Autore: PIERO GIARRATANA

Piero Giarratana è nato ad Alimena (Pa) il 15 Agosto 1921. Laureato in legge, dirigente presso il ministero dell’interno, ha sempre praticato per divertimento la pittura e l’umorismo. Collezionista di pietre e minerali dal ’70 è passato a un nuovo genere di espressione. Costruisce le sue opere con sassi, minerali, sabbie, legno ed altri materiali di risulta. I suoi quadri narrano scene di vita semplice e primitiva, ma anche scenette di vita moderna in chiave umoristica. Sue opere sono presenti in musei e collezioni private in Italia e all’estero. Numerosi i premi e i riconoscimenti ottenuti. Tra questi ricordiamo:
- Nel 1985, a Strasburgo, il premio “Consiglio d’Europa “ come primo fra gli italiani sul tema “L’uomo e la tecnologia “.
- Nel 1988, a Bordighera, il 1°Premio della Giuria sul tema :”Cinema- TV- Un sorriso per l’immagine “.
Ha scritto un libro di ricordi :”La nonna di pietra “ che nel 1987 ha ottenuto il Premio Speciale della Giuria del Salone Internazionale dell’Umorismo di Bordighera e nel 1989 il “Premio della Cultura” dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e il libro “Profili di Capre

Opere:

Titolo: LA NONNA DI PIETRA Pubblicazione: 1986
Editore: Agnesotti Pagine: 184

In questo libro l’autore narra i fatti vissuti e le cose viste o udite durante la sua infanzia e l’adolescenza trascorse  ad Alimena, suo paese natale. Nel libro intitolato alla nonna che lo ha iniziato alla vita, affiorano freschi e intatti i ricordi di una vita semplice ma gioiosa in cui l’autore era felice anche “per il sol fatto che ogni mattina spuntava il sole”.


Titolo: PROFILI DI CAPRE Pubblicazione: 1999
Editore: Aspasia Pagine: 85

“ Profili di capre “ rispecchia, già nel suo titolo, l’anima e ”l’animalità “ di Piero, il suo essere antico, il suo vivere biblico, il suo sentirsi e riconoscersi parte attiva del mistero della vita, non soltanto e non semplicemente uomo, ma anche terra, albero, acqua, pane, pietra. Un modo insolito, suggestivo e pieno, di raccontarsi, catturando alla natura e al tempo impressioni, memorie, pensieri, paesaggi, sentimenti, per regalarli alla nostra emozione. Uomo straordinario, artista vero e imprevedibile, curioso osservatore delle più piccole vicende come dei fenomeni cosmici, arguto testimone di una millenaria civiltà contadina, dove ogni elemento naturale o sovrannaturale è sanguignamente  e intimamente vissuto,  Piero  sa comunicarci – con disarmante  semplicità ed  evidenza – riflessioni  profondissime, che sono al tempo  stesso  sentimentali  e scientifiche, metafisiche  e fisiche. Accompagnandoci  peraltro ( e non senza  ammiccamenti  e  sorrisi  di pudica  compiacenza ),  nell’intimità del suo mondo  adolescente, nell’età  della  coscienza  e della  formazione di  un  uomo, che  potrebbe  riassumere quella di tutti gli  uomini.”