home‎ > ‎Chi siamo‎ > ‎

Terra

pubblicato 14 lug 2014, 05:13 da TEMPO diSERVIRE


La terra è il secondo elemento primordiale ed è il regno degli gnomi .Il potere della Terra si esercita verso il Nord e , sovente , è considerato un potere negativo che è meglio non invocare o , quantomeno , se proprio si è costretti a farlo , usare molta cautela . Questo elemento esprime praticità , ordine , amore per i dettagli ; simboleggia inoltre un carattere saldo e tenace , la perseveranza , il desiderio di accumulare ricchezze ed economizzare , tutte caratteristiche proprie degli Gnomi che la abitano . Per assicurarsi la protezione di queste creature bisogna tenere conto di queste corrispondenze

PUNTO CARDINALE : nord
ORA DEL GIORNO : mezzanotte
COLORI : nero , marrone scuro
STAGIONE : inverno
PIETRA : cristallo di rocca
INCENSO : benzoino , storace
PIANTE : grano , avena , riso
ALBERO : quercia
ANIMALI : toro , serpente
SFERA D’AZIONE : il materiale , la morte , il silenzio , il denaro
LUOGO : una caverna , una miniera , una grotta

Una formula di saluto può essere la seguente : 

" Salute a Te , Demetra , Signora degli Abissi e delle Montagne"

Per evocare il potere dell’Elemento Terra si può usare questa orazione : 

"Il potere della Terra io invoco . Io ( nome ) chiamo a me lo Spirito della Terra e gli intimo di presentarsi in forma a me visibile , qui e ora . E mi rivolgo alla Grande Dea Demetra , che mi protegga in questa operazione "

Nelle cerimonie funebri la terra appariva come elemento primordiale ma allo stesso tempo ultimo, il Rito della Pietra di Fal indicava l’accettazione da parte della Terra di un individuo come Re, cioè come intermediario tra la terra stessa e la società, i Druidi non consideravano la Terra come entità divina ma come un qualcosa da controllare, da mettere al servizio della volontà umana.
La Terra è un elemento capace di dare molto in quanto unito anche con le piante esseri in grado per natura di mutare, trasformare. La Terra accoglie e i luoghi dove sentirla sono ovunque: un prato, una grotta o tana, un campo, un montagna o un bosco.
La purificazione con la Terra è semplice, consiste nel visualizzare la negatività uscire dal nostro corpo ed entrare nella Terra, da Essa prenderemo poi la positività meditando e respirando profondamente. Sentire la Terra è la prima cosa che bisogna imparare, non ci sono scuole ma solo quello che ognuno di noi ha dentro, sdraiati su un prato si può vedere un mondo diverso se si è capaci di ascoltare.
Invocare lo Spirito della Terra e chiedergli aiuto e assistenza per la purificazione.


es. "O, Antico Spirito della Terra,
Io vengo in pace e pace Ti chiedo,
Che nel Tuo elemento
Mi possa purificare dalla negatività che mi porto dentro,
Che nel Tuo elemento
Io possa trovare la positività che cerco.
Che Amore ci unisca
E che con l'Amore ci saluteremo. "



Sedere rilassati o meglio ancora sdraiati. Respirare profondamente visualizzando la negatività uscire dal corpo ed entrare nella Terra purificatrice. Iniziare a sentirne il respiro e muoversi con Essa, respirare assieme alla Terra come se foste piante: espirare negatività, inspirare positività seguendo il lento movimento dell'Elemento. Ringraziare e salutare.
La Terra, materia primordiale in cui tutto vive e cresce, che dona e riprende la vita, è selvaggia, indomabile e funesta, ma può anche essere coltivata, domata e diventare benefica. Rappresenta il grande principio femminile opposto al cielo, il grande principio maschile. Nello zodiaco, l'asse formato dai segni del Toro e dello Scorpione rappresenta il grande principio femminile, contrap-posto a quello maschile che è complementare. Mentre il segno del Toro è legato alla comparsa della vita vegetale sul nostro paese, lo Scorpione è associato alla comparsa di quella animale. Il doppio aspetto positivo e negativo della terra, sta proprio in questo: da una parte è generosa e fe-conda, produce un'enorme varietà di piante e frutti, grazie a lei e in lei nulla va perduto, tutto si trasforma; anche l'uomo nasce e torna alla Terra: "Nudo sono nato da un seno materno, e nudo vi ritorno", Giobbe (1,21) Da un altro punto di vista, il fatto stesso che tutto torni alla terra, implica che essa regna basandosi su un principio che è contemporaneamente vitale e fatale, senza il quale la vita sulla terra non sarebbe possibile, ma che proprio per questo è negativo, oscuro, malefico. Non a caso, ai nostri antenati sembrava logico che il regno dei morti si trovasse nel sottosuolo, nel mondo sotterraneo dove si manifestano le forze oscure, le ombre, spesso associate alla de-composizione e alla putrefazione. Ciononostante, quello stesso sottosuolo era il luogo della fecondazione e della germinazione, e portava con se anche una speranza di rinascita, di risurrezio-ne. Per questo motivo, si è sempre creduto che gettare un pugno di terra fosse sufficiente a cacciare le forze nefaste. Un gesto rituale che tutt'oggi si compie quando viene seppellito qualcuno.

.: DEE E DEI DELLA TERRA NEL MONDO :.

In Egitto, nel Pantheon degli dei, il dio Ptah, grande demiurgo, è una divinità sia maschile che femminile; un testo proveniente da Menfi, a riguardo dice :" Ptah è il padre e la madre degli dei ed il suo soprannome è "La Donna". E' lui la matrice in cui si differenziano i semi di ciò che na-sce, è lui che fa spuntare l'orzo dall'uomo e il grano dalla donna..." Più tardi, fu Geb a diventare una dea madre, raffigurazione dell'argilla, della torba, della materia primordiale, della terra nutrice, coltivabile e feconda. In Cina la creazione della terra è opera di P'ankou. Secondo il Chou Yi Ki, un testo risalente alla fine del VI secolo d.C., questa è la versione :" Gli esseri viventi cominciarono con P'ankou, che è l'antenato di 10.000 esseri dell'universo. Quando P'ankou morì, la sua testa divenne una coma sacra, i suoi occhi divennero il sole e la luna, il suo adipe i fiumi e i mari, mentre i suoi capelli ed i suoi peli divennero la vegetazione". In India, la Terra a volte è Laksmi, dea della fecondità e della prosperità, il cui simbolo è l'oro, a volte è Kali, la dea nera e sanguinante dei sacrifici, detta anche Bhumi, il seno materno. Per i Maya, invece, la Terra era Itzam Cab, l'iguana-terra, mentre per gli Aztechi si trattava di un mostro dalle mascelle spalancate, Tlaltecuhentli, il signore della terra, entrambe le figure si avvicinavano molto di più al mito del Drago piuttosto che a quello della Dea Madre.

.: Secondo i Celti :.

Terra: Madre Generosa
Elemento essenziale per i popoli che, come i Celti, vivevano nella natura e dipendevano dai suoi prodotti, la terra era collegata al Nord e all’Inverno. Essendo una delle emanazioni della Grande Dea, il suo simbolo magico era il Pentacolo, è una figura fondamentale dell’ermetismo druidico. Nei riti e nelle cerimonie magiche era rappresentata dal colore Marrone e Verde; alcuni suoi “prodotti” venivano posti sull’altare: fiori, cristalli, erbe, pietre ( e anche monete di rame, che i Celti avevano imparato a coniare).
L’uso delle monete si deve probabilmente al fatto che le vibrazioni della terra favoriscono la ricchezza, l’abbondanza, il benessere materiale e anche altre necessità umane, come la riuscita nel lavoro e la fertilità del matrimonio.
Tratto dal libro: MAGIA CELTICA

Secondo la Wicca

L’elemento terra agisce in modo indipendente dagli altri elementi e li contiene tutti nella forma più solida. Insieme formano la roccia, la lava, il ghiaccio e favoriscono la stabilità del nostro pianeta, determinando anche la consistenza del suolo rendendolo ricco, caldo, o sabbioso. L’elemento terra, coinvolgendo gli altri tre elementi, raggiunge la sua fonte vitale combinandosi con loro e forma una forza chiamata “Fluido Elettromagnetico”.

Ecco le corrispondenze della Terra:

Il punto cardinale della Terra é il Nord
Il suoi segni zodiacali sono il Toro, la Vergine e il Capricorno
La stagione l’Inverno
Il momento del giorno Mezzanotte
La sua gemma il Cristallo di Roccia ( anche i cristalli in generale )
Le piante il Grano, l’Avena e il Riso
L’albero la Quercia; gli animali il Toro e il Serpente
I metalli il Diaspro e le Perle Nere
I luoghi sono : la Caverna, la Grotta, la Miniera, la Montagna, il Boscho e il Campo
I colori della Terra sono il Verde, il Marrone e il Nero
Il suo incenso il Benzoino e lo Storace
I suoi spiriti elementali i Gnomi
Il suo strumento il Pentacolo

L’elemento della Terra agisce sui Beni Materiali, Morte, Fertilità, Forza e Ricchezza. È utile nelle seguenti situazioni: la Guarigione, il Lavoro e la Carriera, i Soldi e i Beni Materiali, la Fertilità e la Crescita, l’Agricultura (cibo) e l’Ecologia.


Comments