IL TEMA

COME SCRIVERE UN TEMA IN OTTO MOSSE (tratto da: www.studenti.it/COME SI FA UN TEMA)

 

1) Leggere la traccia con attenzione    
Comprendere bene la traccia del tema è indispensabile per cercare di ottenere un buon voto. Prima di tutto quindi, prendetevi 5/10 minuti e leggete con attenzione la traccia, per comprendere bene quale è l'argomento del tema che dovrete affrontare ed evitare di andare fuori tema o di dilungarvi troppo su argomenti non richiesti. Dovete infatti
dimostrare di conoscere bene l'argomento proposto, che sia un tema di storia, di italiano o una traccia libera. 

2) Suddividere il lavoro    
Un buon tema dovrebbe essere suddiviso in 3 parti principali:  
L'
introduzione, nella quale è necessario fare, appunto, una presentazione dell'argomento che si sta per spiegare.      
Lo
svolgimento, che rappresenta la parte più "corposa" del tema, nel quale dovrete analizzare dettagliatamente la traccia dell'elaborato e rispondere ad eventuali domande che sono richieste.
La 
conclusione, nella quale dovrete in qualche modo riepilogare l'argomento del tema, per arrivare, appunto, ad una conclusione. E' importante infatti che il tema non si interrompa da un momento all'altro, dando l'impressione che non sia finito. Bisogna quindi scrivere una frase che possa far capire a chi legge che l'argomento del tema è stato analizzato con attenzione e che il discorso che si sta portando avanti si è concluso. Sentitevi liberi di esprimere anche il vostro punto di vista, evitando comunque le polemiche oppure le estremizzazioni.

3) Fare una scaletta         
Dopo aver compreso la traccia del tema, è molto utile fare una scaletta, elencando i vari argomenti di cui si vuole scrivere nell'elaborato. Se, ad esempio, dovete svolgere un tema sulla poetica di Foscolo, potete partire dalla descrizione generale della sua poetica, per poi fare esempi concreti, magari facendo riferimento ad alcune opere oppure agli avvenimenti della sua vita che hanno portato all'elaborazione della sua poetica.  
Se invece dovete fare un
tema su un argomento più generico (come ad esempio l'amicizia) cercate di segnare sulla scaletta i punti principali che volete affrontare nel tema (potete anche raccontare la vostra esperienza personale!).     
Oltre alla scaletta degli argomenti da affrontare nel tema, cercate anche di suddividere il tempo che avete a disposizione, in modo da organizzare con calma tutte le fasi dello svolgimento dell'elaborato. Una giusta suddivisione, calcolando 3 ore di tempo, può essere questa: 10 minuti per la comprensione della traccia, 20 minuti per la stesura della scaletta, 1 ora e 30 per la stesura del tema, 30 minuti per la correzione del tema e 30 minuti per la copiatura e la correzione finale del tema.  

4) Scrivere il tema 
Dopo aver riordinato le idee, arriva la parte più difficile. Dovete scrivere tutto quello a cui avete pensato e che avete segnato sulla scaletta. In questa prima fase della stesura, non preoccupatevi tanto degli errori. Iniziate ad affrontare l'argomento del tema e a rispondere alla traccia proposta. Avrete tempo poi per rileggere l'elaborato e correggere eventuali errori prima di consegnare la "bella copia". Mentre scrivete il tema, cercate di attenervi alla scaletta e di non allontanarvi dalla traccia principale del tema. Cercate di non fare frasi troppo lunghe ed articolate: meglio la semplicità per evitare che chi legge possa perdere il filo del discorso. Se dovete scrivere un articolo di giornale, ricordatevi le "5 W" dello schema giornalistico (l'articolo deve infatti rispondere a 5 domande): Who? (Chi?), What? (Cosa?), Where? (Dove?), When? (Quando?) e Why? (Perché?).

5) Rileggere il tema          
Dopo che avrete scritto l'elaborato, prendetevi 5 minuti di pausa e poi rileggete tutto il testo, facendo attenzione a quello che avete scritto. Prima di tutto dovete cercare di capire se avete risposto correttamente a quello che vi veniva richiesto dalla traccia del tema. Potete anche rileggere la traccia, per vedere se avete centrato l'argomento o vi siete allontanati troppo dal tema principale. Se pensate di aver dimenticato qualcosa potete aggiungerlo oppure potete accorciare qualche passo dell'elaborato che risulta troppo lungo ed articolato.

6) Correggere il tema       
Una volta appurato che quello che avete scritto è in linea con la traccia del tema, è importante fare attenzione al linguaggio utilizzato e agli eventuali errori grammaticali o di ortografia. Evitate di scrivere il tema come se fosse un sms: bandite quindi le "x" al posto di "per" o tutte le abbreviazioni che si utilizzano abitualmente nelle chat, negli sms o sul web (ad esempio: "cmq" al posto di "comunque", "tt" al posto di "tutti" e via dicendo). Scrivete in italiano e non utilizzate forme dialettali (a meno che non state parlando di un particolare argomento e non vogliate fare un esempio utilizzando una parola dialettale. In quel caso, però, potreste mettere la parola tra virgolette). Fate attenzione ai verbi utilizzati, soprattutto per quanto riguarda la concordanza dei tempi tra la frase principale e la frase subordinata. Evitate di utilizzare sempre la stessa parola, ma cercate anche sinonimi che possano andare bene per il contesto della frase. Un occhio di riguardo, infine, va alla punteggiatura
, spesso molto difficile da usare da parte degli studenti. Un buon utilizzo della punteggiatura serve infatti per rendere il tema più scorrevole, soprattutto per chi lo legge. 

7) Copiare il tema  
All'insegnante dovrete consegnare una "bella copia" del tema, non la "brutta copia" che magari sarà piena di errori, correzioni o di frasi scritte e poi cancellate. Arrivati a questo punto, comunque, il tema è pronto. Dovrete solo ricopiarlo su un nuovo foglio per dare al vostro prof un elaborato perfetto, anche esteticamente

8) Rileggere la "bella copia" del tema 
Dopo aver ricopiato il tema, è indispensabile rileggerlo un'ultima volta. Magari arrivati a questo punto sarete stanchi e non vedrete l'ora di consegnarlo, ma è importante leggerlo di nuovo per controllare che non ci siano errori di trascrizione, dovuti ad un attimo di distrazione. Sarebbe veramente un peccato avere un voto in meno per qualche semplice errore di distrazione. Fate quindi un ultimo sforzo e ricontrollate il tema scritto per essere sicuri di non aver commesso 
errori grammaticali o ortografici ricopiando l'elaborato. 


PROVA ORA A SVOLGERE IL TEMA ALLEGATO (è quello in Word!).

DI SEGUITO, TROVERAI ALCUNI ALLEGATI IN .PDF: 

SI TRATTA DI TEMI GIA' SVOLTI DA ALTRI MIEI ALUNNI. PUOI DARCI UN'OCCHIATA E, SE LI TROVI INTERESSANTI, LI PUOI SCARICARE E CONSERVARE, COME MODELLI SUI QUALI BASARTI PER I TUOI ELABORATI.

Ċ
Laura Veroni,
27 mag 2012, 03:12
ĉ
Laura Veroni,
20 mag 2012, 02:32
Ċ
Laura Veroni,
02 feb 2015, 12:51
Ċ
Laura Veroni,
08 mar 2015, 13:48
Ċ
Laura Veroni,
24 nov 2014, 13:04
ĉ
Laura Veroni,
20 nov 2014, 10:30
Ċ
Laura Veroni,
27 mag 2012, 03:11
Ċ
Laura Veroni,
15 feb 2015, 09:28
Ċ
Laura Veroni,
27 mag 2012, 03:12
Ċ
Laura Veroni,
27 mag 2012, 03:12
Ċ
Laura Veroni,
27 mag 2012, 03:11
Ċ
Laura Veroni,
27 mag 2012, 03:11
Ċ
Laura Veroni,
04 ott 2017, 12:40
Comments