Parco della Creatività (Loc. Manciano)
Il cerchio della vita
condotto da Andrea Roggi
Scultore

Le porte del Parco della Creatività e dello studio artistico qui situato si aprono per questa particolare occasione. I partecipanti avranno la possibilità di apprendere e vedere dal vivo come vengono realizzate le opere bronzee attraverso il metodo della fusione a cera persa con una guida d’eccezione, il Maestro stesso, che lì condurrà in un breve viaggio all’insegna dell’arte. La visita si concluderà con un tour della mostra scultorea allestita negli spazi esterni del Parco della Creatività.

Andrea Roggi
Andrea Roggi
. Sin dall'adolescenza inizia a coltivare i suoi numerosi interessi, tra cui la pittura e la poesia, fino al progressivo avvicinamento alla scultura. Approfondisce la tecnica scultorea frequentando lo studio dell’artista castiglionese Enzo Scatragli. Nel 1991 fonda “La Scultura di Andrea Roggi “, dove realizza interamente le proprie opere e grazie all’aiuto dei suoi assistenti riesce a creare sculture ricche di dettagli e di grandi dimensioni. Il bronzo è il suo materiale, con il quale, attraverso il rito della fusione, riesce a trasformare i modelli cretacei in sculture. Numerose sono le sue opere pubbliche in Italia, prevalentemente in Toscana e Umbria. Dalla fine degli anni ’90 diviene promotore della corrente “Art for Young” che ha come obiettivo quello di avvicinare i giovani all’arte in tutte le sue forme. Dal 2000 ha iniziato una proficua collaborazione con le Università della Georgia, con sede a Castiglion Fiorentino e la University of Texas, con sede a Cortona, dove tiene seminari e corsi di tecniche scultoree. I suoi lavori sono collezionati in molti paesi del mondo, ha partecipato ad esposizioni nazionali ed internazionali tra le quali Grand Hall Olympia, Londra; Ahoy, Rotterdam; Grand Palais, Parigi; Fukuoka (Japan) Oishi Gallery - Fukuoka City Museum. La sua mostra permanente è visibile presso il Parco della Creatività (Manciano Castiglion Fiorentino) e anche al The Circle of Life Art Gallery di Cortona.
Comments