Navigazione

    Home



    Venerdì 11 aprile alle 21 a Castello d'Agogna
    nella saletta sopra la Posta

    si terrà l' assemblea annuale di Futuro sostenibile in Lomellina aperta a tutti coloro che ci seguono con interesse.

    Faremo il bilancio delle attività del 2013 e delle attività
    che abbiamo già intrapreso quest'anno.

    Insieme parleremo di ciò che avvieremo
    nei restanti mesi del 2014.

    All'ordine del giorno anche l'elezione del nuovo direttivo.



    LETTERA APERTA AI SINDACI DEI COMUNI COINVOLTI
    NEL PROGETTO DELL'AUTOSTRADA BRONI-MORTARA-STROPPIANA

    5 aprile 2014

    Egregio sig. Sindaco,
    le scriviamo questa lettera in quanto, essendo il Suo
    Comune interessato direttamente alla realizzazione
    dell’autostrada Broni - Mortara – Stroppiana, Lei sarà
    direttamente coinvolto nelle prossime decisioni relative
    alla realizzazione o meno di tale opera.

    Indipendentemente dalle Sue precedenti valutazioni,
    vorremmo oggi richiamare la Sua attenzione su un fatto che,
    a nostro giudizio, potrebbe, o meglio dovrebbe, avere dirette
     conseguenze sulle determinazioni future.

    Intendiamo riferirci all’ultimo scandalo che ha visto coinvolti
    “Infrastrutture lombarde” con l’arresto dell’ex presidente Antonio
    Rognoni e del direttore della gestione appalti Perez e
    l’incriminazione di altri funzionari e liberi professionisti.

    Apprendiamo dalla stampa, che nel lungo elenco degli episodi
    in cui emergono evidenti elementi di corruzione, turbativa d’asta
    ed associazione a delinquere, ci sono fatti riguardanti la
    realizzazione dell’autostrada che taglierà in due la nostra
    provincia.

    Dalla stampa che riprende evidentemente gli atti emessi dai
    magistrati inquirenti, emerge che, in conseguenza di un ricorso
     presentato da un concorrente, “Consorzio Sis” al TAR lombardo
     per l’esclusione dalla gara d’appalto per l’assegnazione dei lavori
    della suddetta autostrada, vinta poi dalla SABROM S.p.A.,
    l’assistenza legale di Infrastrutture lombarde viene affidata
     allo studio “ Magri ed associati”, attraverso accorgimenti illeciti
    quali la retrodatazione del documento ed altri poco onorevoli
    trucchi.

    Dall’ordinanza di arresto degli indagati si può leggere testualmente: “ le assegnazioni dei servizi erano precedute da intense trattative clandestine fra gli indagati” ed altresì si rileva come in una determina per l’affidamento dell’incarico legale si può leggere la seguente nota “ Non dare notizia dell’affidamento in oggetto sul sito internet di Ilspa, in quanto il contratto può essere affidato unicamente allo studio legale ( Magri & Associati ndr).
    Pur riconoscendo la presunzione di innocenza dovuta a tutti
    gli indagati, non crediamo si possa non sottolineare come
     le contestazioni avanzate abbiano una loro evidente fondatezza
    e richiedano quindi un’ulteriore necessaria considerazione.

    Noi riteniamo che, alla luce della situazione venutasi a creare,
    si renda necessaria una pausa di riflessione circa gli atti
    deliberativi da assumere che porti alla verifica puntuale della
    legittimità e della regolarità di tutti gli atti fin qui seguiti
    da “Infrastrutture lombarde” nell’espletamento della propria
    funzione di Ente concedente relativamente all’autostrada
    Broni- Mortara-Stroppiana ed in particolar modo alla gara
    vinta dalla concessionaria SABROM Spa.

    Tale decisione, oltre a rappresentare un segnale importante
     circa la volontà di dissociarsi e di combattere atteggiamenti
     delittuosi che concorrono pesantemente a discreditare l’attività
    politica ed amministrativa di chi invece opera e lavora a favore
    della comunità, consentirebbe di evitare possibili, ulteriori
    “sorprese”.

    Una delle ragioni della nostra opposizione alla realizzazione
    di questa opera consisteva nella consapevolezza che questo
    tipo di mega-appalti potesse nascondere zone d’ombra frequentate
     da personaggi mossi soltanto da desiderio di facili ed illeciti
     guadagni: le inchieste sui rifiuti tossici pericolosissimi interrati
     sotto l’autostrada Milano-Brescia, la Pedemontana Veneta e
    l'autostrada in costruzione Rovigo-Valdastico lo stanno a
    dimostrare.

    Per queste ragioni, le chiediamo di farsi interprete di questa
    richiesta di moralità e di trasparenza e operi, analogamente a
    quanto faranno altri Suoi colleghi, al fine di sospendere il
    proseguimento dell’iter approvativo dell’opera fino al completo
    accertamento della verità.

    Associazione Futuro sostenibile in Lomellina
    Comitato di Bressana Bottarone
    WWF Oltrepo’ Pavese
    Comitato La Nostra Sannazzaro
    Italia Nostra sezione di Pavia
    Comitato di Santa Giulietta
    Comitato 2Sì Acqua Bene Comune
    Comitato di San Martino Siccomario
    Comitato Agriter
    Comitato di Lomello
    Comitato a Tutela del Territorio Cavese
    Comitato di Sommo
    Comitato di Barbianello
    Associazione Parco Visconteo
    WWF Lomellina
    Associazione ambiente e territorio Carbonara Ticino
    Comitato Tutela Ambiente e Territorio Zinasco
    Comitato di Dorno
    Coordinamento contro l’autostrada Broni-Mortara-Stroppiana
    Comitato Salute e Ambiente di Parona
    Comitato di Mezzana Bigli
    Associazione La Rondine
    Associazione Vigevano sostenibile
    Associazione Vivere tra due fiumi

    4 aprile 2014
    ECO-TRASS, l'infinita telenovela

    Con un certo imbarazzo ritorniamo su un argomento che, se non
    fosse per le gravi conseguenze che determinerà, risulterebbe
    stucchevole e noioso.

    Ci riferiamo alla faccenda CIPAL – ECOTRASS che sta assumendo
     le caratteristiche di una telenovela e, come ogni soap opera
    che si rispetti, richiede un breve riassunto delle puntate precedenti.
    Tutto inizia nel maggio 2013 quando il consiglio di amministra
    zione, alla presenza del presidente Colli, delibera di cedere
     oltre 20.000 m₂ dell’area CIPAL alla ditta Eco-Trass
     per la realizzazione di uno stabilimento che trasformerà 60.000
    tonnellate di rifiuti all’anno in fanghi e gessi da destinare
    allo spargimento nei campi.
    La delibera dà mandato al presidente di sottoscrivere gli atti
    preliminari e ciò avviene consentendo anche l’incasso da parte
     del CIPAL di 20.000 € di anticipo.

    In giugno la notizia esce sui giornali scatenando le reazioni
    contrarie del Comune di Mortara e di altre Amministrazioni,
    di associazioni produttive e ambientaliste e di numerosi cittadini,
    contrari all’arrivo in Lomellina di una nuova montagna di rifiuti
    da smaltire.
    Tutto si trascina stancamente per molti mesi nel più assoluto
    silenzio degli organi direttivi del CIPAL mentre cresce il
    malcontento dei sindaci che si sentono scavalcati in questa
    decisione che riguarda il territorio.

    Finalmente a marzo 2014 viene convocata un’assemblea
    che decide di rinviare ogni decisione a un secondo incontro.

    Giovedì 27 marzo, seconda puntata, questa volta a porte chiuse,
    e ancora si decide di non decidere rinviando tutto a dopo l’incontro
     di una delegazione dei sindaci con l’assessore provinciale
    all’ambiente.

    Martedì 1 aprile incontro in Provincia e nuovo rinvio con la
    decisione di attendere i risultati dell’indagine che l’ASL
    farà sulla compatibilità ambientale della ditta in oggetto
    in un contesto già pesantemente compromesso.

    Risultato a quasi un anno dalla deliberazione:

    a) il preliminare di vendita del terreno non risulta minimamente
    scalfito e rappresenta ad oggi l’unico dato di fatto certo,

    b) non esiste alcun atto che formalizzi in alcun modo
    la contrarietà dell’assemblea dei sindaci del CIPAL alla vendita
    del terreno. Esistono a quanto ci risulta solo due delibere contrarie
     dei comuni di Castello d’Agogna e Sartirana,

    c) il coinvolgimento della Provincia e dell’ASL non è determinante
     nell’assunzione di una decisione per la vendita del terreno,

    d) l’incarico dato all’ASL, per i tempi che richiederà, rappresenta
    l’insperata ciambella di salvataggio data a quei sindaci
    che vogliono la realizzazione dell’impianto evitando a chi
    di loro è in piena campagna elettorale di esporsi su questo tema.

    Noi riteniamo che questo gioco dei quattro cantoni debba finire
    al più presto con una delibera chiara e netta dell’assemblea CIPAL
    che ritratti la decisione presa dal consiglio di amministrazione
    di vendere il terreno eliminando così all’origine la questione.

    La faccenda sta tutta qui: chi vuole la fabbrica di fanghi lo dica
    apertamente motivando la sua scelta, chi ritiene che la Lomellina
    non possa più sopportare ciò che da anni subisce, si opponga
    chiaramente alla vendita del terreno.

    Ma, in ogni caso, la scelta va fatta ora, senza alibi, inutili rinvii
    e scorciatoie che, volutamente, i soliti noti sanno astutamente
    escogitare.

    Noi, in ogni caso, saremo particolarmente vigili e chiederemo
    ai vari candidati che si presenteranno
    alle elezioni comunali
    qual è la loro posizione in merito
    segnalando agli elettori
    che decideranno di conseguenza
    chi ha avuto comportamenti
    ambigui e contraddittori.


    Associazione Futuro sostenibile in Lomellina



    COMUNICATO STAMPA
    Segnalazione al Ministero dell'Ambiente
    per previsto insediamento ditta di fanghi Eco-Trass


    Castello d’Agogna, 5 marzo 2014
    Si comunica che il 4 marzo 2014 Futuro sostenibile in Lomellina
    ha presentato un esposto al Ministero dell'Ambiente per l' insediamento della
    ditta Eco-Trass a Mortara in zona Polo Logistico.
    Il primo esposto, presentato al Ministero dalla nostra associazione nel febbraio 2012
     relativamente alla grave situazione ambientale attorno a Mortara, aveva prodotto
    da parte del Ministero l’affidamento del caso all’Ispra con il preciso compito di redigere
     la relazione di approfondimento tecnico-scientifico e di valutazione del danno ambientale.

    Nonostante ciò, nonostante il grave livello di inquinamento da più parti denunciato
     e nonostante gli studi in corso, alcune amministrazioni locali riunite nel Cipal,
    invece di attuare interventi che risanassero gradualmente la grave situazione ambientale
    hanno portato avanti con leggerezza le trattative con la ditta di fanghi Eco-Trass
     fino a incassare un anticipo sull’acquisto dei terreni.

    Alla luce della richiesta di Eco-Trass di verifica di assoggettibilità alla VIA,
    Futuro sostenibile in Lomellina ha segnalato al Ministero questa situazione affinché
     tutti i soggetti pubblici che, in forme e modi diverse, hanno competenze in ordine
    alla valutazione di tale progetto, ne dichiarino la non realizzabilità in nome di un interesse
     pubblico superiore: la salvaguardia di un territorio già fortemente penalizzato e la salute
     dei cittadini, quale bene primario di ogni società che voglia dirsi civile.

    Nel rispetto del principio di precauzione e di prevenzione e del principio di correzione
     alla fonte (art. 174 CE) si chiede che il macro obiettivo indicato dall’UE per
    la protezione ambientale sia l’obiettivo primario di ogni amministratore al fine di
    contribuire a migliorare stili e ambienti di vita, intervenendo sui fattori positivi e
    negativi che influiscono sull’insorgenza delle principali patologie croniche,
     per potenziare i primi e ridurre la presenza dei secondi.



    PETIZIONE PER
    UNA RACCOLTA DIFFERENZIATA SPINTA
    CON TARIFFAZIONE PUNTUALE


    CONSIDERATO CHE

    1. Il Parlamento europeo al fine di proteggere l’ambiente e la salute umana

    a) sollecita buone pratiche in materia di rifiuti,
    b) istituisce la gerarchia dei rifiuti,
    c) impone la riduzione dei rifiuti residui fino a raggiungere livelli prossimi allo zero
     (Direttiva Europea 2008/98/CE).


    2. Entro il 2014 è previsto:
    a) un graduale divieto dello smaltimento in discarica
    b) e per la fine di questo decennio progressivamente sarà abolito l'incenerimento dei rifiuti
    riciclabili e compostabili (Risoluzione Parlamento Europeo 2011/2194 INI);


    3. L’Italia entro il 2020, dovrà ulteriormente ridurre i rifiuti del 20% e le risorse economiche
     dovranno essere destinate alla sperimentazione di percorsi nuovi e diversi da quelli
    del passato;


    4. I comuni della provincia di Pavia sono fermi a circa il 30% di raccolta differenziata
    con costi per i comuni e cittadini elevatissimi, nonostante la normativa italiana prevedesse
     il raggiungimento dell’obiettivo del 65% entro il 2012;


    5. Il nuovo Programma Regionale di Gestione dei Rifiuti (PRGR) di imminente
    approvazione prevederà tra i suoi obiettivi il raggiungimento entro il 2020 del 67%
     di raccolta differenziata a livello regionale e del 65% a livello di singolo Comune,
    oltre alla diffusione, sul territorio regionale, della tariffa sui servizi di igiene urbana basata
    sul metodo “puntuale”


    PRESO ATTO DELLA NECESSITA’
    • di puntare su una “economia di comunità” basata sulla riduzione, il riuso e il recupero
      dei materiali e dei beni, rendendo ogni cittadino partecipe e responsabile dei costi
      di gestione dei rifiuti e mirando al contenimento, se non addirittura alla riduzione,
      degli oneri finali a carico dell’utenza (la “bolletta dei rifiuti”);

    • di evitare conferimenti impropri di rifiuti da parte di cittadini poco consapevoli
      dell’incisività del proprio comportamento sulla qualità dell’ambiente in cui vivono;

    • di perseguire il principio UE adottato da tutti gli Stati membri “chi inquina paga”;
    • di creare posti di lavoro sul territorio con scelte mirate al riciclo;

    I CITTADINI FIRMATARI CHIEDONO
    Per favorire il coinvolgimento della popolazione nei processi decisionali relativamente
    all’applicazione di buone pratiche nella produzione, riciclo e smaltimento dei rifiuti
     con la responsabilizzazione di comportamenti individuali e la disincentivazione
     del fenomeno degli abbandoni dei rifiuti

    1. L’adozione di un sistema della raccolta differenziata porta a porta spinta su tutto
    il territorio con l'applicazione della tariffazione puntuale come modalità ordinaria
    attraverso la messa a punto di sistemi di commisurazione precisa al fine di:

    • tenere traccia dell’effettivo conferimento dei rifiuti di ogni utenza con l’identificazione
      del conferitore
    • un equo tributo sui rifiuti calcolato sull’ effettiva produzione dei rifiuti indifferenziati.

    2. L’istituzione da parte delle autorità comunali di un Osservatorio verso Rifiuti Zero
    con la partecipazione di cittadini e associazioni

    ai fini del controllo e monitoraggio permanente della qualità del servizio di igiene urbana
    ed attuazione della strategia Rifiuti Zero.




    RACCOLTA DIFFERENZIATA SPINTA

    CON TARIFFAZIONE PUNTUALE

    Raccolta firme alla Petizione per una Raccolta Differenziata Spinta

    Futuro sostenibile in Lomellina inizierà la raccolta firme per una RACCOLTA
    DIFFERENZIATA SPINTA nel comune di Mortara a partire da venerdì 14 febbraio, ore 9,30 – 12,
    al mercato di piazza Silvabella dove verrà allestito un banchetto informativo.
    Altre date previste per i banchetti saranno venerdì 28 febbraio e altri due
    venerdì di marzo.

    L’iniziativa verrà estesa anche ad altri comuni.


    La raccolta firme a Mortara avverrà anche presso la sede dell’Informatore
    Lomellino in via Roma 35 e
     presso la Libreria Mille e una pagina
    in corso Garibaldi 7.


    Riguardo al comune di Mortara, pur apprezzando gli sforzi che sta facendo
    per allargare la raccolta differenziata a tutta la città, sottolineamo che se
    effettivamente gli amministratori intendono:

    1. Abbassare i costi a carico del Comune della raccolta rifiuti
    2. Abbassare la tassa rifiuti ai cittadini
    3. Incrementare i posti di lavoro nel comparto della Raccolta Rifiuti e del Riciclo
    4. Eliminare il problema dei rifiuti abbandonati,

    La strada da percorrere è solo quella della RD SPINTA
    con TARIFFAZIONE PUNTUALE
     in atto in tanti comuni italiani e diffusissima all’estero.

    Difatti, come dimostrato nei comuni dove si effettua, mentre i sistemi
    domiciliari e di prossimità, dopo il livello iniziale elevato di RD,
    presentano in breve tempo un calo di partecipazione più o meno evidente,
    la tariffazione puntuale consente di ottenere una partecipazione costante
     e duratura nel tempo.
    La singola utenza con la tariffazione puntuale beneficia direttamente
    del risultato del suo impegno nel ridurre i rifiuti residui e ne valuta il
    risultato dall’importo tariffario che è tenuta a corrispondere, calcolato in
     base, non solo al grado di utilizzo del servizio di raccolta del rifiuto,
    ma anche in base alla quantità di rifiuti che conferisce.
    Questo è l’unico sistema che facendo prendere coscienza a tutti i cittadini
     del valore del rifiuto, permetterà in breve di tempo di raggiungere
    entro il 2020 gli obiettivi imposti dal nuovo Programma Regionale
    di Gestione dei Rifiuti (PRGR) di imminente approvazione che sono:

    1. Il 67% di raccolta differenziata a livello regionale
    2. Il 65% a livello di singolo Comune
    3. La diffusione su tutto il territorio regionale della tariffa sui servizi di
    igiene urbana basata sul metodo “puntuale”.



    Lettera inviata il 4 gennaio 2014
    ai 42 sindaci dei comuni aderenti al CLIR

    L’Assessore regionale all’Ambiente Terzi ha inviato ai Sindaci dei Comuni facenti parte
    del CLIR, la richiesta del parere di ogni singola Amministrazione circa la
    partecipazione, in qualità di socio del suddetto Consorzio, all’impresa promossa
     dalla Società ACTA tendente alla realizzazione di una discarica di cemento amianto
    in territorio di Ferrera Erbognone.

    Contro tale progetto si sono unanimemente espresse le Amministrazioni comunali di
    Ferrera Erbognone, Sannazzaro de’ Burgondi, Scaldasole, Mezzana Bigli, Lomello,
    Galliavola e l’Amministrazione provinciale.

    Le ragioni di tale netto rifiuto sono molteplici: le più evidenti si rifanno alla
    pericolosità derivante dalla realizzazione della discarica nelle immediate vicinanze,
    qualche decina di metri, dal grande complesso industriale della Raffineria, il primo
    e più evidente sito R.I.R. ( Rischio di Incidente Rilevante) della provincia.

    A riprova di ciò si riporta testualmente quanto contenuto nella relazione tecnica
    predisposta dall’ACTA a corredo della richiesta:


    Come si evince dalla Fig. 20, di seguito riportata, sulla base di quanto stabilito
     dalle delimitazioni individuate dall’Elaborato R.I.R. dei Comuni di Sannazzaro
    de’ Burgondi e di Ferrera Erbognone, il sito di ubicazione della discarica ACTA srl
    è parzialmente compreso nella zona ad elevata letalità, per quanto riguarda il settore
     più prossimo alla Raffineria Eni (porzione settentrionale dell’area oggetto di
    intervento), ed è via via interessato dalla presenza dell’area di inizio letalità,
    di lesioni irreversibili e, infine, di lesioni reversibili (che si sviluppano secondo
    cerchi concentrici di raggio via via crescente).


    Un deprecabile ma sempre possibile incidente rilevante nella contigua raffineria,
    caratterizzato da scoppi di elevata entità, potrebbe innescare il cosiddetto “ effetto
    accumulo” dei potenziali pericoli determinando la frantumazione degli involucri
    contenenti l’amianto e la polverizzazione delle micidiali particelle di tale materiale
     disperdendole nell’atmosfera.


    Sussistono poi ulteriori rischi connessi alla compromissione della falda freatica,
    all’ulteriore incremento di traffico merci nell’area, alla mastodontica dimensione
    dell’impianto, 600.000 mq., corrispondente all’amianto di due medie province,
    più di 200 tonnellate al giorno per i prossimi dieci anni che circoleranno per le
    strade lomelline.


    Alla luce di ciò si comprende la legittima preoccupazione delle popolazioni più
    direttamente interessate e delle Amministrazioni che le rappresentano.


    A fronte di queste palesi criticità, si può tuttavia comprendere l’evidente interesse
    della ditta proponente che spera di ricavare un considerevolissimo guadagno;
    assai meno si comprende la volontà di “dividere la torta” con un altro soggetto,
     il CLIR, cedendogli gratuitamente quote e ancor meno si comprende la decisione
    di alcuni amministratori che caldeggiano appassionatamente tale scelta.

    In verità la “generosità” dell’ACTA la si comprende benissimo; infatti la società
    ritiene che, solo presentando il loro affare come espressione, in qualche modo,
    della volontà del territorio, si potranno superare, a livello regionale, gli inaccettabili
    aspetti negativi presenti nel progetto.

    Quindi se questo è lo scotto da pagare lo si paghi pure purché l’obiettivo venga
    raggiunto.

    Inoltre, da parte da un Ufficio di presidenza del CLIR, già decisamente schierato a
     fianco dell’ACTA, sono stati presentati ai sindaci, ulteriori, consistenti vantaggi
     derivanti dai cosiddetti patti parasociali che si andrebbero a sottoscrivere.


    Al di là di molte fumose espressioni, siamo in grado di dimostrare che assai ridotti
    sono i vantaggi lasciati al CLIR, in particolar modo per ciò che riguarda le possibilità
    di controllo e di intervento e per ciò che riguarda le condizioni di favore riservate
    ai Comuni facenti parte del Consorzio, in ordine alle tariffe di smaltimento.

    Qualora foste interessati ad un’analitica disanima dei suddetti patti, la nostra
    Associazione è disponibile a trasmetterla.


    Tuttavia, è su un ultimo, fondamentale aspetto che si vorrebbe richiamare
    l’attenzione delle SS.LL. e delle rispettive Amministrazioni.

    Noi siamo convinti che l’associazionismo e, dove sia possibile, una più efficace
    integrazione delle Amministrazioni comunali rappresentino condizioni indispensabili
     per la realizzazione di servizi pubblici più adeguati e, soprattutto per una visione più
     ampia e coerente delle problematiche territoriali.

    L’impressione che si ricava, invece da questo episodio, ma anche da quello analogo
    del CIPAL con la volontà di cedere terreno alla periferia di Mortara per la realizzazione
    dell’ennesima fabbrica che tratta fanghi, è che il Consorzio venga visto solo come
    strumento per un immediato riscontro economico da raggiungere anche
    danneggiando e contro la volontà delle Amministrazioni e dei cittadini direttamente
     interessati.

    Sembra quasi di capire che per alcuni amministratori valga il motto latino
    “ mors tua, vita mea”, in altre parole che si ricerchi un interesse immediato
    per il proprio paese anche a costo di danneggiare pesantemente un altro.

    Per questo crediamo che ciascun Sindaco debba attentamente valutare queste scelte
     perché, se la logica predominante fosse quella sopra descritta, prima o poi potrebbe
     trovarsi nella stessa identica situazione in cui si trovano oggi i sindaci di Sannazzaro
    e degli altri comuni per la discarica di amianto o di Mortara per i fanghi al CIPAL.


    Le entità sovracomunali devono essere invece viste come espressione di un territorio
    omogeneo e coeso, un territorio dove i problemi, soprattutto quelli connessi con
    la vivibilità ambientale e la salute dei cittadini, debbano costituire la primaria
    responsabilità da parte di chi si è assunto l’onere di rappresentare una comunità.

    La Lomellina ha bisogno di vedere Sindaci che, insieme, assumano la consapevolezza
    di costituire il più importante e fondamentale mezzo di difesa e di salvaguardia di
    un’unica terra e di coloro che ci vivono e ci vivranno domani.

    Vorremmo terminare auspicando che finisca il tempo caratterizzato
     da un’altra espressione latina: “ divide et impera” ossia “ fa in modo che gli altri
    ( in questo caso i comuni lomellini) siano divisi e così noi vinceremo
     ( in questo caso aumenteremo i nostri conti in banca).


    Si ringrazia vivamente per l’attenzione prestata.
    Associazione Futuro sostenibile in Lomellina




    Comunicato stampa - 9 dicembre 2013

    Eco –Trass e Cipal

    Sulla stampa locale apprendiamo del progetto di 22000 mq della ditta
    Eco-Trass che tratterà rifiuti industriali a Mortara. Ci è più chiaro oggi
    il motivo dell’assenza di molti amministratori alla serata “Rifiuti e
    Responsabilità” con Ezio Orzes da noi organizzata l’8 novembre.
    Orzes ha indicato agli amministratori quali strade percorrere
    per rilanciare l’occupazione tutelando l’ambiente e la salute di tutti,
    facendo pagare meno ai cittadini e migliorando il bilancio dei comuni.
    Il confronto con i cittadini e con un amministratore pubblico virtuoso
    come Orzes avrebbe messo in difficoltà quegli amministratori che
    rinunciano sempre a tutelare la nostra salute e la terra dove viviamo.


    Il sindaco di Mortara oggi afferma che se dipendesse da lui, direbbe di no
    a Eco-Trass. Si rende forse conto dell’impatto negativo che subirà la sua città
    e poi a raggera i comuni limitrofi e la Lomellina intera? Si rende forse
    finalmente conto che in questo territorio non si può aggiungere più nulla
    di inquinante? Ricordiamo solo a chi volutamente se ne dimentica
    che tutte le criticità presenti sono state da noi denunciate al Ministero
    dell’Ambiente, che sta monitorando la situazione per la miraide di impianti
    IPPC presenti, per l’inceneritore di Parona, tra i più inquinanti della
    Lombardia, per il divieto di consumare a Parona uova e pollame del posto
    per la presenza accertata di diossine, per le polveri sottili per lunghi periodi
    di gran lunga oltre i limiti di legge. E che in quest’ottica la Regione
    ha istituito il Tavolo di Parona per analizzare gli inquinanti già oggi presenti
    nell’aria e sui terreni della zona compresa tra Vigevano, Parona, Mortara e
    Olevano.

    E ora si pensa veramente di dare il via all’insediamento presso il Polo
    Logistico di Mortara di una ditta che tratta rifiuti industriali da spalmare
    sui terreni agricoli, quando c’è già un depuratore che tratta liquami
    industriali rilasciando odori nauseabondi facendo ben capire quali
    sostanze tratti?

    Un ulteriore sfregio all’ambiente che non si può più giustificare con il solito
    refrain dell’incremento di posti di lavoro perché tutti sanno che è una frase
    priva di alcuna sostenibilità. Basti pensare alle promesse delle imprese
    che fino a poco tempo fa favoleggiavano l’assunzione di altri lavoratori
    per avere autorizzazioni al raddoppio dei camini e poi ne hanno mandati
    a casa a decine. Se si vogliono veramente creare posti di lavoro si pensi a
    una ditta di riciclo e si faccia una seria raccolta differenziata spinta.


    Suggeriamo poi al presidente del Cipal, Colli, di non pensare che la sua
    missione sia solo quella di vendere i terreni del Cipal come dichiara
    alla stampa. Si prefigga invece l’obiettivo di vendere i terreni solo a ditte
    che danno reali garanzie di tutela del territorio perché il Cipal non è
    un’agenzia immobiliare, ma un consorzio di comuni che può mettere paletti
    ben definiti. Non basta certo la visita di agosto nel bergamasco a garantire
    la sostenibilità ambientale di una ditta. Se è così ecologica, come dice il suo
    nome, convinca Eco-Trass a presentare un serio progetto di riciclo con il
    vincolo di assumere solo persone del posto. Tante sono le pratiche virtuose
    da intraprendere che non vengono mai prese in considerazione
    privilegiando al bene della comunità gli interessi e i profitti di pochi
    senza alcuna attenzione al futuro dei nostri figli.



    Comunicato stampa - 4 dicembre 2013
    Discariche di amianto in provincia di Pavia


    Abbiamo appreso con favore la notizia che la discarica di amianto
    prevista nella zona di Carbonara e dei paesi limitrofi non si farà;
    è una bella vittoria che le amministrazioni ed i cittadini del Siccomario
    si portano a casa.
    Al contrario, sembra più vicina l’approvazione della discarica di Ferrera
    a dimostrazione che la Lomellina continua ad essere considerata il luogo
    ideale per riversare i rifiuti, anche quelli più pericolosi, di intere
    province.
     Non dimentichiamo, infatti che in quella discarica ci starà tutto
    l’amianto di scarto di un paio di medie province.
    Il “merito” di questo risultato andrebbe innanzitutto all’Ammistrazione
    regionale che, appena uscita dallo scandalo della discarica di Cappella
    Cantone dove esponenti autorevoli di quella maggioranza sono stati
    trovati con le mani nel sacco, prosegue imperterrita alla faccia
    dell’Amministrazione provinciale e comunali interessate.
    Ma una grossa responsabilità compete anche a diversi sindaci della
    Lomellina che, attraverso il coinvolgimento del CLIR in questo affare,
    hanno fortemente sponsorizzato l’approvazione di questo sciagurato
    progetto. Basti citare gli appassionati appelli del sindaco di Mede e di quello di Sartirana per sapere chi i cittadini di Sannazzaro, Ferrera, Mezzana Bigli, Scaldasole, Galliavola dovranno ringraziare.
    Tuttavia uno sgambetto all’ultimo momento queste amministrazioni
    lo potrebbero fare ad un Consorzio che, anziché migliorare il servizio di raccolta
    e smaltimento rifiuti costosissimo e poco rispettoso dell’ambiente, pensa al modo
    di far arrivare in zona altri rifiuti, per di più pericolosi.
    Basterebbe che, come ventilato recentemente dall’assessore Fazzini di Sannazzaro,
     trovassero altre strade per il servizio di raccolta dei rifiuti e uscissero dal CLIR,
    come hanno fatto altri comuni.
    In questo caso la partecipazione del consorzio all’affare della Gallona sarebbe bloccato
    perché per statuto tale organismo può operare solo nel territorio di competenza.
    Coraggio dunque, le amministrazioni e i cittadini interessati non si perdano d’animo
    e facciano sentire ancora più forte la loro voce: quando si combatte per la salute
    nostra e di chi verrà dopo di noi, ogni sforzo va perseguito fino in fondo.



    Nota alla stampa su Autostrada Broni-Mortara-Stroppiana
    Associazione Futuro sostenibile in Lomellina
    20 novembre 2013

    Il 19 novembre il sindaco di Sartirana Prevedoni Gorone interviene
    sulla stampa locale sui problemi della Lomellina e sul toccasana di tutti i guai
    dell’autostrada Broni–Mortara–Stroppiana, offrendoci l’occasione per ribadire
     la nostra opinione. L’autorevole amministratore inizia la lettera affermando che
    la contrarietà espressa da Giulia Crespi e dal prof. Guderzo sull’autostrada conta poco
    perché “ entrambi non vivono in Lomellina”.
    Constatazione sconvolgente, considerato che l’autostrada prima di tagliare in due la
     Lomellina, transita per il Siccomario e l’Oltrepo e forse la casa del prof. Guderzo
    è più prossima a questa infrastruttura di quella del sindaco. Forse dimentica che
    5 su 6 sindaci lomellini hanno detto lo stesso no dei due “stranieri”,
     di tutte le associazioni agricole e ambientaliste e di centinaia di cittadini.
    I sostenitori della Bro-Mo-Stro affermano che l’autostrada è l’unica risposta
     alla disoccupazione. Argomento di sicura presa, considerata la drammatica situazione
    odierna, ma la causa della crisi, della chiusura delle fabbriche, dei licenziamenti,
    della cassa integrazione, dipendono da una carenza infrastrutturale?
     Forse la Cablelettra o le decine di imprese lomelline, hanno chiuso perché non passava
     un’autostrada sotto la fabbrica?
    No, perché se così fosse le imprese avrebbero spostato le sedi in zone ben servite
     mentre o le hanno chiuse per sempre o le hanno aperte in Bosnia, in Ucraina
    dove l’efficienza infrastrutturale non è il massimo.
    No, perché se così fosse lungo l’A7 non ci sarebbero decine di cartelli “vendesi”
     che pendono malinconici da bellissimi capannoni splendidamente serviti da un’autostrada.
     La crisi industriale ha cause ben più complesse e profonde. I lavori di realizzazione
    dell’opera determineranno una momentanea ripresa occupazionale ma, a che prezzo?
     Recenti dati della Camera di Commercio di Pavia testimoniano come, a fronte di pesanti
    cadute occupazionali nel settore industriale e terziario, si è registrato una sostanziale tenuta
     e una leggera ripresa in ambito agricolo. L’impatto dell’autostrada porterà invece forti
     ricadute sul consumo di suolo agricolo pregiato, sull’industria risiera, l’allevamento,
     l’industria lattiero casearia e meccanica.
    Mentre tutte le ricerche economiche evidenziano che la “ green economy”, con lo sviluppo
    di fonti energetiche veramente ecocompatibili, di un’agricoltura sostenibile,
     e un uso intelligente del territorio che valorizzi le bellezze naturali, storiche e culturali,
    sia l’unico strumento che possa ridare fiato a un’economia esausta,
    il modello proposto dal sindaco di Sartirana e dai fautori del sì è la battaglia di retroguardia
    che il tempo dimostrerà perdente.



     Fermiamo l’Ecocidio in Europa
    Un’iniziativa dei cittadini europei per garantire diritti alla Terra

    20131010_ecocidio

    C’è ancora tempo (fino a Gennaio 2014) per sottoscrivere
    questa importante iniziativa ICE: www.endecocide.eu

    Si tratta di una petizione a livello europeo (una sorta di proposta di legge)

    per rendere l’Ecocidio un crimine e per proteggere il nostro futuro.

    L’ Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) è una forma di democrazia diretta che permette ai cittadini europei di proporre emendamenti o nuove leggi europee. Possiamo dire che sottoscrivere un’ICE ha dunque lo stesso potere di un voto …

    LA LEGGE DELL’ECOCIDIO
    La distruzione ambientale deve diventare un crimine.
    Un crimine per il quale
    le persone colpevoli devono essere ritenute responsabili. Questo crimine ha un nome: Ecocidio.
    Eco-cidio deriva dal greco oikos, che significa casa. In latino, caedere significa distruggere, demolire, uccidere. Ecocidio si può intendere come la distruzione della nostra casa.
    Attraverso questa ICE, si invita dunque la Commissione Europea ad approvare una legislazione che proibisca, prevenga ed ostacoli l’ecocidio – il danneggiamento estensivo, la distruzione o la perdita dell’ecosistema di un determinato territorio.
    Per fare qualche esempio concreto, potenziali casi di ecocidio possono essere le sabbie bituminose di Alberta, la fratturazione idraulica (fracking), lo spianamento delle montagne, lo spopolamento degli alveari …
    Obiettivi principali:
    1. Introdurre il reato di Ecocidio e garantire che sia le persone fisiche quanto quelle giuridiche che commettono un Ecocidio siano considerate responsabili secondo il principio della responsabilità di comando (e sottoporre le persone fisiche o giuridiche ad una valutazione pubblica del rischio e/o dell’effettivo danneggiamento estensivo).

    2. Proibire e prevenire ogni atto di Ecocidio sul territorio europeo o nelle acque territoriali sotto giurisdizione europea, in aggiunta ad atti esterni all’UE commessi da persone giuridiche ufficialmente riconosciute nell’UE o da cittadini dell’UE.

    3. Instaurare un periodo di transizione per agevolare l’evoluzione
    verso un’economia sostenibile.

    Perchè ne abbiamo bisogno:
    - Per disporre di una legge che ponga fine a
    diversi tipi di distruzione ambientale

    - Perché le persone in grado di decidere siano ritenute responsabili dirette
    - Per preservare e proteggere la biodiversità
    - Per proteggere gli ecosistemi, non solo i suoi componenti come il suolo, l’aria,

    la flora e la fauna
    - Per avviare la trasformazione verso un mondo sostenibile
    - Per assicurare un futuro alle prossime generazioni
    - Per contribuire a un cambiamento nei valori e nei diritti che attribuiamo alla terra

    Le firme possono essere prodotte in modo tradizionale ma anche direttamente via web, sullo specifico sito (a livello europeo lo strumento web viene infatti formalmente ed ufficialmente accettato):
    www.endecocide.eu

    Occorre raggiungere almeno un milione di voti di cittadini europei da almeno 7 Paesi, in tal modo la legge dovrà essere discussa a livello europeo: come potete notare questa petizione, essendo vincolante, ha dunque il potere di influenzare il mondo della politica.

    Al momento, le firme raccolte solo attraverso la sottoscrizione on line raggiungono
    circa quota 60.000: è necessario l’impegno di tutti per raggiungere il traguardo!

    I--------------------------------------------------------------------


    TESSERAMENTO
    Chi desidera rinnovare la tessera di iscrizione
    a Futuro sostenibile in Lomellina
    o iscriversi per la prima volta
    può farlo presso
    la Libreria Le Mille e una pagina
     a Mortara in corso Garibaldi 7, tel. 0384-298493
    Come sapete la nostra associazione non ha fini di lucro
     e ogni nostra iniziativa viene finanziata solo con il tesseramento e le donazioni
     di chi ci sostiene.
    Per questo motivo vi chiediamo
    di continuare a sostenerci. Grazie.



    Dal Mattino di Padova - 19 agosto 2013
    Intervista al ministro Orlando

    Orlando: «Stop ai termovalorizzatori»

    19 agosto 2013 —   pagina 06   sezione: Nazionale di Natalia Andreani


    ROMA Pochi soldi, tanti guai. Ma la volontà di fare non manca al ministro
    dell’Ambiente, Andrea Orlando. Allora ministro. Questi cento giorni di governo sul filo del rasoio non devono essere stati facili.
    «No ma le posso dare subito una notizia che riguarda il Sistri. A breve presenteremo in Consiglio dei ministri una modifica al sistema di tracciabilità dei rifiuti pericolosi che ridurrà fortemente
    il complesso carico di incombenze per aziende e imprese. Senza intaccare la base
    informatica a tutela del ciclo. Sarà una rivoluzione».
    Tre impegni per i prossimi cento giorni? «Fortissima accelerazione delle bonifiche industriali su cui si traccheggia da anni
    con conferenze dei servizi che non approdano a nulla.
    Approvazione del ddl sul consumo del suolo appena varato. Rafforzamento
    delle norme sul riuso e il riciclo dei rifiuti. E, se posso aggiungere, sto valutando
     una moratoria sulla costruzione di nuovi termovalorizzatori oltre a quelli già previsti.
    Quelli già esistenti sono ampiamente sottoutilizzati».
    In Campania, intanto, nella “terra dei fuochi” continuano i sequestri di terreni avvelenati
    da discariche abusive.

    «Anche là abbiamo fatto molto. Abbiamo fatto un protocollo per la raccolta
    dei copertoni utilizzati come letto per i roghi. Abbiamo introdotto un emendamento
    che vieta alla Regione di importare rifiuti industriali.
    Con la Sanità abbiamo esteso i protocolli tumori alla provincia di Napoli e con
    l’Agricoltura abbiamo avviato un censimento dei terreni agricoli “puliti”, esenti da forme di inquinamento. Poi abbiamo fatto un bando per dare contributi ai commissari
     dei comuni sciolti per mafia, fondi destinati alla realizzazione della raccolta
    differenziata dei rifiuti. In più abbiamo attivato una presenza molto forte dei
    carabinieri del Noe sul territorio che sarà controllato anche dal cielo».
    In che senso?
    «Che nella guerra alle discariche della camorra impiegheremo anche droni e satelliti. Stiamo lavorando a un’integrazione».
    Passiamo al capitolo Costa Concordia. A settembre la nave potrà
     veramente lasciare l’Isola del Giglio?

    «Ad oggi mancano alcuni elementi da chiarire. Ci sono alcune incognite in attesa
    di risposte tecniche».
    Può indicarcene alcune?
    «Ad esempio in relazione al piano di trattamento delle acque interne alla nave e
    al collaudo della piattaforma sul quale lo scafo dovrà poggiare una volta raddrizzato.
    Poi manca un piano di rimozione dei sedimenti da terra e manca un cronoprogramma
    degli ultimi dieci giorni del piano di raddrizzamento. Siamo in attesa di una relazione
    zoom».
    Un piano per trainare via lo scafo una volta rigalleggiato, invece,
    l’armatore lo ha consegnato?

    «No, per il momento no».
    Restano le polemiche sul porto di destinazione. A Piombino sono in corso
    lavori di dragaggio i cui tempi potrebbero non coincidere con la tabella
    di marcia del cantiere.

    «Non appena sarà pronto per essere portato via il relitto della nave lascerà il Giglio per
     raggiungere il più vicino porto disponibile. La vicinanza è stata il solo criterio che ha
    reso Piombino la meta possibile, ma non vincolante».
    Passiamo al capitolo prospezioni petrolifere, una minaccia non
    indifferente per le coste italiane. I comitati antitrivelle si moltiplicano.
    Il ministero che fa?
    «Il ministero non può prescindere dalle leggi in vigore. Personalmente sono convinto
     che il nostro petrolio sia il mare, ma che la ricerca possa andare avanti seppure a
    precise condizioni». Abbiamo ottomila chilometri di coste e le isole più belle del Mediterraneo. Davvero possiamo mettere a rischio Pantelleria per una risorsa non rinnovabile dai costi ambientali altissimi?
    «Lungi da noi il pensare che l’eventuale ritrovamento di un giacimento possa risolvere i problemi energetici del Paese, questo sia chiaro. Ma penso che il punto
    corretto di equilibrio sia quello di sia imporre vincoli alla ricerca, ad esempio sulla
     distanza dalle coste che va vista al ribasso. La materia va inoltre discussa in Europa.
     Credo che la Ue sia la sede più giusta per sviluppare un modello di governance».
    Un’ ultima domanda su Venezia, patrimonio dell’umanità.
    E mai possibile che ancora oggi le grandi navi continuino a entrare in Laguna?
    «A ottobre vareremo una normativa che in attesa della soluzione definitiva
     - come indicato dal decreto rotte - ridurrà progressivamente il numero dei passaggi. Nel frattempo abbiamo Nel frattempo abbiamo chiesto all’Autorità portuale di prendere misure per ridurre
    il rischio»

    ------------------------------------------------------------------------------------

    NO AUTOSTRADA BRONI-MORTARA-STROPPIANA


    Un lungo corteo di 50 e più trattori stamattina ha sfilato stamattina da Castello d'Agogna a Mortara per
    DIRE NO ALL'AUTOSTRADA BRONI-MORTARA-STROPPIANA
    e
    a questo link
    https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=xehmoMJtcBg#!

    LO SPOT REALIZZATO DURANTE LA MANIFESTAZIONE
    contro L'AUTOSTRADA BRONI-MORTARA-STROPPIANA





    QUASI TUTTI I SINDACI LOMELLINI,
    TUTTE LE ASSOCIAZIONI DEGLI AGRICOLTORI
    DI PAVIA E VERCELLI
     LA RETE ASSOCIAZIONI E COMITATI AMBIENTALISTI 
    DELLA PROVINCIA DI PAVIA
    IL COORD. DEI COMITATI ED ASSOCIAZIONI CONTRO L’AUTOSTRADA BRONI-STROPPIANA

    MANIFESTANO IL LORO
    NO ALL’AUTOSTRADA


    In vista della Conferenza di Servizi che si terrà martedì 18 dicembre a Mortara, tutti coloro che hanno da sempre giudicato la realizzazione dell’autostrada Broni–Stroppiana un’opera inutile, costosa che danneggerà profondamente un territorio e la sua economia, hanno organizzato una manifestazione pubblica a cui sono invitati tutti coloro che condividono questa battaglia di civiltà

    SABATO 15 DICEMBRE 2012

    Ore 9,30    Castello d’Agogna, via Kennedy : concentrazione di trattori e
                      mezzi partecipanti alla manifestazione
    Ore 10,00    Partenza del corteo in direzione di Mortara con il seguente
    percorso: s.s. 494, circonvallazione sud di Mortara, rotonda del Bennet, via Lomellina, via Ariosto, via Trento e Trieste, arrivo davanti al campo sportivo.
    Ore 11,00    Interventi delle autorità , dei rappresentanti delle Associazioni Agricole, Ambientaliste e dei Comitati.
    =====
    Altre iniziative sono previste per :
    - Venerdì 14 dicembre a Mortara con  presidio e volantinaggio
    durante il mercato settimanale
    - Martedì 18 dicembre  dalle ore 14,00  MILANO
    Presidio davanti al Pirellone, via Fabio Filzi 22,
     in occasione  della Conferenza di Servizi.
    =====
    PER LA NOSTRA TERRA E PER NOI CHE CI VIVIAMO DICIAMO
    NO
    A COLORO CHE PER I PROPRI INTERESSI VORREBBERO
    DANNEGGIARE PER SEMPRE IL NOSTRO TERRITORIO

                                                 

           
    Stampato in proprio - Informazioni : Rete Associazioni e Comitati per Salute, Ambiente e Sviluppo sostenibile della Provincia di Pavia  mail : retesaluteambienteprovinciapv@gmail.com – nobronimortara@gmail.com – 3477558637 - 3487030266



    AUDIZIONE DI FUTURO SOSTENIBILE IN LOMELLINA

    ALLA CONFERENZA DI SERVIZI PER L'AUTOSTRADA BRONI_STROPPIANA,

    RACCORDO AUTOSTRADALE INTERREGIONALE MORTARA-STROPPIANA/A26


    Queste le argomentazioni espresse durante l'audizione

    da Alda La Rosa,

    in qualità di presidente

    dell'Associazione Futuro sostenibile in Lomellina



    Considerazioni sul progetto di autostrada
    Broni-Pavia-Mortara-Stroppiana
    Raccordo autostradale interregionale Mortara Stroppiana /A26
    Audizione 12 novembre 2012


    Esprimiamo innanzitutto la nostra protesta più forte e sentita per  avere accordato alla nostra associazione solo 10 minuti di ascolto, relegando in secondo piano le istanze dei cittadini e delle associazioni che li rappresentano come se le scelte che incidono sulla qualità della vita, sulla salute e sul benessere psicofisico di ognuno di noi non fossero essenziali nelle deliberazioni che andrete a fare.

    Approfittiamo comunque di questo breve lasso di tempo per ribadire con forza le ragioni del nostro No a un progetto che in modo sempre più evidente un intero territorio respinge con ogni mezzo.

    Basti considerare il rifiuto clamorosamente manifestato dalla maggioranza dei partecipanti alla Conferenza di Servizi del 25 settembre e in modo particolare dal voto contrario della Provincia di Pavia e da 5 su 6 sindaci lombardi.

    E come non sottolineare la farraginosa e a nostro parere dubbia procedura seguita nelle diverse fasi di progettazione e di autorizzazione dell’opera che denota la chiara volontà di superare limiti e vincoli normativamente stabiliti?

    L’irrisorio tempo messo a nostra disposizione non consente però un’articolata e puntuale presentazione delle ragioni del nostro No che abbiamo comunque ampiamente motivato per il primo tratto nelle osservazioni presentate al Ministero dell’Ambiente il 16 marzo di quest’anno.

    Ci preme però farvi sapere innanzitutto  che questa autostrada NON CI SERVE.

    Abbiamo bisogno di collegamenti rapidi tra sud e Nord e voi ci proponete un collegamento da est a ovest.

    E che cosa ce ne facciamo? Forse non siete a conoscenza del fatto che la maggior parte delle persone che risiedono nella provincia di Pavia  ha, per esempio, la necessità di raggiungere Milano in tempi brevi, senza interminabili e logoranti incolonnamenti sulla Vigevanese?

    E voi per farci arrivare a Milano che cosa ci proponete? Ci proponete di andare fino a Gropello per prendere poi l’A7 Milano-Genova, aumentando gli sprechi di tempo e denaro in un periodo di crisi profonda.

    E a proposito di denaro, vorremmo solo ricordarvi che il denaro pubblico è dei cittadini  e vorremmo che fosse speso bene. Vorremmo non AUTOSTRADE ma STRADE senza rattoppi e buche. Vorremmo avere i collegamenti ferroviari di un paese che dice di essere all’altezza degli altri paesi europei. Ma non è forse la Lombardia, la regione dell’eccellenza, così come viene definita?

    Quindi venite qui a casa nostra a costruirci un’inutile autostrada devastatrice senza alcun vantaggio per noi che invece dovremo subire quanto qui sotto vi elenchiamo:

    1. La deturpazione della nostra terra che è caratterizzata da precise e ben definite peculiarità fisiche che nel corso dei secoli  ne hanno fatto, grazie alle risorse naturali e all’indefesso lavoro dell’uomo, uno straordinario ambiente universalmente riconosciuto, ovvero quello della risaia.

    2. Il pesante intervento sul complesso reticolo idrico sia superficiale sia profondo che connota questa realtà territoriale, contrassegnata dal fenomeno delle risorgive e dalla presenza di vaste zone umide.

    3. La compromissione, soprattutto nella fase di realizzazione dell’opera, di un habitat naturale unico caratterizzato dalla presenza di esemplari in pericolo di estinzione in ambito botanico e zoologico.

    4. La sottrazione di un’enorme quantità di suolo destinato a una finalità produttiva di straordinario valore, in quanto la Lomellina rappresenta l’area di più intenso sviluppo dell’attività risicola a livello nazionale ed europeo.

    5. L’ipertrofica previsione di caselli e di svincoli che amplificano in modo abnorme il consumo di suolo.

    6. La prevista realizzazione di un numero particolarmente alto di cave sull’intero territorio provinciale, ma soprattutto lomellino, con ulteriore compromissione dell’ambiente e sottrazione di suolo fertile. E non vogliamo soffermarci sull’uso illegale delle cave che si è fatto in territorio lombardo.

    7. Il danneggiamento, in diversi casi irrimediabile, dell’attività produttiva degli agricoltori, determinato dall’attraversamento delle loro proprietà e la conseguente frammentazione di intere tenute.

    8. Una ricaduta negativa sull’occupazione in quanto dai dati economici recentemente elaborati risulta chiaramente come l’attività primaria e i settori a essa connessi rappresentino l’unico settore  che denota non solo una buona tenuta ma un significativo incremento.

    9. La compromissione di aree naturalistiche di straordinario valore, che godono della qualifica di interesse europeo: parliamo di Zps e Sic.

    Naturalmente ciascuno dei punti critici sopraelencati meriterebbe un’approfondita e documentata disanima, ma i pochi, risicati minuti messi a nostra disposizione ci impediscono di farla.

    Ci limitiamo allora ad analizzare il danno irreparabile e irreversibile che la realizzazione dell’autostrada determinerà alla Zona a protezione speciale “Risaie della Lomellina” nel tratto compreso tra Castello d’Agogna e Langosco.

    Premettiamo che con delibera n. 22233 del 18 aprile 2005, la giunta regionale della Lombardia individuò 23 nuovi siti che avevano le caratteristiche per essere designati Zona a Protezione Speciale (Z.P.S.), per complessivi 60.000 ettari circa, di cui oltre la metà in un’unica, grande area in Lomellina.

    La caratteristica specifica del territorio preso in esame consiste nella grande quantità di acqua presente in superficie e nel sottosuolo prossimo; una zona di risorgive, con falda freatica poco profonda, con la presenza di vaste zone umide rappresentate da stagni, canneti, e soprattutto garzaie.

    In questo contesto si sviluppa una flora autoctona e una fauna particolare. Infatti nelle acque stagnanti delle risaie è presente una molteplicità  di vertebrati ed invertebrati che rappresentano la risorsa alimentare fondamentale per numerose specie di uccelli .

    Nella relazione illustrativa predisposta in vista della determinazione regionale del 2005, il sito viene indicato da regione Lombardia (testuali parole) come “ di importanza assoluta per la quantità e la dimensione delle garzaie contenute (le più grandi della Lombardia) che ospitano una parte rilevante dell’intero contingente nazionale per alcune specie di Ardeidi” e continua evidenziando come “la presenza di habitat idro-igrofili e di fontanili costituisce un ulteriore elemento di importanza del sito”.

    Sottolinea anche: “ … gli elementi di criticità sono molteplici e differenziati a seconda delle aree. Un problema di fondo è la necessità di manutenzione per ecosistemi dal fragile equilibrio. A questo proposito sono importanti la costanza della falda freatica, l’utilizzo delle migliori pratiche colturali ed una corretta gestione delle aree boscate”.

    Anche nelle relazioni della Provincia di Pavia per la definizione delle ZPS, l’ecosistema di queste zone umide viene definito come fragilissimo e bisognoso di particolari e straordinarie attenzioni per ciò che riguarda l’intervento antropico.

    Considerando ora solo il raccordo autostradale Mortara - Stroppiana e partendo dal casello di Castello d’Agogna, non si può non evidenziare che l’area in questione, in gran parte destinata a risaia, costituisce l’habitat naturale in cui numerose colonie di uccelli rientranti tra le specie protette nidificano nelle vicine aree umide e trovano di che sfamarsi.

    L’asse autostradale interrompe subito dopo il casello di Castello d’Agogna la naturale continuità dell’area destinata a Z.P.S. tra quella a sud, in direzione di Zeme e quella a nord in direzione di Ceretto Lomellina e Sant’Angelo Lomellina, penetrando nella Z.P.S. all’altezza della cascina Porra a Castello d’Agogna e tagliando trasversalmente l’intera area protetta.

    La sostanziale separazione della Z.P.S. in due aree poste a nord e a sud dell’arteria rappresenta un significativo danneggiamento per l’equilibrio biologico degli animali che  vivono e che sono protetti da convenzioni internazionali.

    Inutilmente lo sviluppo del percorso autostradale tende ad assumere un aspetto a zig zag, tentando di evitare, con una sorta di spericolato slalom, l’impatto diretto con  i S.I.C. e i Monumenti naturali.

    E mentre si raccomanda agli agricoltori impegnati nelle normali attività di predisposizione del terreno, di semina e di raccolto, un uso attento dei mezzi agricoli, come si può ragionevolmente sostenere che un intervento così invasivo e prolungato con mezzi di assai maggiore potenza e capacità distruttiva possa non incidere significativamente e, ahimè, perennemente su questi particolari contesti?

    Come si può sostenere che gli imponenti interventi di sbancamento del terreno non incideranno negativamente sulla falda freatica assai superficiale e sulle risorgive?

    Come si può immaginare che lavori prolungati per mesi, con la continua presenza di uomini e di mezzi in movimento non incideranno sulle fasi biologiche delle colonie di uccelli che, a pochi metri di distanza dovrebbero vivere, accoppiarsi, nidificare e covare?

    Tali domande nascono spontaneamente in coloro che in questi territori vivono ed hanno considerato un dono provvidenziale tornare a vedere il volo di uccelli che da tempo erano praticamente scomparsi, ridotti come erano a poche unità.

    Per tutte queste ragioni, qui espresse in modo molto, forse troppo sintetico, l’Associazione Futuro sostenibile in Lomellina  ribadisce in maniera chiara e ferma la netta contrarietà al raccordo autostradale interregionale Mortara – Stroppiana/A26.

    ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

    a Agronotizie

    Stop ai biocarburanti, l'Ue taglia

     aiuti e quote

    Brusca frenata di Bruxelles sui carburanti da derivati agricoli a favore di quelli "sostenibili" per limitare l'impatto negativo su produzione alimentare, prezzi e ambiente

    di Laura Serassio
    Svolta di Bruxelles sui biocarburanti: la Commissione europea propone di abbassare al 5% la quota di quelli ottenuti da derivati alimentari sul totale dei combustibili usati nel settore dei trasporti.
    Due le ragioni: da una parte, l’impatto negativo sulla produzione alimentare, a cui i biofuels sottraggono la risorsa primaria, ovvero il suolo. E, di conseguenza, sui prezzi.
    Inoltre, studi scientifici hanno dimostrato anche effetti deleteri sull’ambiente, con una produzione di emissioni di CO2 pari, se non addirittura superiore, rispetto ai combustibili fossili.

    5% della quota di combustibili nei trasporti

    Un contrordine che arriva inaspettatamente e che taglierà le gambe chi ha investito nei biocombustibili, secondo l’industria. Un processo inevitabile e risaputo, messo in atto non appena si sono sviluppate sufficienti conoscenze scientifiche nell’ambito, secondo l’esecutivo di Bruxelles.
    Con la proposta annunciata mercoledì 17 ottobre, il target di rinnovabili nel settore del trasporto rimane fisso al 10%, ma solo per metà potranno contribuirvi i cosiddetti “biocarburanti di prima generazione”. Si tratta di quelli ottenuti da diversi tipi di coltivazioni: barbabietola, canna da zucchero, mais (bioetanoli), nonché dall’olio di piante quali colza, soia, palma etc. (biodiesel).
    “Non si tratta di chiudere le imprese dall’oggi al domani – rivendica uno dei due Commissari incaricati della proposta, la danese Connie Hedegaard, responsabile al Clima, di fronte a chi parla di investimenti vanificati e posti di lavoro da tagliare – bisogna però dare un segnale chiaro all’industria: sì ai biocarburanti, ma solo se sostenibili”.
    Secondo l’Esecutivo di Bruxelles, inoltre, quel 5% indicato come tetto massimo corrisponde all’incirca all’attuale produzione (che oscillerebbe intorno al 4,5%): di fatto, quindi, non si impongono drastici tagli al settore, ma si chiede che non cresca ulteriormente.

    Impatto ambientale dei biocarburanti

    Il target del 10% di rinnovabili nel trasporto entro il 2020 rimane fisso, ma i biocarburanti di prima generazione potranno contribuire solo per metà all’obiettivo.
    Ecco che il resto del lavoro, dunque, spetterà ai biofuels “di seconda e terza generazione”, quelli che sfruttano piante non di consumo alimentare (paglia, alghe) o residui di colture (rami, foglie, rifiuti alimentari).
    Questo soprattutto perché, rispetto ai loro predecessori, hanno un minore impatto ambientale.

    Nel passato, infatti, anche quelli di prima generazione erano stati incentivati nell’ottica di ridurre l’uso di combustibili fossili e, quindi, l’emissione di anidride carbonica.
    Ma studi più recenti hanno dimostrato che anche i biofuels producono un consistente quantitativo di CO2: sottraendo terreno alle colture, impongono la creazione di nuove superfici per coltivare, che vengono ottenute disboscando, distruggendo ecosistemi, erodendo suoli.
    Un effetto noto come “cambio di destinazione agricola” (in inglese Iluc, Indirect land use change) che, se calcolato nell’impatto ambientale dei biocarburanti, li rende inquinanti tanto quanto i combustibili fossili, se non di più.

    Stop agli incentivi dal 2020 per i biocarburanti di prima generazione

    Nel futuro, quindi, bioetanoli e biodiesel non riceveranno più incentivi (a partire dal 2020), mentre i sussidi andranno ai carburanti che sfruttano rifiuti o piante non alimentari, proprio perché non hanno “effetti collaterali” sull’ambiente, ma anche perché non concorrenziali rispetto alla produzione di cibo.

    L’ultima proposta di modifica dell’attuale normativa, infine, è l’aumento dal 35% al 60% della soglia minima di riduzione dei gas a effetto serra per i nuovi impianti, per scoraggiare ulteriori investimenti in questo tipo di combustibili che hanno dato scarsi risultati nella riduzione delle emissioni.
    D’altro canto, la Commissione promette di quadruplicare il peso dei carburanti più avanzati nel computo del raggiungimento del target fissato al 10%.

    “Non si può espandere una produzione non sostenibile - scandiscono la Commissaria Hedegaard e il suo collega Günther Oettinger, responsabile al portafoglio Energia - non possiamo permetterci che un problema già grande cresca ulteriormente. Stiamo dando un segnale: che i biocarburanti non sostenibili non rappresentano il futuro dell’Europa, e che bisogna guardare altrove”.

    --------------------------------------------------------------------------------------------------



     da Repubblica, 19 ottobre 2012

    IL CASO

    Enel contro Maire Tecnimont in Sudamerica
    "Centrale in ritardo, sequestrate le fidejussioni"

    Tramite la controllata Endesa Chile, il gruppo elettrico ha escusso le somme in garanzie dei lavori per 112 milioni. La società milanese di difende: "Azione inaspettata e del tutto illegittima". Probabile ricorso in tribunale

    di LUCA PAGNI

    MILANO - Duello sudamericano tra Enel e Maire Tecnimont. Anche se si svolge dall'altra parte del globo, sulla costa pacifica del Cile, le ricadute sono tutte milanesi. Con i due gruppi, l'ex monopolista e ancora numero uno del mercato elettrico e la società leader nel campo della costruzione di centrali e impianti industriali. Con la prima che accusa di aver ricevuto un lavoro in ritardo oltre che realizzato non proprio a regola d'arte. Al punto di aver escusso le fidejussioni consegnate in banca come garanzia degli impegni. E la seconda che protesta per l'atto unilaterale giunto inaspettato e definedolo senza mezzi termini "fraudolento".

    Oggetto del contendere la costruzione di una centrale a carbone sulla costa dell'oceano Pacifico, a Coronel, regione del Bio Bio per conto di Endesa Chile, controllata sudamericana di Enel. L'impianto è stato consegnato il 12 ottobre scorso. E come si legge in una nota, Maire ritiene "di aver raggiunto i requisiti per l'accettazione provvisoria, circostanza che ha come conseguenza la restituzione delle garanzie bancarie e il pagamento integrale del saldo".

    Invece, sempre secondo Maire "del tutto inaspettatamente" il 16 ottobre Enel ha escusso tutte le garanzie bancarie a garanzia dell'esecuzione dei lavori, accusando l'appaltatore di ritardi. Complessivamente si tratta di fidejussioni per 112 milioni di euro. Per Maire la sorpresa sarebbe doppia. Da una parte perché il 4 giugno era stato raggiunto un accordo per avere una ulteriore estensione del periodo per il completamento dei lavori, oltre a un aumento del prezzo complessivo dei lavori. Dall'altra perché aveva già fatto sapere di non essere responsabile dei ritardi accumulati. Imputati invece alle "violentissime e ripetute sommosse da parte delle popolazioni locali contro la centrale, nonché dei terremoti di elevatissima magnitudo verificatisi nel febbraio 2010 e febbraio 2011".

    Un punto di vista che non verrebbe condiviso da Enel. La società elettrica oltre a contestare il rispetto dei tempi e la qualità del lavoro, afferma di aver pagato alcuni lavori affidati a subfornitori e sottolinea come Maire abbia un contenzioso simile con un gruppo concorrente cileno che ha realizzato un'altra centrale a carbone nella stessa località.

    Da cui si capisce la reazione "violentissima" delle popolazioni assediate da ben due centrali a carbone, sia il fatto che il contenzioso tra le due società italiane non è certo destinato a terminare qui. Anche se la società non conferma, è più che probabile un ricorso da parte di Maire al tribunale per riottenere in tutto o in parte le fidejussioni.

     


    --------------------------------------------------------------------
    E' iniziata la raccolta firme alla seguente petizione:

    PETIZIONE PER ESPRIMERE LA PROPRIA CONTRARIETA’ A:

    PdL 146 bis regione Lombardia

    Modifiche alla legge regionale 4 maggio 2001 n. 9 ‘Programmazione e sviluppo della rete viaria di interesse regionale’ – Ampliamento dei contenuti della concessione di autostrada regionale e costo delle opere e misure compensative” (n. 146 bis)

     

    Per la terza volta è stato ripresentato dalla giunta Formigoni il progetto di legge regionale per favorire la realizzazione delle autostrade riducendo l’importo delle mitigazioni ambientali e dando in concessione a privati non solo le infrastrutture, ma anche aree attorno ad esse per gli usi più diversi, centri commerciali, logistiche, capannoni, case, ecc.

    La Giunta Formigoni aveva tentato di approvarlo già nel 2007 (con il pdl 226) ma era stato bocciato. Quest’anno per la seconda volta viene ripresentato a distanza di pochi mesi.

     Cosa significa la proposta? Significa che il meccanismo speculativo dell’aumento dei prezzi per attività edilizie attorno ai caselli e all’autostrada viene istituzionalmente sancito da legge e che, in parole povere, le nuove autostrade non si fanno se e nella misura in cui servono, ma si fanno perché diventano strumento per il business immobiliare. Altro che investire in vero sviluppo e sostegno alle imprese, le banche (e non solo loro…..) investiranno in lucrose scorciatoie ai danni dell'ambiente e chi deve riciclare avrà grandi opportunità….

    I SOTTOSCRITTI CHIEDONO

     Al Consiglio Regionale della Lombardia di bocciare questa proposta e di votare un ordine del giorno che impegni la Giunta a non ripresentarla più!

    seguono le firme

    Per firmare on line

    -------------------------------------------------------------------------------------------
    NO AGLI INCENERITORI

    FIRMA LA PETIZIONE

    http://www.avaaz.org/it/petition/facciamo_un_passo_indietro/?fLtDvbb&pv=26

     

     -------------------------------------------------------------------------------------------------
     


    L'OMS, l'Organizzazione Mondiale della Sanità
    riconosce che i gas di scarico dei motori diesel
    provocano il cancro

    Da Ansa.it, 12 giugno 2012

    ROMA - Non e' piu' solo un'ipotesi, bensi' una certezza: i gas di scappamento dei motori diesel sono "cancerogeni certi" per gli esseri umani e l'esposizione a tali gas è associata ad un "rischio accresciuto di tumore al polmone" ed anche ad un maggior rischio di cancro alla vescica. Il 'verdetto' arriva dal Centro internazionale di ricerca sul cancro (Circ/Iarc) dell'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), che nel 1988 aveva classificato le emissioni dei motori diesel tra i cancerogeni "probabili" per l'uomo.

    Gli esperti Oms, riuniti oggi a Lione, hanno dunque stabilito che ci sono oggi "prove sufficienti" dell'associazione tra emissioni dei motori diesel e insorgenza del cancro: "Le prove scientifiche sono inconfutabili e le conclusioni del gruppo di lavoro sono state unanimi: le emanazioni dei motori diesel causano il tumore del polmone", ha dichiarato il presidente del Circ Christopher Portier, sottolineando la necessita' che "l' esposizione a questa miscela di prodotti chimici sia ridotta in tutto il mondò". I gas di scarico sono stati dunque oggi classificati nel 'gruppo 1', quello appunto delle sostanze cancerogene certe, mentre in precedenza erano annoverati nel 'gruppo 2' delle sostanze ''probabilmente'' cancerogene per l'uomo.

    La pronuncia dell'Oms ''apre nuovi scenari'' secondo l'associazione dei consumatori Codacons: ''Ora le Procure della Repubblica - afferma l'organizzazione - potranno finalmente procedere contro i sindaci che non bloccano la circolazione dei veicoli e non prendono provvedimenti seri per scongiurare il superamento del valore limite di 50 µg/m3 di PM10, che per legge non andrebbe superato per più di 35 volte in un anno".

    Finalmente, commenta il Codacons, ''spariscono le parole 'probabilmente' e 'potenzialmente', e ciò rende possibile procedere con maggior successo non solo per il reato di getto pericoloso di cose (674 cod. penale) ma anche per omissione d'atti d'ufficio nei confronti dei sindaci e dei presidenti di regione inadempienti''. Possibile anche, annuncia l'associazione, una class action con persone ammalate di tumore ai polmoni.

    La notizia riguarda un mercato non da poco: Le vetture diesel sono molto diffuse principalmente nell''Europa occidentale, dove incentivi fiscali, a costruttori e automobilisti, ne hanno favorito la diffusione. In Italia, nei primi cinque mesi del 2012 sono state vendute 371.995 vetture diesel, con una flessione del 20,74% rispetto all'anno scorso. La percentuale di vetture diesel vendute nello stesso periodo e' stata pari al 54,5% del totale. Al di fuori dell'Europa la trazione diesel e' confinata quasi esclusivamente ai veicoli commerciali, soprattutto grazie ai migliori consumi. Costruttori tedeschi stanno tentando di aumentare la diffusione del diesel negli Usa, dove le lunghe distanze da coprire in autostrada sono adatte a questo tipo di motori.

    Sorpresi dell'affermazione dell'Oms l'Associazione europea dei costruttori d'auto (Acea). L'industria - afferma un portavoce - ''dovra' studiare il documento in tutti i dettagli''. ''Queste tecnologie - ha aggiunto - sono state sviluppate proprio per rispondere a queste preoccupazioni. E le ultime tecnologie diesel sono veramente molto pulite''. Allen Scheffer, direttore esecutivo del Diesel Technology Forum, associazione di settore basata a Washington, sottolinea che miliardi di dollari sono stati spesi nella ricerca e lo sviluppo di motori diesel puliti e con emissioni ridotte. , ''i motori diesel che si basano sulle nuove tecnologie - afferma Schaeffer - utilizzano carburanti a bassissima quantita' di zolfo, con sistemi e tecniche avanzate di controllo delle emissioni, sono ormai vicino alle zero emissioni per quanto riguarda gli ossidi di azoto, gli idrocarburi e il particolato''.


     
     

     
     
     
     
     
     


     
     

     
    Centrale elettrica a cippato di pioppo Biolevano


    L'APPELLO DI FUTURO SOSTENIBILE IN LOMELLINA
    SPEGNETE LE LUCI DELLA CENTRALE

    Il 31 marzo in tutto il mondo verranno spente le luci dei monumenti e dei luoghi simbolo per l’Ora della Terra. Sui giornali è riportato che anche la Lomellina aderisce. Vigevano spegnerà i fari della Torre del Bramante, Sannazzaro quelli della Madonna della Fontana, Pieve Albignola quelli del parco giochi e altri ancora aderiranno a questo evento che simboleggia la lotta al cambiamento climatico.

    Chiediamo quindi che anche la Biolevano, che ogni sera illumina a giorno la sua centrale e i campi della Lomellina, contribuendo con l’ inquinamento luminoso a incrementare l’effetto serra, disturbando la fauna delle nostre risaie, spenga le sue sfavillanti e inutili luci per una sera.

     Per un breve lasso di tempo rispetti  i parametri del protocollo di Kyoto non dissipando energia elettrica e protegga per qualche ora quella campagna che è venuta a deturpare per i propri interessi economici con una mega centrale a cippato di pioppo per la quale prende gli incentivi pagati da noi cittadini italiani per la lotta al cambiamento climatico.

    Per una notte ci sembrerà di non essere più a Las Vegas ma semplicemente in Lomellina e qualche tasso o qualche airone potrà anche lui, finalmente, per una notte riposare tranquillo.


     

    Il 16 marzo 2012 Futuro sostenibile in Lomellina ha presentato le osservazioni per la Valutazione Ambientale  al Ministero dell'Ambiente e alla Regione Lombardia.
    Per leggerle cliccare sul link
    AUTOSTRADA BRONI-MORTARA



    COMUNICATO STAMPA
    ESPOSTO AL MINISTERO DELL'AMBIENTE

    Castello d’Agogna, 28 febbraio 2012

    L’Associazione Futuro sostenibile in Lomellina ha inviato al Ministero dell’Ambiente un’ampia ed esauriente documentazione attestante la criticità della situazione ambientale della Lomellina, in particolar modo per ciò che riguarda i comuni di Parona, Mortara, Olevano e Castello d’Agogna.
    La constatazione che immancabilmente gli amministratori locali non prendono seriamente in considerazione lo stato ambientale fortemente compromesso adottando le misure necessarie per tutelare la salute dei cittadini, nonostante l’appello di medici, scienziati e tecnici, ci ha indotto a questa iniziativa fortemente voluta da tutti i cittadini che hanno coscienza civile e che ci sostengono.

    La Direzione Generale Valutazioni Ambientali ha quindi sollecitamente inviato in data odierna alla Prefettura, alla Regione Lombardia, alla Provincia, all'Arpa, ai comuni di Mortara, Olevano, Parona, Castello d'Agogna, al Corpo Forestale e alle varie Direzioni generali del Ministero la richiesta di chiarimenti in ordine allo stato di criticità ambientale da noi denunciato e la trasmissione di informazioni sullo stato dei luoghi e la sussistenza di situazioni di pericolo per la salute dei cittadini e per l'ambiente.

    Il ministero ha inoltre inviato all'ISPRA la nostra documentazione su supporto informatico, chiedendo a questo Isituto di redigere un'apposita relazione di approfondimento tecnico-scientifico e di valutazione del danno ambientale.


             DOCUMENTO DELLA RETE DEI COMITATI E DELLE ASSOCIAZIONI PER SALUTE, AMBIENTE E SVILUPPO SOSTENIBILE DELLA PROVINCIA DI PAVIA NELL'INCONTRO CON IL PRESIDENTE  E GLI ASSESSORI DELL'AMBIENTE E DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI PAVIA

     

    Presentazione RETE incontro giunta Bosone 5 novembre 2011

    Abbiamo rappresentato graficamente la RETE in questa mappa che giorno dopo giorno si infittisce.
     Ci piace definirci le sentinelle del territorio che amiamo, che abitiamo e che controlliamo sotto tutti i suoi aspetti da nord a sud, da est a ovest.

    Ci rivolgiamo a voi, a Lei, presidente,  per mettere in atto ciò che questa provincia desidera da troppo tempo.

    In un periodo di crisi come questa, i tempi sono stretti. Le persone raccolgono le proprie forze, i propri averi, li contano e cercano di non dissiparli ulteriormente, chi non lo fa è colui che non si rende conto della portata della crisi. Una crisi industriale, energetica e ambientale. Ma è anche un periodo in cui il processo per uscirne è già iniziato perché i pericoli da evitare sono già evidenti come i vantaggi da ottenere. Entrambi sono presenti ora. Basta riuscire a coglierli, basta operare al momento giusto che è oggi, che è il presente.

    Penserà forse che siamo incorreggibili idealisti, Presidente, ma le assicuro che siamo anche fortemente realisti. Vorremmo che la nostra provincia fosse prima e non ultima come è stata per troppo tempo. La vorremmo prima nel dire basta al consumo di suolo, prima nella RD, prima nella viabilità, prima nel controllo delle emissioni, prima nell’agricoltura conservativa, prima nella cura del paesaggio, nella tutela dei beni comuni, prima nello smaltimento dell’amianto con metodi innovativi, prima nell’ascoltare la saggezza di chi un territorio lo vive appassionatamente. Vorremmo che fosse la prima provincia virtuosa.

    Vorremmo che il lavoro ripartisse investendo forze nella rivalutazione di quello che abbiamo, che è un patrimonio immenso, un patrimonio dissipato in anni di muscoloso attivismo privo di progettualità.

    Per questo motivo siamo qui. Le chiediamo di collaborare con noi con un impegno politico chiaro e forte, Chiediamo a Lei e ai suoi collaboratori, di adottare tutte quelle misure che possono contribuire a far primeggiare la nostra provincia, vi chiediamo di essere voi i nostri portavoce in regione  e perché no i nostri sostenitori, perché no i tenaci oppositori a una politica regionale che non rifiuta mai nessun progetto gli venga sottoposto.

    Vi chiediamo di agire in tempi brevi, perché proprio in questa provincia in assenza di controlli, di prospettive, di un progetto, chi pesca nel torbido, chi fa solo i suoi interessi e non quelli della comunità prospera e continua a creare guai.

    Rifacendoci poi alle risposte che Lei, Presidente, ci diede 6 mesi quando sottoponemmo a Lei e agli altri candidati le nostre domande, le diciamo che:

    Redatta la mappatura delle criticità, non possiamo aspettare OLTRE AFFINCHE’: 

    1. In aree critiche ci sia compensazione del carico inquinante con obbligo di revisione degli impianti più vecchi, soprattutto in caso di richiesta di raddoppio dell’esistente. Che si faccia attenzione a autorizzare altri impianti anche da 1MGW a ridosso di aree critiche, anche se la richiesta viene da comuni confinanti con l’area critica.

    2. Si lavori fianco a fianco per quegli impianti ancora in fase di autorizzazione.

    3. Ci venga fornito un elenco dettagliato degli impianti autorizzati in questi mesi del suo insediamento

    4. Ci sia:
      - un potenziamento della rete di rilevazione dell’aria, applicando la direttiva nazionale introdotta con il D.lgs. 155/10 di recepimento della Direttiva sulla qualità dell’aria 50/08/CE
      - un monitoraggio dello stato del suolo e delle acque continuando anche lo studio del suolo del 2004, adottando metodi per la rilevazione delle diossine molto più avanzati.

    5. Si valuti la possibilità di fare una Convenzione con Arpa per avere un presidio operativo con verifiche ispettive non solo per gli impianti soggetti a Aia, (i cui controlli sono per legge 3 all’anno per totale di 24h. annue su 8.000 ore annue di funzionamento) ma anche per quelli al di sotto di 1mgw che bruciano spesso di tutto.

    6. Ci siano controlli sulla filiera corta per il rifornimento delle centrali a biomassa con relativo catasto dei terreni coltivati a combustibile per le centrali elettriche.
    Chiediamo quindi, Presidente, il suo impegno reale, e politico, nel caso non sia tutto di competenza provinciale, affinché:

      1. Il PTCP abbia una forte impronta di sostenibilità con limitazione al consumo di suolo.

    2. La provincia sviluppi un piano energetico che serva da stimolo alla regione per assegnare a ogni provincia obiettivi  precisi e per dimostrare che la provincia di Pavia sta producendo 2/3 in più del suo fabbisogno energetico.

       3. Che quali strumenti associati al PGT da parte dei comuni, ci sia l’adozione della classificazione acustica e, da parte dei comuni con impianti a rischio chimico-industriale, anche dell’ ERIR (Elaborato Rischi Incidenti Rilevanti) per la prevenzione e la mitigazione del rischio.

    4. Si operi per la riduzione della produzione dei rifiuti in collaborazione con la Grande Distribuzione Organizzata promuovendo anche progetti innovativi di smaltimento e recupero dei rifiuti (Vedelago ma non solo) non raggiungendo il 65% del 2012 con la sola differenzazione dell’umido, come funzionari della Provincia e addetti ai lavori ci hanno sbandierato prima che lei si insediasse, mentre Clir e ASM lamentano che il Piano Provinciale Rifiuti frena la raccolta differenziata.
    Che si esca dalla politica dell’incenerimento.

    5. Si restituisca alla collettività porzioni di territorio a suo tempo destinate a discariche da considerare ormai come una fase sempre più residuale del ciclo integrato dei rifiuti.

    6. Si individui presto una strada per lo smaltimento del cemento amianto che non può essere quella della discarica tout court, ma si avviino le pratiche per il rilascio delle autorizzazioni a impianti di smaltimento di cemento amianto, dopo una corretta informazione attraverso iniziative pubbliche per favorire;
    • lo sviluppo di modalità innovative
    • la partnership pubblico-privato
    •  l’utilizzo di materiali derivanti dall’inertizzazione dell’amianto in opere civili.

    7. La rete viaria non sia solo rappezzata, perché per ora quando si guida sembra di essere su un’ottovolante.

    8. I collegamenti ferrioviari e su gomma sia vivibili.

    9. Sia prioritaria la gestione pubblica dell’acqua.

    10. Ci sia chiarezza sul fronte Autostrada Broni-Mortara che sottrarrà 19mila ettari all’agricoltura, provocando danni e esborso da parte dei cittadini senza alcun vantaggio.

    11. Si avvi un progressivo potenziamento dell’agricoltura conservativa con riduzione progressiva di diserbanti e in genere di fitofarmaci e una Valorizzazione dei beni pubblici non remunerati dal mercato, quali paesaggio, gestione equilibrata del territorio, inverdimento.

    Abbiamo aspettato sempre risposte dalla politica. Oggi vi chiediamo di darcele. La nostra richiesta viene dal basso, viene da chi lavora nella scuola, in officina, da chi è imprenditore di se stesso, da chi è disoccupato, cocopro a vita, da chi è pendolare… insomma da tutti i cittadini. Noi rappresentiamo, Presidente, il cuore della Sua provincia.

    Abbiamo proposte da farvi operative e oggi ci interessa capire, sapere, se ritenete importante la nostra collaborazione, se ritenete OPPORTUNO confrontarci presto e periodicamente con intervalli di tempo ravvicinati.

    Dalle sue risposte chiare, dal suo impegno in prima persona e da quello dei suoi assessori capiremo se finalmente la provincia di Pavia vuole cambiare rotta, vuole provare ad essere prima in breve tempo. Il progetto è ambizioso ma pensiamo che bisogna che lo sia.
    Bisogna avere l’ambizione di primeggiare oggi qui in Lombardia, qui in provincia di Pavia. Chiediamo a lei e ai suoi collaboratori di avere questa ambizione e di condividerla con noi.



    COMUNICATO STAMPA DELLA RETE DEI COMITATI E DELLE ASSOCIAZIONI PER SALUTE, AMBIENTE E SVILUPPO SOSTENIBILE DELLA PROVINCIA DI PAVIA

    Vigiliamo sull'ambiente e la salute
     
    Sabato 5 Novembre, alle ore 12 presso la Provincia di Pavia, la Rete delle Associazioni e dei Comitati per la salvaguardia della salute e la tutela del territorio incontreranno il Presidente della Provincia Daniele Bosone, l'Assessore all'Ambiente Alberto Lasagna, l'Assessore al territorio Michele Bozzano, il Presidente della Commissione Ambiente Pierangelo Fazzini e il Presidente della Commissione Territorio Ezio Stella. Gli oltre 30 Comitati e Associazioni della Rete, dopo l'incontro interlocutorio di questa estate con l'Assessore Lasagna, intendono ora proseguire nell'opera di sensibilizzazione e dialogo con l'Amministrazione Provinciale considerato che purtroppo la nostra Provincia è disseminata di criticità che minacciano sia l'ambiente sia la salute dei cittadini. Tale situazione richiede interventi immediati e volontà di agire.

    Per questi motivi all'incontro con l'Amministrazione la Rete chiederà:

    1) L'apertura di un confronto serio e soprattutto regolare con l'Amministrazione Provinciale per portare le istanze dei cittadini e del territorio all'attenzione della politica, nonché per esaminare congiuntamente le criticità della Provincia e le possibili soluzioni.

    2) Il mantenimento delle promesse elettorali vigilando sull'attuazione del programma politico dell'Amministrazione negli ambiti cruciali e dirimenti della tutela del territorio e della salute dei cittadini.

    3) La formulazione di piani di intervento puntuali, rigorosi, dalle tempistiche certe partendo da inquinamento, gestione dei rifiuti, consumo di suolo, pianificazione energetica sino alla mobilità intelligente. Nelle precedenti amministrazioni è mancata una visione d'insieme e capacità di pianificazione, sono state favorite soluzioni di breve termine e prive di prospettiva, e spesso senza alcuna progettualità. Di fronte a una situazione ormai insostenibile è necessaria una svolta. Per questo intendiamo offrire la nostra collaborazione affinché la Provincia elabori programmi di sviluppo, di tutela e di valorizzazione del territorio che siano a lungo termine, documentati, aperti al vaglio e al controllo dell'opinione pubblica.



    CENTRALE A BIOMASSA
    DI OLEVANO DI LOMELLINA

    OTTO DOMANDE ALLA BIOLEVANO

    Abbiamo letto sui giornali dell’incontro tenutosi ad Olevano, organizzato dalla Biolevano srl, alla presenza del sindaco di Olevano e dei più o meno potenziali partners della centrale elettrica in avanzata fase di costruzione.
    Certamente, in quella sede, prima del ricco buffet offerto nella prestigiosa sede della Tenuta San Giovanni, si saranno illustrati nei minimi particolari i progetti dell’impianto e si saranno date le risposte più esaurienti alle domande degli intervenuti. Naturalmente non essendo partners della centrale non siamo stati invitati e non abbiamo potuto porre le domande che interessano parecchi cittadini della Lomellina.

    Sappiamo dal progetto che la Maire Technimont ha presentato che:
    •  La Biolevano  brucerà 180.000 tonnellate all’anno di pioppelle
    • E' previsto il transito di almeno 100 camion al giorno per le strade adiacenti all’impianto per garantire il rifornimento del legname richiesto.
    • Il cippato per la centrale sarà ricavato da pioppelle con almeno 2 o 3 anni di vita coltivate nel raggio di 70 chilometri.
    Chiediamo allora alla Maire Technimont/Biolevano:
    1. Considerato che con un taglio di alberi ogni 2 anni è necessario prevedere un’estensione  di coltivazione doppia o tripla rispetto a quella necessaria per l’approvvigionamento annuo, quanti ettari di terreno si renderanno allora necessari per garantire il funzionamento della centrale?

    2. Dagli studi previsionali che certamente la ditta ha fatto, quanti ettari di terreno coltivato a cippato sono attualmente disponibili entro i 70 chilometri della filiera corta?

    3. E’ in grado la ditta di dire approssimativamente quanti sono gli ettari di terreno coltivato a pioppelle attualmente disponibili in tutto il nord Italia e quante centrali elettriche dovranno approvvigionarsi del cippato prodotto in questi ettari di terreno?

    4. Dove smisterà la Biolevano la grande quantità di ceneri che prevede di produrre ogni anno dalla combustione del legno?

    5. La ditta ritiene che una massiccia riconversione al cippato di terreni attualmente destinati a colture tradizionali, quali il riso e il mais, possa avere una qualche conseguenza sull’economia agricola locale e nazionale?

    6. Considerate le dichiarazioni dei responsabili della ditta in cui si dice che: “L’impianto contribuirà allo sviluppo occupazionale del territorio Pavese e della Lomellina sia nell’ambito della filiera di produzione del pioppo sia in relazione alla centrale stessa” e considerato altresì il raffronto tra l’impiego di manodopera necessaria per un campo di pioppelle e un campo occupato da altre scelte colturali, quale ritiene possa essere lo sviluppo occupazionale realizzabile in provincia di Pavia?

    7. Quanti dipendenti avrà la centrale una volta entrata a regime?

    8. Perché con un impatto così forte sull'ambiente non ha previsto il recupero del calore per contribuire allo spegnimento di almeno alcune caldaie con riduzione dell'inquinamento?
    Aspettiamo risposte precise a questi semplici quesiti che non richiedono grandi sforzi.
    Anticipiamo però che noi una certa, fondata idea su quali dovrebbero essere queste risposte ce l’abbiamo e quindi siamo particolarmente curiosi di poterle confrontare con quelle che, certamente, ci verranno date.



    COMUNICATO STAMPA 29 LUGLIO 2011

    L’Associazione Futuro sostenibile in Lomellina, preso atto della sentenza del Consiglio di Stato del 25 luglio 2011, che ripristina le autorizzazioni alla costruzione della centrale a biomassa Biolevano a Olevano di Lomellina annullate dalla sentenza del Tar n. 7136 del 28 ottobre 2010, comunica che non intende rinunciare al proseguimento della propria azione di contrasto alla realizzazione di tale centrale, facendosi così portavoce delle migliaia di cittadini che, pur non avendo avuto riconosciuto il diritto di parola nei vari passaggi amministrativi, hanno manifestato la loro contrarietà a tale progetto firmando diverse petizioni per uno sviluppo industriale che tenesse conto della salute degli abitanti del territorio e della tutela dell’ambiente.


    Futuro sostenibile in Lomellina si batterà nelle sedi opportune affinché venga sospesa la costruzione della Centrale Biolevano/Maire Tecnimont in attesa che si proceda alla VAS (Valutazione Ambientale Strategica) del territorio interessato che certifichi la sostenibilità o no di tale impianto sulla base delle criticità, evidenziate dallo studio dei progetti autorizzati, di cui riportiamo solo alcuni punti:


    - Nessuna cogenerazione, nessuna rete di teleriscaldamento: il calore prodotto sarà disperso nell’aria.


    - Passaggio di circa 100 camion al giorno solo per fornire la centrale di 180.000 tonnellate all’anno di pioppelle.

    - Nessuna possibilità di reperire tutte le 180.000 tonnellate annue di biomassa legnosa nel raggio di 70 km come la legge prescrive per la filiera corta in seguito all’applicazione del protocollo di Kyoto.

    - Incremento di polveri sottili per il solo funzionamento della centrale pari a oltre 12 kg di polveri sparse in atmosfera ogni giorno senza contare quindi l’aumento delle polveri dovuto al passaggio giornaliero dei camion per rifornirla in una zona che nonostante sia classificata Zona B ha un’alta densità di emissione di PM10, NOX e NH3.

    - Effetto sommatorio dell’inquinamento dovuto allo sviluppo del Polo Logistico di Mortara, ai 10 impianti industriali IPPC, registrati (sito Regione Lombardia) come impianti potenzialmente inquinanti, presenti in pochissimi km tra Parona e Mortara e a quelli in via di realizzazione, come il raddoppio dell’Inceneritore della Sit con autorizzazione a bruciare CDR, combustibile derivato da rifiuti in tutta Europa non incentivabile, ma che solo in Italia viene incentivato con i soldi dei contribuenti.
     
    - Criticità al sistema fognario e al depuratore di Olevano.


    Stravolgimento di un territorio, danni all’agricoltura e alla salute dei cittadini per una centrale che offre pochi posti di lavoro quando lavorerà a regime e che per legge può ricevere incentivi statali solo per un periodo che va da un minimo di 8 anni a un massimo di 15 anni, periodo presunto di ammortamento dei costi dell’impianto. Senza incentivi non sarà più conveniente per l’imprenditore. Difatti come riportato testualmente nel progetto autorizzato “i contratti con il mondo agricolo per la produzione di pioppelle avranno una durata di 12 anni”. Finito questo periodo che cosa brucerà?

    L’Associazione chiede quindi alla nuova giunta provinciale Bosone di esprimere come intende procedere, considerato che in sede di dibattimento al consiglio di Stato il 10 maggio la Provincia di Vittorio Poma si è battuta con grande fervore a favore della ditta Biolevano della Maire Tecnimont.

    Chiede anche alla nuova giunta, come già formalmente fatto per iscritto il 15 giugno 2011, la risposta alla diffida presentata il 12 aprile dalla nostra Associazione all’allora presidente della Provincia di Pavia Poma per il mancato rispetto della sentenza del Tar da parte di Biolevano che ha proseguito i lavori, ultimando praticamente l’impianto, per ben 5 mesi priva di tutte le autorizzazioni, dopo aver dichiarato con atto formale agli atti della Provincia e trasmesso all’Associazione che i lavori di messa in sicurezza erano terminati il 10 dicembre 2010.


    COMUNICATO STAMPA

    L’ASSOCIAZIONE FUTURO SOSTENIBILE IN LOMELLINA ha inviato martedì 12 aprile 2011 una diffida al Presidente della  Provincia di Pavia e al Sindaco del comune di Olevano di Lomellina, perché i lavori nel cantiere della Biolevano srl proseguono, nonostante la sentenza del TAR Lombardia del 28.10.2010 
     Ha annullato l’autorizzazione del 15 gennaio 2009 con la quale la Provincia di Pavia aveva autorizzato la Maire Tecnimont alla costruzione e all’esercizio di un impianto per la produzione di energia da fonte rinnovabile alimentata a biomassa legnosa per la produzione di 17.500 KW elettrici, incluse le opere connesse ed infrastrutture indispensabili alla costruzione e all’esercizio dell’impianto stesso
     Ha annullato il decreto di esproprio per opere di pubblica utilità relativo alla esecuzione delle opere infrastrutturali e sottoservizi accessori per la realizzazione e l’esercizio dell’impianto della Maire Tecnimont. e nonostante la comunicazione della fine dei lavori di messa in sicurezza dell’impianto in data 10.12.2010 della società costruttrice Biolevano Srl alla Provincia di Pavia
    L’ASSOCIAZIONE FUTURO SOSTENIBILE IN LOMELLINA con la presente diffida chiede alle amministrazioni provinciale e comunali interessate di disporre la sospensione e/o interruzione dei lavori di costruzione della centrale e delle connesse opere infrastrutturali e/o di adottare ogni più opportuno provvedimento diretto a garantire la corretta applicazione della sentenza del Tar.



    Il 16 febbraio
    2011 Futuro sostenibile in Lomellina, Vigevano sostenibile e il Comitato per la Salute e l'Ambiente di Parona hanno incontrato il sindaco di Mortara e la sua giunta per uno scambio di idee e di proposte per uno sviluppo della città di Mortara che rispetti la salute e la qualità della vita dei suoi abitanti.
    Durante l’incontro è stata portata all’ attenzione degli amministratori comunali un’analisi delle criticità ambientali del nostro territorio, partendo dalla lettera firmata dai 200 medici lomellini.

    Le tre associazioni con questo incontro intendono iniziare una collaborazione che permetta di individuare insieme all’amministrazione un percorso di ripristino e di tutela ambientale e al tempo stesso di sviluppo economico sostenibile che sfoci in un progetto condiviso da approfondire in una consulta per l’ambiente sulla base dei principi fondamentali della politica ambientale quali i principi di precauzione, di prevenzione e di correzione alla fonte.

     Comunicato stampa 7 dicembre 2010

    L’Associazione Futuro sostenibile in Lomellina,constatato che i lavori nel cantiere della Mairie Technimont, denominato Biolevano, procedono senza interruzione, nonostante l’immediata esecutività della sentenza di primo grado n. 7136/2010 emessa dal TAR Lombardia di Milano – Sezione Quarta il 28 ottobre 2010, ha inviato una diffida al Presidente della Provincia di Pavia e ai sindaci di Olevano di Lomellina e di Castello d’Agogna perché adottino urgentemente i provvedimenti diretti per garantire la corretta applicazione della sentenza, disponendo l’immediata e continuativa sospensione dell’attività nei cantieri della Maire Tecnimont S.p.A. e della Biomasse Olevano s.r.l posti nel comune di Olevano di Lomellina sulla S.P.n.14 da Olevano di Lomellina a Castello d’Agogna.

    Si ricorda che la sentenza 7136/2010, evidenziando le mancate procedure per il rispetto della partecipazione dei cittadini e dei soggetti interessati, aveva annullato l’Autorizzazione concessa dalla Provincia di Pavia alla Maire Tecnimont per la costruzione e l’esercizio della centrale a biomassa legnosa per la produzione di 17.500 KW elettrici, incluse le opere connesse ed infrastrutture indispensabili alla costruzione e all’ esercizio dell’ impianto e annullato anche il decreto di esproprio per l’ esecuzione delle stesse opere infrastrutturali e sottoservizi accessori.

    La diffida è stata inviata per conoscenza alla Procura della Repubblica di Pavia e alla Procura della Repubblica di Vigevano.


    OGGI,  28 OTTOBRE 2010 IL TAR DELLA REGIONE LOMBARDIA - Sez. Quarta
    HA ACCOLTO IL RICORSO PRESENTATO DALLA FONDAZIONE COGHI 
    CONTRO LA COSTRUZIONE DELLA CENTRALE ELETTRICA MAIRIE TECHNIMONT 
    A OLEVANO DI LOMELLINA.
    Annullata l'autorizzazione alla costruzione e alla produzione di energia
     elettrica da parte della Mairie Technimont-
    Futuro sostenibile in Lomellina ha sempre sostenuto l'azione della Fondazione

    con una petizione firmata da tantissimi cittadini 
    e c
    on un esposto presentato alla Procura di Vigevano il 29 gennaio 2010.


          Associazione di volontariato che promuove la sostenibilità della Lomellina

    Inizia la propria attività il 30 novembre 2008 in seguito alle autorizzazioni concesse dalla Provincia di Pavia per la costruzione di due centrali elettriche, a olio di palma e a cippato di pioppo a Olevano, e il raddoppio della centrale della Sit che brucerà anche legno trattato e rifiuti. Tali impianti, una volta avviati si sommeranno all’inceneritore di Parona, all'attuale Sit, alle altre industrie presenti e alla progettata centrale a olio di palma di cascina Cavalli a Vigevano. In tal modo nel raggio di 10 chilometri, contraddicendo ogni logica di corretta distribuzione territoriale di impianti di questo tipo, vi sarebbero ben sei centrali e in particolare nell’area compresa tra i comuni di Mortara, Olevano e Castello d’Agogna ne sorgerebbero 3 nel raggio di 3 chilometri.
    Tale abnorme concentrazione non potrà non determinare un accumulo di sostanze inquinanti nell’aria che, anche se singolarmente prese risultano nelle norme stabilite, sommandosi in un’area limitata, possono determinare gravi e irreparabili danni alla salute umana ed all’ambiente.