Educazione Finanziaria

IIS Martin Luther King
Competenze ecofin..pdf

Le interdipendenze tra competenze economico-finanziarie, competenze chiave per l'apprendimento permanente, competenze di base e competenze chiave di cittadinanza.

Sia in ambito normativo che nella realtà è evidente come le competenze economico-finanziarie completino una reale cittadinanza attiva, inserendosi come prerequisito necessario per l'effettivo esercizio in un'ottica di lifelong learning.

OBIETTIVI DELLA SEZIONE

PER GLI STUDENTI:

  • Aumentare il livello di financial literacy;
  • Acquisire una cittadinanza economica;
  • Orientarsi nella realtà socio-economica;
  • Orientare appropriatamente le scelte formative;
  • Ponderare le proprie scelte di risparmio e investimento intertemporali;
  • Sensibilizzare all'impatto socio-ambientale;
  • Sviluppare una effettiva cittadinanza attiva e globale.

PER I DOCENTI:

  • Promuovere l'adesione a progetti qualificanti;
  • Fornire strumenti e materiali utili per la didattica;
  • Condividere le best practices e innescare un circolo virtuoso;
  • Avvalersi talvolta del supporto di esperti;
  • Estendere l'educazione finanziaria a livello sia multidisciplinare che d'istituto;
  • Favorire la didattica per competenze.

Verso una cittadinanza economica, attiva, globale

Una indispensabile chiave di lettura trasversale per collocare il futuro cittadino come protagonista del contesto socio-economico, in grado di ponderare e orientare le proprie scelte.

La presente sezione ha lo scopo di rendere l'educazione finanziaria una azione educativa sistematica nella didattica dell'istituto Martin Luther King, condividendo best practices, progetti e risorse didattiche al fine di capitalizzare le esperienze passate, promuovere e supportare le iniziative future (sia progettuali che didattiche), ottimizzandole grazie alle conseguenti sinergie.

L'intenzione di creare un polo di educazione finanziaria accessibile a tutti risponde:

  • alle raccomandazioni della Legge 105/2015 (c.d. Buona Scuola) laddove prevede che questi temi diventino obiettivi formativi prioritari (art.1, c.7, lettera d) nella crescita quotidiana dei nostri studenti per lo sviluppo della cittadinanza attiva, al fine di consentire loro di acquisire una maggiore consapevolezza, ponderare le proprie scelte di risparmio e investimento inter-temporali, orientarsi nel tessuto socio-economico anche in ottica formativa e diventare così cittadini consapevoli e responsabili.;
  • all'esigenza di impartire un'educazione civica dal prossimo a.s. (anche se non espressamente menzionata dall'attuale normativa all'interno della nostra Costituzione l'art. 47 prevede una tutela del risparmio), attivando specifici percorsi educativi.

Inoltre, sulla base delle ultime rilevazione OCSE-PISA 2015, si evidenzia un gap dell'Italia nei livelli di financial literacy (alfabetizzazione finanziaria) che necessita sicuramente un presidio formativo.

Dunque la cittadinanza economica si pone come prerequisito necessario e trasversale a tutti gli indirizzi di studio per l'esercizio pieno ed effettivo della cittadinanza attiva.

Peraltro un ulteriore valore aggiunto dei progetti di educazione finanziaria è quello di poterli valorizzare anche agli orali degli esami di Stato.

Infine, alcune recenti iniziative promosse sottolineano l'importanza della finanza etica, della green economy e dell'impatto socio-ambientale, in linea con i temi di sostenibilità e inclusione promossi dai 193 Paesi dell’ONU firmatari dell’Agenda 2030, attraverso 17 obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals, SDGs).

Alla luce di tutte queste considerazioni questa sezione risulterà particolarmente utile per:

  • recepire le suddette normative a favore della formazione dei futuri cittadini;
  • promuovere e canalizzare i progetti più qualificanti di educazione finanziaria;
  • fornire strumenti e materiali gratuiti a supporto delle relative iniziative didattiche;
  • estendere trasversalmente l'educazione finanziaria a livello sia multidisciplinare che d'istituto, favorendo il confronto, la collaborazione e la didattica per competenze.