pederobba - covolo di piave



                    http://justpaste.it/pederobba              

    

Pederobba,Covolo di Piave,Levada, Curogna, Osteria da Rafael, Gian Berra






 Pederobba, Covolo di Piave, Treviso: solo un minimo esempio di piccolissima comunità senza identità?

L'anima veneta scorre dimenticata nel tempo da quando questo popolo è stato privato della sua vera identità. 
Siamo finalmente nell'epoca della globalizzazione concreta. I vecchi poteri che hanno condizionato le coscienze di ogni popolo non hanno più un interesse concreto ( o possibile) per difendere sé stesi con l'ignoranza programmata da secoli sulle coscienze della gente comune.

INERZIA SOCIALE: E' presente e continuerà all'infinito a condizionare le spinte sociali ad acquisire consapevolezza alla gente delle comunità. i "padroni del campanile" non hanno nulla da perdere e usano l'inerzia sociale come uno strumento che continuerà ad agire come freno alla consapevolezza individuale e comunitaria.
Una Italia e un Veneto inerte e fissato nella sua intima impotenza per altri 200 anni? Certo. E per molto di più.
Per queste ragioni sia benedetta la globalizzazione che almeno forza i contrasti e invita a guardare oltre il proprio campanile.

Una intima umanità d'animo del popolo veneto come umanità condivisa dalle infinite comunità: non ci siamo solo noi ad aver perduto l'entusiasmo di appartenere ad un territorio che ci ha formato. Le radici umane di ogni comunità sono il tesoro che ha "creato" il nostro DNA fisico e culturale. Esso è relativo al nostro territorio e ci ha reso intimamente quello che siamo malgrado il condizionamento di una" religione" assoluta ed arrogante che ha livellato il "sentire" naturale delle coscienze in relazione all'ambiente che le ha formate.


Il MEDIO  EVO di oggi in ITALIA, si mostra con arroganza come è stato per sempre, l'unica alternativa al nulla. Così le coscienze temono di uscire da questa gabbia culturale che continia a tradire i figli del veneto: seevi che acontrollano altri servi per paura di un padrone antico.

i nostri figli, e figli dei nostri figli ci guarderanno come schiavi impotenti e confusi ingabbiati nell'ignoranza ma forse cominceranno a percepire l'inganno di cui è stata tradita la nostra gente.



Pederobba, ecco il libro di Gian Berra. Scaricalo gratis da internet: http://www.scribd.com/baroque2/d/28802052-Pederobba-Osteria-Da-Rafael-Gian-Berra-2010

 Pederobba, osteria da Rafael,
un ricordo di una radice di cultura veneta strappata per sempre.
Passeggiata nei ricordi di Gian Berra










Colori pastello, soffusi dai ricordi, sembrano accarezzare la coscienza.
L'osteria da Rafael a Covolo di Piave, Pederobba
per chi a visto i suoi muri non è solo un rudere da abbattere ma anche un ricordo struggente che moive l'anima.





Ancora quei colori che continuano a richiamare un tempo di miseria e di umiltà.
Quanto hanno sofferto i nostri vecchi? Quante e quali vicende hanno dovuto subire per difendersi dalle miserie imposte loro da un potere che viene da un campanile assoluro e da un Medio Evo che continua ancora oggi con arroganza e insolenza?




Pederobba, osteria da Rafael a Covolo di Piave, Treviso



Anema veneta, anima veneta, poesie di Gian Berra. £& poesie in dialetto veneto con traduzione in italiano di Gian Berra 2014


Anema veneta
36 poesie in dialetto veneto dael periodo 1999 - 2013
di Gian Berra.
Con traduzione italiana.
Leggi e scarica gratis da Google libri:





Pederobba, osteria da Rafael, gian berra 2010




In un piccolo attimo sparisce una radice della nostra anime e nessuno reagisce. Popolo di Pederobba servo impotente di fronte alla propria aridità d'animo.





basta un attimo e nulla più disturberà la coscienza di chi teme la propria miseria culturale. Solo gli sciocchi dormono tranquilli mentre vengono derubati per sempre della loro anima.


Finalmente! Dirà colui che finalmente ora può dire di essersi liberato dalla sensazione di non essere abbastanza pulito o decoroso. Ora che non puzza più di stalla non vuole altro che abbattere ogni ricordo della sua miseria. Ma non si accorge che la porta ancora dentro la propria anima.






Pederobba, Covolo di Piave. osteria da Rafael come un teschio senza più occhi.



Un ricordo è solo polvere quando non desta interesse
ċ
Gian Berra,
02 feb 2012, 07:32
Comments