News‎ > ‎

Alcuni articoli

pubblicato 16 mar 2017, 09:00 da Antonia Colamonico   [ aggiornato in data 17 mar 2017, 04:07 ]

https://sites.google.com/site/lamentemultiproiettiva/_/rsrc/1374402918116/le-geometrie-della-vita/la-funzione-storica-dell-osservatore-nell-organizzare-la-realta/campo%20universo-%201.png?height=373&width=400

Biostoria

https://sites.google.com/site/biostoria/_/rsrc/1324576026020/sfogliamente-4/sguardomente/restaurazione-e-risorgimenti/lente%20mappa%202.jpg- La Scienza & Metodo dello Sguardo Multi-Proiettivo -

https://sites.google.com/site/biostoria/_/rsrc/1324576026020/sfogliamente-4/sguardomente/restaurazione-e-risorgimenti/timone_2.jpg?height=155&width=200

"Dietro ogni modello c'è sempre un osservatore-agente che ha scelto, selezionato, incanalato e incarnato un indirizzo storico che è il suo privato senso di realtà, facilmente ammirabile, senza tuttavia assolutizzarlo a "unico verso" della verità osservata, gli assolutismi sono gabbie logico-sociali." A. Colamonico

"L'ignoranza è dietro l'angolo per tutti. La conoscenza quale Patrimonio culturale dell'Umanità non è trasferibile da un uomo all'altro o da una generazione all'altra, ma è una conquista al singolare che si deve inseguire tutta la via; è una costante riflessione sulla tenuta storica delle personali competenze e chiede una forma di amore. Amare la Conoscenza è la dimensione della stessa dignità della vita che chiede di essere conosciuta e amata non per un sentito dire, ma per un'osservazione minuziosa, attenta e affettuosa:

- Non è un caso che da grandi genitori, nascano figli mediocri e viceversa da ignoranti genitori, figli di grande cultura!

La Conoscenza richiede capacità immaginative e poi attuative, nella Società della Televisione, si è generando una forma nuova di massificazione, che ha portato ad un "pensiero foto-copia in serie" di una molteplicità di storie inventate che rappresentavano non la vita in sé, ma la versione veicolata da una leadership che ha veicolato la "piega la realtà" funzionale al suo tornaconto consumistico. Mentre si è presi da tali storie-fantasiose, ogni leader nell'ombra coltiva il privato orticello. Se si riflette l'importanza della Rete e dei Social Networks  è nell'aver smagliato il gioco di assuefazione passiva ad un modello confezionato di realtà, dando la possibilità all'utente di riappropriarsi di una notevole autonomia di riflessione. Internet ha preso il posto del quotidiano, per l'accesso alle informazioni, e della televisione, come forma d'intrattenimento. Ormai è l'abito mentale di tutti il saper navigare liberamente e il costruire la privata versione del mondo, con un effetto moltiplicativo di mode che rendono variegate le opinioni e le scelte. In una sì fatta Società Informatizzata c'è il superamento del ruolo passivo di consumatore e fruitore di modelli standardizzati. Gli Stati, la politica e la medesima economia non possono non interagire con questa nuova dimensione di cittadinanza, se non vogliono innescare le Restaurazioni e le Rivoluzioni, bloccando la Conoscenza, proprio in un momento storico di accresciuta richiesta di beni e di derrate che necessità di un take-off di scoperte per aprire gli orizzonti dei sistemi informativi." A. Colamonico



Il nodo di partenza della rete informativa fin qui elaborata è stato, mentre si procedeva in classe con il laboratorio storico multimediale, la rilevazione di un errore concettuale, registrato già da J Le Goff, nella identificazione (come unica realtà) tra la narrazione degli accadimenti passati e la dinamica dei processi vitali, che non faceva tenere conto dello scarto posizionale tra l'osservatore e l'osservato (come documento in Fatto tempo spazio del 1993). 
L'aver racchiuso, come ancora accade nei manuali scolastici, la disciplina storia al solo passato dell'uomo, con addirittura la distinzione tra storia e preistoria, rende lo studio del sapere fattuale fortemente circoscritto ad una visione limitata che difficilmente spiega le dinamiche vitali a campo allargato e le capacità organizzative della mente umana di rispondere alla vita, in ogni presente. ... Nota Autrice


Antonia Colamonico epistemologa, biostorica, pedagogista, scrittrice, poeta, insegnante di italiano, storia e filosofia.







Titoli


La realtà prende la forma dello sguardo-mente dell'osservatore che da piccoli appigli-echi informativi, gli avvistati storici, con un esercizio di volo è in grado di filare e tessere la rete dei significati topologici del suo stesso osservare e immaginare. Antonia Colamonico

1 Meta-cognizione e multi-medialità: dalla Storia alla Biostoria

2 Le Carte biostoriche e la Geografia del Pensiero Complesso

  1. 2.1 Gli anni '80 e la Complessità

  2. 2.2 La Spugna Storica

  3. 2.3 Fatto Tempo Spazio: unità multipla

  4. 2.4 Biostoria nuovo campo epistemologico

  5. 2.5 Un sistema di lettura a finestre

  6. 2.5.1 Tracciato di un Pensiero

3 La Conoscenza Biostorica tra ordini multipli e Pensiero Complesso

  1. 3.1 Il salto di paradigma

  2. 3.2 Le nicchie-finestre informative e la discontinuità di lettura

4 Verso una Geometria Multi-Proiettiva della Mente

  1. 4.1 2. Gli enti biostorici

  2. 4.2 3. La finestra storiografica e la quinta dimensione di lettura

    1. 4.3 4. Conclusioni

5 Il pensiero creativo e il ruolo del futuro nella dinamica bioStorica:

  1. 5.1 L’altra faccia della Globalizzazione.

  2. 5.2 Ma cosa è cambiato oggi?

  3. 5.3 Restaurazione e Risorgimento le due facce della stessa realtà.

  4. 5.4 Il salto di paradigma: La Società Creativa

6 "Edgar Morin and Biohistory: the story of a paternity"

  1. 6.1 La scoperta della complessità

  2. 6.2 Crisi di lettura di un occhio univoco-sequenziale

  3. 6.3 Il salto gnoseologico: Edgar Morin

  4. 6.4 L’occhio di lettura a cinque dimensioni

  5. 6.5. La scienza-metodo: Biostoria

  6. 6.6. Mappatura del pensiero frattale

  7. 6.7. Plasticità della parola

  8. 6.8 Conclusioni







l'Universo acquista valore solo nella Coscienza dell'Uomo, poiché egli nell'azione del vivere è tenuto a conoscere ed apprendere per poi immaginare proiezioni di processi fattuali, ed essere così preparato a saper rispondere. Il nucleo centrale della permanenza nella Vita è la relazione soggetto-habitat, quale processo comunicativo a multi-verso individuo-contorno... Una piccola anticipazione da A. Colamonico. La 5a dimensione di lettura nella struttura a frattale del Pensiero. 2017

Antonia Colamonico © 2017 - Tutti i diritti sono riservati.


Comments