricerca espressiva, che nasce da un’iniziale propensione alla forma grafica per inoltrarsi progressivamente nel campo della pittura materica, giocata in prevalenza su suggestioni di colore e contrasti accesi...


Mondo Padano 20 gennaio 2017

L'Arte che si fa Materia

Una mostra ripercorre i 30 anni di creazioni di Paola Moglia

a cura di Fabio Canesi

CREMONA....