Benvenuti nel Blog dell'I.C. Giovanni XXIII Paceco (TP)

Blog "I.C. Giovanni XXIII" nasce perché abbiamo avvertito la necessità di affiancare al sito ufficiale della scuola uno spazio “altro”, che fosse il riflesso dell’anima del nostro istituto. Il Blog è un mezzo per diffondere le tante iniziative che quotidianamente vengono intraprese dagli studenti della nostra scuola, dove vengono svolte molteplici attività e progetti che così troveranno un contenitore adeguato in cui essere documentati. Questo creerà, inoltre, un ponte con le famiglie che avranno coscienza dei momenti più significativi dell’esperienza scolastica dei loro figli.

L’idea è quella di realizzare un luogo virtuale che possa permettere ad ogni studente di essere sempre aggiornato sulle tante attività che coinvolgono il nostro istituto e dall’altra di offrire l’occasione ai docenti di sperimentare un ambiente diverso in cui mettere in vetrina il proprio lavoro.

Il blog conterrà, inoltre, interviste, ricerche e articoli di vario argomento creati dalla penna stessa dei ragazzi attraverso cui potranno esprimere al meglio il loro modo di concepire la scuola. La posta della scuola in questo avrà un ruolo fondamentale: raccogliere i loro sentimenti, le loro contrarietà, i loro dubbi sarà catartico per loro e indispensabile per la crescita della scuola!

Carousel imageCarousel imageCarousel image

EDUCAZIONE STRADALE A SCUOLA

Martedi, 29 marzo 2022, il signor Lorenzo, ex poliziotto stradale, ha spiegato l' importanza delle regole e dei carrelli stradali a tutte le classi quinte della scuola primaria dell' Istituto Comprensivo Giovanni XIII di Paceco. Per coinvolgere e attirare l'attenzione degli alunni ha raccontato la buffa storia del signor "Incidente" che ogni giorno veniva chiamato continuamente da tutti a causa dei numerosi sinistri per l' inesistenza dei cartelli stradali, a tal punto che ritornava sempre a casa con un gran mal di testa! Così decise di creare i cartelli stradali. "In realtà", ha spiegato il signor Lorenzo, "questa è una storia inventata, il vero inventore fu l'americano William Phelps. Oltre ai cartelli stradali", ha continuato "per circolare in strada in sicurezza, si devono rispettare altre regole. Una curiosità sui cartelli stradali poi, è che hanno avuto origine in Italia e, con precisione, nell'antica Roma, in cui si usavano per indicare le posizioni delle città". Gli alunni si sono davvero rivelati entusiasti per questa nuova esperienza che prevede altri incontri durante l'anno scolastico in corso. Un' importante iniziativa che mira a promuovere già nei bambini il riconoscimento dell'importanza della segnaletica per la promozione della sicurezza e dell'ordine nelle strade. Giovanni Barbiera 5C


L’ISTITUTO COMPRENSIVO “GIOVANNI XXIII” ALLE OLIMPIADI

REGIONALI DI PROBLEM SOLVING DEL 4 APRILE

Con l’inizio delle Olimpiadi del “Problem Solving 2022”, si sono conclusi i percorsi P.O.N a cui hanno partecipato alcuni alunni dell’Istituto Comprensivo “Giovanni XXIII”, sia nella scuola primaria che secondaria. Il P.O.N ha offerto a questi alunni un percorso di preparazione conclusasi con delle vere e proprie gare. Alle selezioni della scuola primaria hanno partecipato più squadre, ma solo tre hanno superato la fase provinciale: la squadra gialla, la squadra blu e quella rossa. Nella scuola secondaria, invece, il miglior risultato a squadre è stato quello delle Aquile. Per la scuola primaria, spicca tra tutte, per miglior punteggio ottenuto a livello provinciale, la squadra Blu, composta dagli alunni Emmanuel Armato, Giuseppe Asaro e Vincenzo Quartana della 5D e da Vincenzo Giliberti della 4A che adesso si metteranno nuovamente in gioco in occasione delle regionali previste per il 4 Aprile. E’ davvero un orgoglio per la nostra scuola avere simili talenti. La collaborazione e la condivisione delle proprie capacità ha permesso il raggiungimento di un ottimo punteggio unito anche all’appoggio di validi insegnanti esperti quali Rosaria Pizzimenti e Rossana Di Giorgi e con il supporto dei colleghi tutor Rosaria Favuzza e Massimiliano Scopelliti. Tutto l’Istituto Comprensivo “Giovanni XXIII” augura una buona fortuna agli alunni qualificati, con la speranza di arrivare alle selezioni nazionali e invita loro a non mollare davanti le difficoltà che lungo il tragitto potrebbero presentarsi. Forza ragazzi, siamo tutti con voi!

Carousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel image

MUSICA… DAL VIVO!

Nell’ambito della rassegna “Trapani classica” organizzata in collaborazione tra l’Ente Luglio Musicale Trapanese, l’associazione Trapani classica, il comune di Trapani e il Conservatorio A. Scontrino, il giorno 7 Marzo è stato proposto agli studenti del nostro istituto, un concerto per pianoforte presso la Sala Sodano - Palazzo D’Alì, alle ore 10.30.

La professoressa Trapani di musica e canto, e altri insegnanti della nostra scuola, hanno accompagnato alcuni dei ragazzi del nostro istituto che suonano uno strumento musicale ad assistere a questo importante evento.

Ci siamo riuniti tutti alle ore 9 in Piazza Vittorio Veneto e abbiamo fatto una passeggiata per il centro storico di Trapani: grazie ai professori abbiamo ammirato alcuni dei monumenti più importanti della nostra città scoprendo quando sono stati costruiti, le loro caratteristiche e le curiosità.

Intorno alle ore 10 ci siamo recati a Palazzo D’Alì per l’evento: entrati nella bellissima Sala Sodano abbiamo trovato un bel pianoforte nero e lucido, come quelli che si vedono nelle grandi orchestre, e delle sedie per gli spettatori sulle quali c’era un biglietto che dava tutte le informazioni principali sulla pianista che si sarebbe esibita.

Si tratta di Laura Licinio, una giovane pianista di 22 anni che ha iniziato il suo percorso musicale a 17 anni e ha già vinto più di 50 premi!

La pianista ha suonato 4 brani, tra cui uno di Beethoven e uno di Schuman. Il concerto è stato davvero emozionante, la musica era vivace ed allegra; le mani della pianista si muovevano velocemente e tutti noi la osservavamo con attenzione e grande stupore.

Dopo la pianista, molto gentile, ha anche accettato di lasciare ad ognuno di noi un suo autografo.

Tornati a casa alla fine della mattinata sentivamo ancora la dolce melodia che tanto ci aveva coinvolto durante il concerto: assistere ad un concerto dal vivo è stata davvero una bellissima esperienza!


La scuola accoglie

Emozione e commozione alla scuola secondaria di I grado "Pacelli" che ha aperto le sue porte ad uno studente ucraino. I nostri ragazzi lo hanno accolto suonando l'inno di Mameli, l'inno ucraino e quello dell'Unione Europea in presenza anche degli assessori del comune di Paceco. Siamo sicuri che troverà tra le nostre mura il calore umano che ogni bambino ha il diritto di avere!

“Io vedo che, quando allargo le braccia, i muri cadono. Accoglienza vuol dire costruire dei ponti e non dei muri.” (Don Gallo)

Carousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel image

M’ ILLUMINO DI MENO

Venerdì 11 marzo è stata la giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili e per questo la nostra scuola ha deciso di partecipare alla campagna “M’illumino di meno” lanciata a partire dal 2005 da Rai Radio 2 con l'obiettivo di sensibilizzare le persone al risparmio energetico e al rispetto della terra.

Il nostro Istituto da sempre si è battuto per il rispetto della natura e per la sostenibilità energetica e per questo, in accordo con “M’illumino di meno”, ha deciso di piantare nuove piante nel cortile e negli ingressi della scuola. Noi alunni siamo stati coinvolti ovviamente in tale attività e l’abbiamo accolta con molto entusiasmo, convinti che tutti possiamo fare qualcosa per il bene del nostro territorio.

Inoltre, il nostro Istituto ha fatto richiesta di un rametto dell’Albero in Memoria di Giovanni Falcone, nato davanti l’abitazione del giudice Falcone, per piantarlo nel nostro Istituto.

Un ringraziamento va all’amministrazione Comunale e al vivaio Poma che ci ha fornito le piantine e alla nostra Preside che hanno reso possibile l’iniziativa.


Per alcuni degli alunni della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado continua con la fase regionale il percorso del PON Problem Solved, iniziato a marzo e guidato dalle docenti esperte Rosaria Pizzimenti e Rossana Di Giorgi, con il supporto dei tutor Rosaria Favuzza e Massimiliano Scopelliti.

I ragazzi si sono duramente impegnati prima di approdare alle finali di Istituto che prevedevano una competizione individuale e una a squadre, dove hanno ottenuto risultati soddisfacenti.

Passano alla fase successiva delle gare di squadra per la scuola primaria gli alunni Emmanuel Armato, Giuseppe Asaro e Vincenzo Quartana della 5^D assieme a Vincenzo Giliberti della 4^A, studenti che hanno ottenuto per altro il miglior punteggio regionale, per la scuola secondaria la squadra delle Aquile, composta dagli alunni Alessia Basiricò della 3^D, Chiara Caimi della 3^A, Christian Oro della 3^E, Salvatore Quartana della 2^C e Salvatore Valenti della 3^D .

Ad affrontare la fase successiva delle gare individuali invece saranno Cristina Calandrino della 1^D, Francesco Fede e Salvatore Quartana della 2^C.

Le fasi regionali si svolgeranno nei giorni 4, 5 e 7 aprile.

In bocca a tutti gli studenti!


BUON NATALE E FELICE 2022!

In occasione del Natale, prendendo spunto dal libro letto in sezione"Buongiorno babbo natale " i bambini e le bambine hanno drammatizzato la storia constatando la generosità di babbo natale!

WhatsApp Video 2021-12-24 at 14.22.48.mp4

Scuola dell'Infanzia - "P. Fardella"

Classe 2^B

WhatsApp Video 2021-12-24 at 14.26.52.mp4

Scuola dell'Infanzia - Plesso "Nubia"


FAI: alla scoperta della nostra città!

Il FAI (Fondo Ambiente Italiano) è tornato ad organizzare le “Giornate FAI per le Scuole”, importante evento internazionale dedicato al mondo della scuola e agli studenti.

La Delegazione Fai della città di Trapani ha partecipato attivamente e alcuni studenti hanno avuto la possibilità di mettersi in gioco per scoprire e far scoprire la nostra amata città.

Il 26 novembre gli alunni delle classi prime della scuola secondaria di primo grado “E. Pacelli” si sono recati a Trapani proprio per prendere parte a quest’iniziativa.

Prima tappa dell’itinerario è stato il Chiostro di San Domenico, dove degli studenti di altre scuole hanno illustrato, come dei veri ciceroni, la storia del monumento trapanese. All’interno del chiostro c’erano due mostre: una riguardava Poggioreale, “città fantasma” siciliana, mentre l’altra aveva come tema la pandemia da Covid-19.

Dopo aver visitato anche la chiesa di San Domenico, passeggiando per le vie del centro le classi sono giunte alla Torre di Ligny al cui interno hanno potuto osservare dei reperti preistorici.

Purtroppo le condizioni atmosferiche non erano abbastanza favorevoli per cui la permanenza dei ragazzi nel centro storico di Trapani è durata meno del previsto.

Francesco Durante 1^C

Carousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel image

"RI...PARTIAMO"

Termina il PON "RI...PARTIAMO", fitness e sport. L'iniziativa ha promosso IL FITNESS E LO SPORT quali fattori determinanti nello sviluppo psico-fisico dei ragazzi offrendo una serie di proposte didattiche che hanno favorito il più ampio coinvolgimento possibile degli alunni attraverso un'attività motoria e sportiva di stampo educativo. Si è voluto offrire ai ragazzi una serie di attività diversificate, adeguate al mondo della scuola e iscrivibili nell'ambito della formazione di una personale cultura legata all'acquisizione di sane regole di vita: educare la mente attraverso le attività ginniche, insegnare a controllare la propria emotività e motricità, istruire a sapersi mettere in relazione con gli altri e, infine, acquisire i giusti concetti di correttezza e rispetto degli altri.

Carousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel image

Ed. Civica a Scuola dell'Infanzia

WhatsApp Video 2021-12-06 at 09.12.57.mp4

Un percorso formativo di educazione civica, prendendo spunto dal Manifesto della Comunicazione non Ostile, per capire quanto siano importanti le parole che diciamo, per scegliere quelle giuste, corrette e gentili per tutti.

(Alunni della 2^ B - Plesso Via Placido Fardella)

VID-20211201-WA0044.mp4

Un percorso formativo partendo dai Diritti naturali di Gianfranco Zavalloni per attuare strategie volte al rallentamento, all'ascolto, all'attesa per ascoltare i bambini e le bambine e costruire un rapporto empatico con loro.

(Alunni della 2^ B - Plesso Via Placido Fardella)

GIORNATA NAZIONALE DELLA SICUREZZA NELLE SCUOLE


Il 22 novembre è stata la giornata nazionale della sicurezza nelle scuole e la nostra scuola, l’I.C. “Giovanni XXIII”, ha partecipato ad un contest.

Lo scopo era quello di sensibilizzare la comunità scolastica sull'importanza della sicurezza e della prevenzione degli infortuni e degli incidenti nei locali della scuola.

La classe 3^A della scuola secondaria di primo grado, guidata dalla professoressa Maggio, ha contribuito alla realizzazione di alcuni materiali per il contest.

In palestra, i ragazzi sono stati divisi in due gruppi: il primo gruppo è stato coinvolto nella realizzazione e colorazione del cartellone principale, recante la scritta “Safety ambassador”.

Il secondo gruppo si è dedicato prima alla realizzazione delle lettere che componevano le parole “ Scuole Sicure Rete” e poi le ha ritagliate.

Il giorno dell’evento, un fotografo è stato invitato a scuola per fotografare i materiali preparati dagli alunni, che, per l’occasione, si sono vestiti di nero, in modo tale da creare una composizione che facesse risaltare di più le lettere che avevano ritagliato.

I ragazzi, seguendo la forma di un cerchio disegnato a terra, si sono distesi al centro della palestra e con le punte dei piedi hanno riprodotto tale cerchio, al centro è stato posto un alunno, che mostrava il logo della scuola.

Il fotografo, con grande sorpresa dei presenti, ha portato con sé un drone.

Il drone si è alzato in volo e si è posizionato in alto per scattare le foto; nel frattempo le eliche giravano molto velocemente, così tanto da sprigionare aria fredda.

Partecipare al contest è stata un'esperienza unica: un ringraziamento va alla professoressa Maggio che ha dato alla classe 3^A un’opportunità che non dimenticherà mai.

Alessia Bianco III A


"LA TRAVIATA" IN UN'ORA

Venerdì 12/11/2021, alcuni alunni delle classi III della scuola secondaria di primo grado “Giovanni XXIII”, hanno partecipato allo spettacolo teatrale “La Traviata In Un’Ora” presso il teatro Ariston di Trapani.

Lo spettacolo a cui abbiamo assistito è tratto dalla ben più lunga opera lirica di Giuseppe Verdi “La Traviata”, ma in questo caso, come si può dedurre dal titolo, è stata riassunta in poco più di un’ora.

Per molti è stata un’esperienza totalmente nuova, perché il teatro è considerato da noi giovani una cosa “da vecchi”, diciamo antica.

Questa esperienza, però, ci ha fatto capire che il teatro non è un luogo per persone esclusivamente adulte, ma uno spazio aperto a tutti dove potersi emozionare grazie alla musica e allo spettacolo.

La storia dell’opera, che conoscevamo perché già studiata in classe, ci ha colpito molto soprattutto la bravura dei cantanti lirici e dei musicisti.

Vedere dal vivo un’opera è qualcosa che non si può spiegare… da quando si sono spente le luci fino alla fine è stato tutto emozionante tanto da avere a tratti la pelle d’oca.

Quindi, noi studenti, ci teniamo a ringraziare i professori. In particolar modo l’organizzatrice, la professoressa Luisa Trapani, i nostri accompagnatori, la dirigente, che ha permesso, sempre nel rispetto delle norme anti COVID19, l’esperienza e naturalmente i cantanti lirici, il Teatro Ariston e i musicisti.

Alessia Genna

Daniele Virgilio


Venerdì 12 novembre, le classi terze dell’I. C. “Giovanni XXIII” di Paceco si sono recate al Teatro Ariston di Trapani per assistere ad uno spettacolo, “La Traviata in un’ora”, organizzato dall’Ente Luglio Musicale Trapanese per le scuole del territorio.

Questa è stata l’occasione per poter fare una passeggiata, sia prima che dopo lo spettacolo, per le vie del centro storico di Trapani ed ammirarne così le sue bellezze.

Prima di questa data noi alunni delle classi terze non avevamo mai fatto un’esperienza al di fuori delle mura scolastiche a causa delle limitazioni imposte dall’emergenza Covid-19, che ci ha privati per molto tempo della possibilità di socializzare e di avere un rapporto con il nostro territorio e la natura che ci circonda.

Nonostante si sia trattato semplicemente della visita ad un luogo a noi vicino, la nostra città di Trapani, questa è stata per noi una bellissima esperienza.

Ci siamo incontrati con i docenti accompagnatori alle ore 9:00 in piazza Scarlatti, abbiamo fatto un giro per il centro storico e abbiamo visitato la chiesa di Santa Maria di Gesù: quest’ultima costituisce un complesso religioso un tempo affidato all’ordine dei frati minori osservanti. La chiesa ci ha colpito molto per il suo stile gotico-rinascimentale.

Dopo ci siamo recati al Teatro Ariston dove abbiamo assistito alla “Traviata”, opera scritta da Giuseppe Verdi e appartenente al genere drammatico-lirico. Il compositore racconta la storia d’amore tra un giovane di onorata famiglia e duna cortigiana dai dubbi costumi, Violetta. I pregiudizi sociali divideranno i due amanti, riuniti dalla verità e dall’amore solo qualche minuto prima della morte della stessa donna.

E’ stata un’esperienza unica visto che non avevamo mai assistito ad un’opera teatrale!

Finito lo spettacolo, abbiamo fatto merenda e ci siamo poi diretti alla chiesa di San Domenico, una delle chiese più antiche di Trapani. Risale infatti alla fine del XIII secolo e nel XIV secolo è stata ampliata con la creazione di un convento. Nel 1318 venne creata al suo interno una cappella funeraria in cui sarebbe stato sepolto Manfredi, figlio di Federico III d’Aragona, morto bambino cadendo da cavallo.

Infine abbiamo visto “La torre dei campanari”, sottoposta a lavori di restauro che ci hanno impedito di poterla osservare meglio. Poi alle ore 13:00 siamo ritornati in piazza Scarlatti dove c’erano i nostri genitori ad attenderci per riportarci a casa.

Questa giornata, che ci ha arricchiti culturalmente, che ci ha permesso di conoscere le bellezze del territorio, di apprezzare un genere musicale che non conoscevamo e, cosa non meno importante, che ci ha permesso di stare insieme al di fuori delle mura scolastiche, la ricorderemo con piacere e per sempre.

Classe 3 A - Alessia Bianco e Chiara Caimi


GIOCHI MATEMATICI DEL MEDITERRANEO 2021

L’11 Novembre 2021 gli studenti della nostra scuola hanno partecipato alle qualificazioni di istituto dei Giochi Matematici del Mediterraneo coordinati dalla prof.ssa Rossanna Di Giorgi.

I GMM si articolano in quattro fasi: qualificazione d'istituto, finale d'istituto, finale di area/regionale e, infine, finale nazionale.

Ci auguriamo di poter arrivare fino alla fine e…vincere!!!

RISULTATI DELLE ELEZIONI 2021 DEL BABY CONSIGLIO COMUNALE DI PACECO

Dopo un’accesa campagna elettorale in cui i candidati sindaci Emanuele Mammoli, Marta Manuguerra e Giuseppe Asaro hanno presentato il loro programma, si sono svolte il giorno 4 novembre le elezioni per il Baby Consiglio comunale.

Per tutta la mattinata le classi quinte della Scuola Primaria e le classi della Scuola Secondaria dell’I. C. “Giovanni XXIII” si sono avvicendate nelle votazioni che si sono svolte in un clima abbastanza sereno.

Grande è stata invece la tensione dei candidati baby sindaci e baby consiglieri durante lo spoglio dell’indomani.

Tutti noi studenti non vedevamo l’ora di sapere qualcosa, eravamo curiosissimi di conoscere il nome degli eletti.

Finalmente una voce all’interfono! Nessuno ha osato parlare. Tutti attentissimi!

Emanuele Mammoli è il nostro nuovo Baby Sindaco vincendo in modo netto sugli altri due candidati. Un vero trionfo per lui e per tutti i consiglieri.

Facciamo loro tanti complimenti e auguriamo un buon lavoro!

Francesco Fede - II C

Carousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel image

ELEZIONI 2021 DEL BABY CONSIGLIO COMUNALE DI PACECO: intervista ai tre candidati alla carica di baby sindaco.

WhatsApp Video 2021-10-31 at 21.33.55.mp4

Emanuele Mammoli


WhatsApp Video 2021-10-31 at 21.35.50.mp4

Marta Manuguerra


WhatsApp Video 2021-10-31 at 21.36.15.mp4

Giuseppe Asaro


...ma il cielo è uno!

Suona la campanella e si ritorna finalmente a scuola dopo la pausa estiva.

Le voci degli alunni dell'Istituto Comprensivo "Giovanni XXIII" di Paceco tornano a diffondersi tra i corridoi e le aule prima vuote.

Dietro le loro mascherine si intravedono occhi assonnati e qualche sguardo timoroso per l'inizio di un nuovo percorso; alcuni volti sono un po' tesi ma ci sono anche tanti occhi che brillano gioiosi: la gioia di condividere insieme questo cammino.

Sono tutti diversi: ognuno pronto ad affrontare questo emozionante viaggio con il proprio bagaglio, tutti indispensabili come le tessere colorate di un puzzle che darà forma ad un grande e speciale arcobaleno.

Solo attraverso la condivisione, la solidarietà e l'unione potranno sentirsi più vicini nonostante le distanze che il periodo storico che stiamo vivendo ci impone.

Perchè la scuola ha un ruolo fondamentale: unire in un grande e armonioso spettacolo tutte le tessere del puzzle, ognuna con le proprie risorse e peculiarità, sotto un solo cielo!

Anche la Dirigente ha voluto dare il benvenuto agli alunni dell'Istituto, rivolgendo loro questo messaggio:

"Cari ragazzi e ragazze, bambini e bambine, benvenuti a scuola!

Oggi inizia un nuovo anno scolastico, c’è chi inizia un nuovo percorso, chi continua quello già intrapreso…si rincontrano compagni, amici, insegnanti e si conoscono tante nuove persone.

Forse avrete un po’ di timore, un po’ di ansia, trasformatela in emozione positiva! Ecco…io vi auguro emozione ma anche fiducia, curiosità e passione per apprendere e conoscere prima di tutto voi stessi, poi gli altri e il mondo che vi circonda.

Siate critici, esponete le vostre idee senza paura ma con garbo, sognate in grande e mostrate il vostro talento per costruire, insieme a noi, il Vostro futuro.

La vostra dirigente ,

Barbara Mineo."

Carousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel image

ULTIME NOTIZIE!!!!

La nostra scuola si fa sempre più digitale e lo fa perché consapevole di vivere un tempo diverso in cui è fondamentale adeguarsi a una generazione che è nata e cresce con le nuove tecnologie e, talvolta, ne viene plasmata.

È mutato il modo di comunicare dei giovani e anche i canali per farlo si fanno svariati. Bisogna fare, quindi, un pregevole sforzo: comprendere al meglio il linguaggio e le nuove modalità di comunicazione dei ragazzi che ogni giorno la scuola accoglie e con cui si rapporta sempre. Ancora di più…la scuola si deve fare veicolo di una comunicazione che non deve essere opportunistica e superficiale, come purtroppo si osserva scrutando qua e là nel web e da cui i ragazzi sono spesso attirati, ma ha il compito di utilizzare il linguaggio dei giovani per comunicare in modo funzionale e proficuo.

Con questo intento nasce il nostro canale YouTube! È uno spazio in cui la scuola si racconta, propone iniziative, incrementa conoscenze, sviluppa competenze, alimenta curiosità e che viene inaugurato con il "Saggio Musicale di fine anno scolastico", proposto dagli alunni della scuola secondaria dell'indirizzo musicale.

Incontriamo l'autore

Una rivoluzione di carta si fonda su una storia vera, quella di una donna, Jella

Lepman, ostinata e audace che nel dopoguerra ha mostrato al mondo intero che la strada per restaurare la pace può avvenire a partire dai libri e dalla cultura.

Il protagonista di questo libro è Fridolin, un ragazzino di dodici anni che si fa

chiamare Hans e che, invece, ha in realtà il nome di Frido. Hans, come tanti bambini tedeschi, vaga, solo, nella sua città distrutta dai bombardamenti. Non ha più neanche i genitori, perché suo padre è stato spedito al fronte e, invece, sua madre, purtroppo, durante i bombardamenti perse la vita. Il corso della sua vita cambia quando incontra Jella Lepman, che veste la Divisa Verde, quella americana, e sogna di ricostruire il futuro della Germania sconfitta e distrutta a partire proprio dai ragazzi, convinta che proprio da loro bisogna ripartire.

Jella comincia a scrivere ai governi del Mondo Libero chiedendo di donarle i loro albi illustrati con l’idea di farne una mostra itinerante per ragazzi, convincendo anche quei Paesi che erano stati fortemente feriti dai nazisti. Fridolin viene coinvolto in questa attività in prima persona e sperimenterà che la pace ricomincia proprio con i libri, dentro a una silenziosa rivoluzione di carta.

A questa donna si devono la creazione della Biblioteca per l’Infanzia più grande del mondo e la nascita di IBBY, associazione attiva nel promuovere la lettura tra i ragazzi a livello internazionale.

Gigliola Alvisi vive a Padova con il marito e i due figli. Oltre a scrivere romanzi per ragazzi, organizza corsi di scrittura creativa nelle scuole. Nel 2011 ha vinto il Premio Selezione Bancarellino. Con Piccolissimo me ha vinto nel 2015 il Premio letterario Il Battello a Vapore. In fuga con la mummia, pubblicato nella Serie Azzurra nel 2019, è scritto a quattro mani con Maurizio Furini.


Incontriamo l'autore

Fino ad ora avevamo conosciuto Fabio Geda solo dai gradini della nostra scuola. Il suo nome risuona insieme a quello dei suoi libri (Berlin / Nel mare ci sono i coccodrilli) ogni mattina quando saliamo le scale per raggiungere le nostre classi. Adesso, finalmente, potremo conoscerlo e sentire la vera storia di Enaiatollah Akbari, il ragazzo afgano a cui Fabio Geda ha dato voce e cuore raccontando, prima, del suo terribile viaggio per raggiungere il nostro paese, poi, del suo tentativo di ricostruirsi una vita attraverso lo studio e il lavoro, e infine del suo viaggio di ritorno per ritrovare la sua famiglia e i suoi affetti mai dimenticati.

Fabio Geda è nato nel 1972 a Torino, dove vive. Ha pubblicato i romanzi Per il resto del viaggio ho sparato agli indiani (Instar Libri 2007, Feltrinelli 2009), L’esatta sequenza dei gesti (Instar Libri 2008), Nel mare ci sono i coccodrilli (Baldini&Castoldi 2010, tradotto in trentadue Paesi), il monologo La bellezza nonostante (Transeuropa 2011), Se la vita che salvi è la tua (Einaudi, 2014), Anime scalze (2017), Una domenica (2019) e la serie per ragazzi Berlin (2015/18).

WhatsApp Video 2020-12-22 at 18.34.58.mp4

Gli Auguri di Natale dei nostri alunni!


WhatsApp Video 2020-12-20 at 12.35.26.mp4

Emergenza COVID-19: intervista al Dirigente Scolastico

Intervista di Silvia MINAUDO; riprese di Giorgio BARBARA

Una scuola per tutti

La nostra scuola pensa proprio a tutti! È sempre pronta ad andare incontro alle richieste, agli interessi e ai bisogni di ciascuno dei suoi alunni.

Basta dare uno sguardo all’Offerta formativa di un anno difficile come questo, in cui tante iniziative non possono neppure essere ipotizzate, vista la situazione epidemiologica che stiamo vivendo, per capire che è vero.

Ci sono proposte educative proprio per tutti!

Noi alunni abbiamo la possibilità di frequentare dei corsi PON per il recupero delle competenze di base in Italiano, Matematica e Inglese che ci permettono di colmare le nostre lacune.

Possiamo anche assecondare le nostre passioni con dei progetti mirati a migliorare le nostre competenze linguistiche, scientifico-matematiche, artistiche, motorie, sociali.

Con il progetto “Incontro con l’Autore” e “Io leggo perché” abbiamo la possibilità conoscere libri e autori e di appassionarci alla lettura; con il “Problem Solving” e i “Giochi Matematici del Mediterraneo” ci mettiamo in gioco con la logica; con il progetto EIPASS possiamo diventare dei piccoli informatici; il progetto “Teatro” e il “Coro” possono sviluppare la nostra creatività; con i “Giochi Studenteschi” miglioriamo le nostre capacità fisiche.

C’è la possibilità di diventare piccoli politici se si vuole fare parte del Baby-Consiglio comunale; con il FAI possiamo improvvisarci piccoli ciceroni; possiamo occuparci di problematiche sociali con le proposte della COTULEVI e con lo “Sportello di ascolto”.

Insomma chi più ne ha più ne metta!

Francesco FEDE

Messaggio al D.S.

Carissima Dirigente, prof.ssa Barbara Mineo, docenti e personale dell’ IC “Giovanni XXIII”, carissimi ragazzi e genitori, vi ringrazio di cuore per la vostra grande generosità! Attraverso i vostri doni molte famiglie in difficoltà economica potranno vivere il Natale dignitosamente e, soprattutto, si sentiranno pensate e amate.

Il Signore benedica le vostre famiglie e vi doni pace!

Buon Natale!

Don Enzo

WhatsApp Video 2020-12-21 at 20.56.27.mp4

Impariamo da loro!

Entro in classe. Mi siedo alla cattedra e tiro fuori dalla mia borsa il mio nuovo tablet sfavillante e la penna digitale (pencil, dicono che si chiami così) che le fa da corredo. Sembra una cosa semplice – dico tra me e me - e così accendo il tutto con aria sfrontata preparandomi a fare l’appello.

Dopo appena un secondo mi accorgo che qualcosa non va…la mia penna digitale non adempie al suo dovere o sono io, probabilmente, incapace di azionarla. Dopo vari tentativi incrocio lo sguardo della bambina del primo banco che mossa da un sentimento di pietà esclama: “Prof, è meglio che le faccio un tutorial”. In effetti ne ho davvero bisogno!

Grazie, Silvia!


Redazione

insegnanti: prof.ssa TROVATO Marianna, prof. SCOPELLITI Massimiliano

alunni: ADAMO Dania (3C), BARBARA Giorgio (3A), FEDE Francesco (1C), MINAUDO Silvia (1C)