News‎ > ‎

Biohistory: storia di una paternità

pubblicato 9 gen 2014, 08:47 da Antonia Colamonico   [ aggiornato in data 15 gen 2014, 06:12 ]

https://sites.google.com/site/biostoriamappe/_/rsrc/1389288683773/home/campi/biohistory---storia-di-una-paternita/Antonia%20Colamonico%20Edgar%20Morin%20Biohistory.jpg?height=306&width=320Edgar Morin e Biostoria: storia di una paternità 

"Edgar Morin and Biohistory: the story of a paternity"

- Antonia Colamonico - © 2003


Pubblicato in inglese su: World Futures: The Jounal of General Evolution, a cura di A Montuori. Vol. 61 - n° 6, pp. 441-469, part of the Taylor & Francis Group - Routledge, August 2005.


È importante il nome. Nel processo di conoscenza il nome dà la dignità di esistere. Il nome, isolando un quid da un tutto, attribuisce a quel quid uno stato, cioè gli fa assumere un luogo, un tempo e un fatto. Biostoria prese nome nell’agosto 1992, nell’attimo in cui la mia mente isolò il quanto storico, quale promotore di vita. Al nome segue, poi, il corpo e Biostoria iniziò a prendere corpo nel 1993 dall’incontro col pensiero di Edgar Morin.


Biostoria era stata per circa un anno un giocattolo con cui mi trastullavo per mostrare agli alunni l’esplosione degli eventi negli spazi. Le avevo dato anche una veste poetica, Spazioliberina, sotto forma di filastrocche (Colamonico, 1993). Quando, nell’estate 1993, lessi Introduzione al pensiero complesso (Morin, 1993) in cui è ipotizzata la nascita di una nuova scienza e di un nuovo pensiero in grado di leggere l’uno-tutto, capii che quello sarebbe stato il corpo-mente-sguardo della mia gioiosa bambina. Fu così che adottai Morin come padre per biostoria. (...)



Link




© 2014 Antonia Colamonico - Tutti i diritti sono riservati -
Comments