Home

Il progetto "pyArchInit - python per l'archeologia" nasce nel 2005 con lo scopo di realizzare un plugin in python per il software openSource Qgis, finalizzato alla gestione su piattaforma GIS dei dati provenienti da contesti archeologici. 
L'obiettivo principale è quello di ottenere un'applicazione fruibile dall'archeologo nei suoi principali ambienti di lavoro preferiti, ovvero sul campo e in laboratorio, con una integrazione immediata verso i sistemi di gestione del territorio utilizzati dalle pubbliche amministrazioni.

Fin dall'inizio si è cercato di mantenere alcuni criteri fondamentali per lo sviluppo di un'applicazione da sfruttare in ambito archeologico; in ordine prettamente sparso ecco le idee di fondo:
    • massima portabilità del sistema;
    • utilizzo semplice e immediato;
    • sviluppo con software opensource; 
    • realizzazione da zero di moduli per la gestione del dato archeologico; 
    • sfruttare sistemi di gestione dei dati già esistenti e particolarmente validi; 
    • tenere sempre d'occhio lo sviluppo dell'applicazione verso le tre principali tipologie di dato: 
      • dati alfanumerici; 
      • dati cartografici; 
      • dati multimediali; 
    • mantenere il sistema sempre aperto per l'aggiancio di nuove funzionalità.
Col tempo pyArchInit è diventato un modello di lavoro e di interazione tra le persone e una sequenza di procedure che vengono a mano mano codificate per poter arrivare ad una reale gestione del dato nel mondo del lavoro quotidiano, sia a livello di ricerca che di tutela del patrimonio.
Con pyArchInit si cerca di colmare, in parte e a fatica, quello scollamento tra competenze e conoscenze acquisite a livello accademico e realtà quotidiana del lavoro sul campo dell'archeologo, come l'interazione con i professionisti che operano in campo edile, urbanisti, ammistrazioni, Soprintendenze e tutti gli enti che possono gravitare intorno al mondo dell'archeologia.