La Grotta della Ciota Ciara


La grotta della Ciota Ciara (670 m s.l.m.) si trova sul versante occidentale del Monte Fenera, all’imboccatura della Val Sesia, ed  è parte del complesso di grotte che ad oggi ha restituito le testimonianze più importanti e complete del Paleolitico piemontese.  Si tratta di una grotta carsica attiva, con uno sviluppo di circa 80 m lungo il ramo principale, che presenta due accessi: un’imboccatura triangolare a sud-ovest e un’apertura secondaria a ovest originatasi dal crollo di una porzione della parete della grotta. Sul corridoio principale rettilineo, si innesta un  ramo laterale ascendente che porta ai vani superiori (di esclusivo interesse speleologico): Sala della Torre e Sala dei Pipistrelli. 

Le prime indagini scientifico/archeologiche dei depositi risalgono al 1953 quando C. Conti eseguì un primo sondaggio all'interno della Ciota Ciara. Nel 1964, G. Isetti effettuò un sondaggio nella zona atriale, che restituì un’ industria litica riferibile al Paleolitico medio. Nel 1966 F. Fedele e F. Strobino, con l’aiuto del G.A.S.B., condussero il primo scavo sistematico all'interno della grotta. 


G. Giacobini li
identificò come neandertaliani e la Soprintendenza per i Beni Archeologici del Piemonte decise di effettuare due nuove campagne di scavo nella zona atriale della grotta (1992-1994). Nel 2009 le ricerche sono riprese ad opera dell’Università degli Studi di Ferrara e della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Piemonte.I lavori proseguirono fino al 1975 e si concentrarono all'interno della grotta con tre sondaggi che portarono all'identificazione di un’industria litica musteriana in quarzo e al recupero di abbondante materiale paleontologico di cui il 95% attribuibile ad Ursus spaelaeus. Nel 1989 P. Gallo e F. Strobino rinvennero nel conoide di deiezione della grotta due denti umani.