Teatro a scuola‎ > ‎

Rappresentazione scenica


Da non confondersi con “la rappresentazione scolastica” che, a torto o a ragione, ricorda recitine e scenette il più delle volte  troppo poco espressive per definirsi teatrali.
 
Se decidiamo di allestire una rappresentazione, dobbiamo scegliere alcuni elementi in base agli spazi, ai tempi, alle risorse, e alle abilità che abbiamo a disposizione. Il bello del teatro è che si può fare con tanti mezzi ma anche con poco o nulla. Non occorre avere per forza palcoscenici, sipari rossi, riflettori, scenografie.
Indispensabile è
 a) scegliere una FORMA. Una rappresentazione può essere: 
                    - con attori che mimano o parlano, 
                    - con burattini, marionette, pupazzi (qualsiasi oggetto si può animare), 
                    - con attori, burattini marionette, pupazzi, 
                    - con scene, maschere e costumi, 
                    - con le ombre corporee, con le silhuettes, ecc.
 b) trovare lo SPAZIO più idoneo in cui svolgere l’azione.
 A volte è lo spazio a disposizione che ci può dare l’idea  per la forma da scegliere.   Anche se in una scuola manca la stanza del teatro, si possono sempre sfruttare corridoi, aule, cortili, giardini.
Comments