Piattaforma Mondiale per gli

ECOMUSi e i musei di comunità

benvenuti nella piattaforma internazionale della carta di cooperazione per condividere e scambiare esperienze

"GOCCIA DOPO GOCCIA NASCE UN FIUME"

I NOSTRI OBIETTIVI:

Vogliamo collegare tutti gli ecomusei e le reti regionali e nazionali di tutti gli ecomusei e i musei di comunità, esistenti o ancora da fondare, con le associazioni che lavorano nell'ambito del patrimonio e del paesaggio.

La piattaforma dovrebbe produrre una documentazione multilingua e una bibliografia di risorse sull'ecomuseologia e le sue migliori pratiche.

ALTRE LINGUE: INGLESE, FRANCAIS E ESPAÑOL

PERCHé "Drops"?

Si tratta di una metafora utilizzata da Gerard Corsane nella conferenza generale ICOM del 2016.

Questa piattaforma è come un insieme di gocce d'acqua che possono diventare fiumi, e attraverso questi fiumi arrivare al mare per connettersi con tutto il mondo.

Inoltre, la goccia ha anche il significato di nodo di una rete web di un computer.

Archivio novità

Inviaci novità

Leggi le newsletter

Iscriviti alla newsletter

Per suggerire notizie o progetti compilate questo modulo

Kyoto 2019. Messaggio da Hugues de Varine. (13.12.2018)

Buongiorno a tutti gli amici e colleghi. Ieri ho incontrato Alberto Garlandini, vicepresidente di ICOM e grande amico degli ecomusei. Mi ha detto che il team giapponese che sta organizzando la prossima conferenza generale triennale ICOM, che si terrà a Kyoto nel settembre 2019, ha programmato un incontro fuori sede sugli ecomusei che si terrà nell'Ecomuseo di Hirono (Osaka), il 5 settembre. Questo evento è posto sotto l'egida del Comitato Internazionale ICOM per i Musei Regionali, la Società di Ecomuseologia Giapponese (JECOMS) e la Rete dei Piccoli Musei del Giappone. Il tema e l'ordine del giorno di questo evento non sono ancora noti, ma non è troppo presto per prepararsi per una partecipazione fisica o per inviare un contributo scritto o visivo. Questo incontro, che porterà avanti il ​​lavoro del Forum di Milano degli Ecomusei e dei Musei comunitari (luglio 2016), sicuramente sarà un'occasione per riunire e mobilitare il numero crescente di ecomusei e musei comunitari di tutta la regione dell’Asia-Pacifico. Tutti i colleghi delle altre regioni del mondo potrebbero voler stabilire rapporti di scambio e collaborazione con loro, per rafforzare la rete mondiale nata a Milano ed ora rappresentata dalla piattaforma DROPS <https://sites.google.com/view /drops-platform/home>.

Come conclusione di questa notizia informale, vi mando tutti i miei migliori auguri per il nuovo anno. Hugues De Varine

CHE COSA PUOI FARE?

Leggi la lettera di invito. Adotta e firma la Carta di Milano! clicca qui per compilare la tua iscrizione online.

Questo è un sito di lavoro partecipativo. Puoi facilmente modificare i testi (presenti nei file di Google Drive), inserire mappe e video o altro ancora. Stiamo utilizzando dei file di google drive per trasferire facilmente i contenuti condivisi nel sito ufficiale www.ecomusei.eu. Prova!

Iscriviti al gruppo Linkedin e Facebook per condividere studi, ricerche e pubblicazioni e per ottenere maggiori informazioni. Mandaci foto per Pinterest.

Descrivi il tuo progetto, richiedi articoli per pubblicazioni e/o partners per un progetto di cooperazione. Compila questo modulo

CHE COSA POSSIAMO FARE INSIEME?

DA FARE...

POTRESTI ESSERE INTERESSATO A...

#1

  • Continuare a creare solide fondamenta per gli ecomusei, basate su ricerche valide che connettano necessità/opportunità culturali all'interno delle comunità/regioni a specifiche strategie ecomuseali, mirate al coinvolgimento del pubblico e ad esiti culturali quantificabili (su vari livelli - impatto su individui, gruppi, comunità, organizzazioni locali, sistemi ambientali, resilienza ed altro ancora).
  • Significa ricerca, dibattito e il perseguimento di un programma educativo, la creazione di aree linguistiche e di Forum periodici come quello di Milano.
  • Risulta fondamentale la creazione di una piattaforma per il potenziamento delle capacità, sia per professionali e direttori di ecomusei, che per comunità coinvolte in progetti ecomuseali. Allo stesso tempo, l'idea di proporre il progetto in diverse aree geografiche dovrebbe essere seguita da un controllo periodico delle attività o, perlomeno, da un confronto sui risultati dei progetti educativi.

#2

  • Promuovere nuovi ecomusei, basati su metodi validi di coinvolgimento delle comunità, concezione/progettazione comunitaria, strategie per apportare un valore aggiuntivo culturale (cultura intesa nel senso ampio di come le persone vivano la propria esistenza), misure e relativi cicli di risposta.
  • Significa una linea di condotta collaborativa, che offra a tutti i progetti ecomuseali l'assistenza di colleghi dello stesso o di un altro paese, una sorta di "coaching".
  • Questo concetto è connesso con la prima osservazione, nel senso che il "coaching" potrebbe derivare da progetti educativi, i quali potrebbero essere sviluppati in collaborazione con ecomusei della stessa regione, nazione, area geografica. L'idea in sé è interessante, ma è indispensabile un approfondimento efficace.

I filmati "Che cos'è un ecomuseo?"

Sezione"strumenti" .

Oppure puoi chiederci assistenza o di poter collaborare!

#3

  • Assistere musei esistenti ad incorporare l'approccio olistico degli ecomusei - pertanto, spostando l'attenzione dei musei tradizionali verso adattamenti che aiuteranno nel riqualificare e ridefinire i musei convenzionali con le mutevoli necessità culturali delle comunità all'interno del nostro mondo sempre più pluralistico, urbano e globalizzato.
  • Renderebbe gli ecomusei e i musei di comunità uno strumento utile in quanto dotati di esperienza e fornitori di metodologia per tutte le tipologie di Istituzioni sul Patrimonio Culturale (musei, monumenti, siti, parchi naturali, associazioni locali); i quali fungerebbero da collegamento strutturale con ICOM, ICOMOS, UNESCO.
  • Risulta opportuno promuovere l'idea che gli ecomusei possano fornire esperienza e metodologia alle istituzioni ufficiali, possibilmente con la creazione, una volta realizzata la Piattaforma DROPS, di una pubblicazione sotto l'egida di ICOM o UNESCO, con l'obiettivo di offrire linea guida e di condividere esperienze di successo nell'ambito degli ecomusei.

Qui puoi vedere la sezione progetti !

Forse ci sono altri modi di immaginare la gamma di attività necessarie per generare cambiamento nel mondo museale; cambiamento che si tradurrà in trasformazioni culturali positive all'interno delle comunità e dei sistemi umani.

#4

  • La Piattaforma Drops, diverrebbe uno strumento funzionale alla comunicazione per altri tre obiettivi.
  • La Piattaforma Drops, in quanto strumento funzionale alla comunicazione, come un "forziere" all'interno del quale diversi soggetti possano depositare "tesori" di conoscenza.

Scrivici dei tuoi progetti e suggerimenti!

I Network che si sono uniti a noi:

Riempiamo il mondo di gocce...

Stiamo lavorando al 17esimo obiettivo di sviluppo sostenibile: Rivitalizzare il partenariato globale per uno sviluppo sostenibile

Il Comitato Direttivo della Carta di Cooperazione di Milano:

Raul Dal Santo (Italia)

Hugues de Varine (France)

Óscar Navajas Corral (España)

Karen Brown (Scotland)

Heloisa Helena Costa (Brasil)

Douglas Worts (Canada)

Kazuoki Ohara (Japan)

Segreteria Tecnica:

Francesca Pandolfi (Italia)

Filedelfja Musteqja (Italia)

Il mio piccolo mondo a Parabiago (Milano).

Se avete qualche domanda contattateci a: agenda21@comune.parabiago.mi.it Raul Dal Santo

Texts under the Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported License

Adopt this licence for your ecomuseums website like this one