Versione 30/12/2018

Perché un nuovo Manifesto?

Perché tante persone - docenti, ricercatori, studenti e normali cittadini - hanno voluto dare insieme una testimonianza civile dell'errore sociale, scientifico e culturale e della profonda disumanità del razzismo in ogni sua forma. Perché in un mondo che cambia con una velocità senza precedenti, diventa ogni giorno più urgente riaffermare il principio dell’uguaglianza tra gli esseri umani, nei diritti e nei doveri di un comune destino di cittadini del mondo.

Perché la diversità umana?

Perché oggi la capacità di comprendere la diversità umana nei suoi molteplici aspetti è diventata un elemento indispensabile per la coesione sociale e la convivenza civile. Perché la diversità umana è un fatto che riguarda la nostra biologia e la nostra cultura. Perché la diversità umana non è, e non deve diventare, uno strumento di discriminazione, ma va vista per quello che realmente è: una chiave del nostro successo evolutivo, un valore per il presente e una ricchezza da preservare per il futuro.

Perché l'unità umana?

Perché gli ambienti e i contesti in cui la nostra specie, Homo sapiens, ha vissuto da tempo immemore hanno forgiato le differenze che oggi osserviamo tra noi, ma senza intaccare la nostra unità. Perché noi tutti siamo il risultato di quella storia evolutiva che ha portato alla comparsa sul pianeta terra di animali ipersociali con straordinarie e ineguagliate capacità di pensiero astratto.

A chi ci rivolgiamo?

A tutte le persone che sono interessate a comprendere il significato della diversità umana e a riflettere sull'idea della razza e il tema del razzismo.

Il testo sarà arricchito con spiegazioni dei termini meno conosciuti, approfondimenti, informazioni più dettagliate sugli argomenti di maggiore attualità e con ulteriori spunti di riflessione.

Per leggere una presentazione dell'iniziativa clicca qui