Skater Dolly

Le grosse limitazioni intrinseche dei dolly di tipo 'linear guide' tipo il mio v1 mi hanno indotto alla realizzazione di un secondo dolly, più piccolo, leggero e quindi facilmente trasportabile, basato su di un semplice carrello in alluminio libero di muoversi su 3-4 ruote in gomma tipo pattini Rollerblade ma motorizzato e controllato dal nostro consueto open source miniEngine controller. Esistono diverse versioni di questo tipo di dolly che utilizzano 3 o 4 ruote per la movimentazione su superfici piane. Io sono partito da questo esempio di realizzazione DIY, ma optando per l'opzione a 3 ruote e considerando anche la possibilità di farlo viaggiare su guide lineari, per ovviare alla difficoltà di utilizzarlo su terreni accidentati. Per quest'ultimo ambito d'uso, il dolly lineare a barra filettata rimane lo strumento ideale, soprattutto per la sua caratteristica di poter affrontare salite con pendenze anche notevoli, cosa impraticabile con lo Skater-dolly per questioni di tenuta di coppia del motore stepper.







Elettronica di controllo e motorizzazione

Per minimizzare le dimensioni della scatola con l'elettronica di controllo ho pensato di sostituire la classica scheda Arduino Uno (o suo clone) con una Arduino Pro Mini e la scheda Easy Driver del motore stepper con una basata su chip DRV8825, decisamente più piccola e performante.
Per il motore stepper ho scelto un semplice bipolare NEMA17 tipo RepRap tipicamente usato nelle stampanti 3D (nel mio caso un 0.95A con buone caratteristiche di coppia a 12V).



Dolly v2 board components
Elettronica del dolly (software open source miniE)

Come si può vedere dalle immagini qui sopra ho realizzato una scheda che svolgesse compito di supporto per i componenti elettronici e contemporaneamente da base per il sovrastante LCD-Keypad shield, che funziona (come già nella v1) da interfaccia utente per il sistema. La scheda di supporto (disegnata ed autocostruita con le, ben note ai DIYers, tecniche di trasferimento toner ed etching con Cloruro Ferrico) ha dimesioni di 80x76mm e contiene abbondantemente tutto l'occorrente:





  • Arduino Pro Mini
  • driver DRV8825 (con sottostante condensatore da 100uF, non si vede perchè è coricato sotto la shield del driver)
  • DIP switch per la selezione dei micropassi del driver
  • presa RJ10 per lo stepper
  • prese Jack stereo per fotocamera ed eventuali switches di fine corsa (previsti nel design del miniE ma in effetti poco utili nel caso di dolly non limitato da rail)
  • coppia di accoppiatori ottici per il comando della reflex
  • presa di alimentazione per i 12V e zoccoli per lo 'stacking' dell'LCD-shield.





Per consentire l'alloggiamento dell'Arduino Pro Mini al di sotto dell'LCD shield ho adottato un semplice stratagemma. Ho saldato i pin di collegamento sull'Arduino 'abbassati' rispetto al consueto in modo da poterlo montare su zoccoli anch'essi di tipo low-profile. Così facendo ho praticamente quasi dimezzato l'altezza della schedina rispetto alla scheda di supporto su cui è installata (foto illustrative nella gallery qui sopra).
Il tutto sembra funzionare a dovere, alimentato da un battery pack ricaricabile 12V compatto, che potete trovare su facilmente su ebay, come tutti gli altri componenti. Qui sotto un paio di video del sistema di base (eletronica, motore e fotocamera) in funzione.


 


 





Meccanica

Ho deciso per un dolly a tre ruote, di cui una 'motrice', perchè di più facile realizzazione e di dimensioni e peso ridotti rispetto ad uno a 4 ruote. Sono partito dal presupposto di utilizzare le ruote da 7cm di un vecchio pattino inline ma si trovano anche dei mini dolly a basso costo da cui ricavare le ruote facilmente, tipo questo. Con alcuni spezzoni di profilato di alluminio da 15x30, del fedele Brico Center, ed un pò di listello da 40x3 ricavato da vecchie barre di alluminio usate come pesi per tende, mi sono inventato una struttura 'a T', leggera e robusta, con le due ruote libere montate sul trave principale ruotanti e la ruota motrice sul trave secondario (trasversale al primo), azionata da uno stepper NEMA17 tipo stampanti RepRap, come già mostrato nella precedente sezione dedicata all'elettronica di controllo. Sulla barra secondaria (listello da da 40x4) trova alloggio il motore e la testa a snodo per la DSLR, nonchè un travetto di supporto per la scatola dell'elettronica. Gli ingranaggi in plastica per la trasmissione del movimento sulla ruota motrice li ho trovati a pochi euro su ebay e forniscono un rapporto di riduzione di 1:4. La ruota motrice ruota su di un lungo bullone M6.
   Una volta separate le parti principali il dolly occupa decisamente poco spazio ed è facilmente trasportabile.



   Dicembre 2014 & Ottobre 2015




















New Electronics board and case

Ho rifatto l'elettronica con una nuova PCB che permette di collocare tutti i componenti di supporto al di sotto dell'LCD Keypad Shield. Il tutto risulta più compatto. Ho eliminato il jack dei 'limit switches' visto che in questo tipo di dolly non servono. Sono sempre disponibili i tre pins sulla scheda nel caso si voglia utilizzare la stessa scatola su di un'altro dolly.

  
  

Febbraio 2016


Ho realizzato una valigetta di trasporto, con l'interno di polistirolo modellato con il mio DIY Polystyrene Cutter.

Marzo 2016