WEBCOND

Amm.re

Marco Calore

Amm.re Sig. Marco Calore Via dei Cappellari 13 – 00186 Roma.

Si riceve solo su appuntamento

il martedì mercoledì e giovedì dalle 16.30 alle 18.30 in Largo Sperlonga 6 Fabbricato 1 scala A int. 7s dove sono custoditi e archiviati i documenti condominiali tel. 338 9677139 Segr. tel. 06 92936811 e fax 06233299265 e.mail: immobiliecondomini@gmail.com

dati condominiali accessibili solo con proprio account google: indirizzo gmail.com comunicato valido come user name e pass word

Nel menù a sinistra trova il suo condominio con le cartelle contenenti i dati e documenti amministrativi. Per una agevole consultazione dei documenti e verifica della gestione: regolamento, assemblee, convocazioni e verbali, estratti conto bancari coincidenti col registro contabilità del condominio redatto per data, singole contabili bancarie divise per anno di effettuazione e per singolo fornitore, fatture, vertenze legali, foto sinistri ecc.

Può visionare ed estrarre direttamente copia di ogni documento, anche contabile, del suo condominio in autonomia e in qualunque momento prodotto durante la rappresentanza dell'amm.re Marco Calore.

Può fissare via email un appuntamento presso lo studio indicando puntualmente il documento, assente nella pubblicazione, che desidera sia pubblicato e/o visionare presso lo studio l'originale, potrà estrarne copia controfirmata dall'amm.re sopportandone le spese di cui al preventivo di nomina. Non saranno prese in considerazioni richieste di documenti già pubblicati sul sito e già comunicati con le convocazioni e verbali o richieste generiche del tipo: "tutti i documenti", "tutti di documenti dell'anno x ", o di documenti inesistenti ecc. in quanto ciò bloccherebbe l'attività professionale dello studio.


SUPERBONUS 110% L. 77 / 2020

PER ACCEDERE AL SUPERBONUS L 77/2020 I CONDOMINII NON DEVONO AVERE ABUSI SULLE PARTI COMUNI (INTERVENTI TRAINANTI).

PER ACCEDERE AL SUPERBONUS LE SINGOLE UNITA’ NON DEVONO AVERE ABUSI, RISULTARE CONFORMI AL CATASTO (INTERVENTI TRAINATI).

SE UN CONDOMINIO HA UNA FACCIATA O UN TETTO DA RIFARE PUO’, NELLE CONDIZIONI SOPRA INDICATE, DELIBERARE LE INNOVAZIONI NECESSARIE ALL’ADESIONE DEL SUPERBONUS. MA POTREBBE NON RIENTRARE TECNICAMENTE NEL SUPERBONUS PER STRUTTURA UNITA’ COMPONENTI ECC. (NON MILGIORARE DUE CLASSI ENERGETICHE ECC.).

PER LA SOLA FACCIATA VISIBILE DALLA VIA PUBBLICA PUO’ RIENTRARE NEL BONUS FACCIATE CHE PREVEDE UNO SCONTO IN FATTURA FINO AL 90%.

NESSUN “GENERAL CONTRACTOR” O STUDIO TECNICO FINO AD ORA (15/11/2020) PUO’ DICHIARARE CHE HA GIA’ EFFETTUATO LAVORI CON IL SUPERBONUS.

MOLTE ASSEMBLEE STANNO DELIBERANDO AL BUIO. INCARICANO UNO STUDIO TECNICO o meglio UN “GENERAL CONTRACTOR”, MA NESSUNO GARANTISCE LORO CHE L’IMPEGNO ASSUNTO SIA GRATUITO IN OGNI CASO, CHE NEGLI 8 ANNI SUCCESSIVI ALLA FINE DELLO SCONTO IN FATTURA CIOE’ 13 ANNI IN CASO DI CONTROLLO DELL’ENEA O DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE POTRA’ REALMENTE MANLEVARE IL SINGOLO PROPRIETARIO DALLA RESTITUZIONE E DALLE SANZIONI.

L’AMM.RE MARCO CALORE DAL MESE DI APRILE 2020 HA APPROFONDITO LA MATERIA NEL SUO DIVENIRE INFINE LEGGE CON IL PROPRIO STAFF TECNICO PER OFFRIRE QUANDO SARA’ REALMENTE POSSIBILE (NOTO OGNI PARAMETRO TECNICO E PRATICO) AI CONDOMINII RAPPRESENTATI LA MASSIMA TRANQUILLITA’. I TECNICI INDIVIDUATI SONO TRA I PRIMI IN ITALIA PER NUMERO DI ADESIONI AI PRECEDENTI ECO/SISMA BONUS. TUTTAVIA I BONUS PRECEDENTI SONO MOLTO DIVERSI, NELLE INTERPRETAZIONE TECNICHE, DAL SUPERBONUS L.77/2020, DI FATTO ANCORA IN VIA DI ULTIMAZIONE. L’ESPERIENZA CON L’ECO E SISMA BONUS E’ PERO’ FONDAMENTALE E SI CONSIGLIA DI DIFFIDARE DA QUALUNQUE STUDIO TECNICO O IMPRESA NON ABBIA MAI PORTATO A TERMINE UNA PRATICA E UN LAVORO CON L’ECO E SISMA BONUS PRESENTI GIA’ NEL 2019.

UN AMM.RE DI CONDOMINIO, CHIUNQUE ESSO SIA, E’ UN MERO ESECUTORE E OGNI REPSONSABILITA’ PER LA SCELTA DEI TECNICI E DELLE IMPRESE RICADE IN CAPO AI SINGOLI PROPRIETARI. L’AMM.RE HA L’OBBLIGO MORALE DI CONSIGLIARE IN BASE ALLA PROPRIA ESPERIENZA E PREPARAZIONE. HA L’OBBLIGO ETICO DI INFORMARE E DI PROPORRE TECNICI E IMPRESE ADEGUATI AL COMPITO.

L’ASSEMBLEA E’ SOVRANA E UNICO GESTORE DEL CONDOMINIO CON LA DELIBERA ASSUME SU DI SE’ OGNI REPSONABILITA’.

NEGLI ULTIMI 3 MESI MOLTE IMPRESE E TECNICI STANNO PROMETTENDO CHE CON LA SEMPLICE CESSIONE DEL CREDITO A LORO “TUTTO SARA’ GRATIS”. TUTTAVIA E’ NOTO A CHIUNQUE CHE IL COMPENSO DELL’AMM.RE PER I LAVORI PARI AL 2% NON RIENTRA NEL SUPERBONUS L.77/2020 COME L’ADE HA PIU’ VOLTE CHIARITO. NE’ SARA’ POSSIBILE CHE VENGA PAGATO DAL “GENERAL CONTRACTOR” PERCHE’ CIO’ GENERERA’ UN CONTROLLO AUTOMATICO FUTURO.

I CONDOMNII IN CENTRO STORICO DI ROMA IN LINEA DI MASSIMA NON RIENTRANO NEL SUPERBONUS L.77/2020 PER VIA DELLA DIFFUSA QUASI CERTA NON CONFORMITA’ DELLE SINGOLE ABITAZIONI ( AD. ES. ASSENZA DI NULLA OSTA PREVENTIVO SBAAR A EVENTUALI SCIA CILA ECC. PURE PRESENTI, DIFFORMITA’ NELLA REALIZZAZIONE, MOTOCONDENSANTI SULLE FACCIATE INTERNE ED ESTERNE E SUI TETTI PRIVE DEL N. O. SBAAR, IMPROBABILI CHIUSURE FINESTRE ECC.).

Tutto ciò premesso

Riporto estratto di articolo della Redazione LavoriPubblici.it

L’art. 119, commi 1 e 4 ha definito alcuni interventi che accedono direttamente alla detrazione fiscale. Questi sono i cosiddetti interventi trainanti:

art. 119, comma 1, lettera a): isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate che interessano l'involucro dell'edificio con un'incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell'edificio o dell'unità immobiliare situata all'interno di edifici plurifamiliari che sia funzionalmente indipendente e disponga di uno o più accessi autonomi dall'esterno;

art. 119, comma 1, lettera b): interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria, a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A, a pompa di calore, ivi compresi gli impianti ibridi o geotermici, ovvero con impianti di microcogenerazione o a collettori solari;

art. 119, comma 1, lettera c): interventi sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari situate all'interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall'esterno per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria, a condensazione, a pompa di calore, ivi compresi gli impianti ibridi o geotermici, ovvero con impianti di micro cogenerazione o a collettori solari;

art. 119, comma 4: per gli interventi relativi all'adozione di misure antisismiche con particolare riguardo all'esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica, in particolare sulle parti strutturali sulle zone a rischio sismico 1, 2 e 3 e per gli interventi di demolizione e ricostruzione di interi edifici, allo scopo di ridurne il rischio sismico, anche con variazione volumetrica rispetto all'edificio preesistente, ove le norme urbanistiche vigenti consentano tale aumento, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare, che provvedano, entro diciotto mesi dalla data di conclusione dei lavori, alla successiva alienazione dell'immobile, sempre per le zone a rischio sismico 1, 2 e 3.

La realizzazione di uno degli interventi di cui all’art. 119, comma 1, lettere a), b) e c) offre la possibilità di effettuare congiuntamente anche interventi di riqualificazione energetica all’interno delle singole unità immobiliari o all’interno dell’edificio, portando in detrazione fiscale al 110% le spese sostenute (interventi trainati).

La realizzazione dell’intervento di riduzione del rischio sismico di cui all’art. 119, comma 4 offre la possibilità di portare in detrazione fiscale al 110% le spese effettuate congiuntamente per la realizzazione di sistemi di monitoraggio strutturale continuo a fini antisismici (intervento trainato).

Superbonus 110%: i requisiti

Per poter accedere alla detrazione fiscale del 110% è necessario il rispetto di alcuni requisiti (alcuni dei quali hanno creato dubbi tra tecnici e contribuenti). Intanto gli edifici devono essere residenziali almeno al 50% e nel caso di percentuali inferiori la detrazione del 110% potrà essere fruita solo dai contribuenti delle unità immobiliari residenziali.

Poi, a parte gli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari situate all'interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall'esterno, per quanto riguarda gli intervento di riqualificazione energetica, questi devono essere effettuati su edifici in condominio (condizione non valida per gli interventi di riduzione del rischio sismico).

Ciò premesso, per l’isolamento termico a cappotto si dovranno utilizzare materiali isolanti che rispettino i criteri ambientali minimi di cui al decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 11 ottobre 2017. Su questo argomento l’Enea ha recentemente fornito degli utili chiarimenti che riguardano in particolare l'idoneità dei prodotti in commercio.

Per quanto concerne gli interventi di riqualificazione energetica è necessario:

redigere l’attestato di prestazione energetica (APE) prima e dopo l’intervento;

assicurare il doppio salto di classe energetica o, se ciò non sia possibile, il conseguimento della classe energetica più alta.

Superbonus 110%: ambito soggettivo e oggettivo

Nel caso di voglia valutare la possibilità di intervenire con uno degli interventi trainanti, è necessario ricordare che le detrazioni fiscali del 110% possono essere utilizzate unicamente da:

condomini;

persone fisiche, al di fuori dell'esercizio di attività di impresa, arti e professioni, su unità immobiliari – per le detrazioni fiscali relative agli interventi di riqualificazione energetica, si potranno portare in detrazione le spese su un numero massimo di due unità immobiliari, fermo restando il riconoscimento delle detrazioni per gli interventi effettuati sulle parti comuni dell'edificio;

istituti autonomi case popolari (IACP) – in questo caso la detrazione fiscale si applica sulle spese, documentate e rimaste a carico del contribuente, sostenute dal 1° gennaio 2022 al 30 giugno 2022;

cooperative di abitazione a proprietà indivisa, per interventi realizzati su immobili dalle stesse posseduti e assegnati in godimento ai propri soci;

organizzazioni non lucrative di utilità sociale, dalle organizzazioni di volontariato e dalle associazioni di promozione sociale;

associazioni e società sportive dilettantistiche, limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.

Ma non solo, come specificato dall'Agenzia delle Entrate nella circolare n. 24/E dell'8 agosto 2020, sotto il profilo oggettivo, gli interventi devono essere realizzati:

su parti comuni di edifici residenziali in “condominio” (sia trainanti, sia trainati);

su edifici residenziali unifamiliari e relative pertinenze (sia trainanti, sia trainati);

su unità immobiliari residenziali funzionalmente indipendenti e con uno o più accessi autonomi dall’esterno site all'interno di edifici plurifamiliari e relative pertinenze (sia trainanti, sia trainati);

su singole unità immobiliari residenziali e relative pertinenze all’interno di edifici in condominio (solo trainati).

Occorre, infine, ricordare che a prescindere dal beneficiario o dall'intervento, il superbonus 110% non si applica alle unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali:

A/1 - Abitazioni di tipo signorile;

A/8 - Abitazioni in ville;

A/9 - Castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici per le unità immobiliari non aperte al pubblico (modifica apportata dal decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104 recante “Misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell’economia”, cosiddetto “decreto agosto” o “decreto rilancio 2”).

Superbonus 110%: i 32 chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Nonostante in quadro normativo completo, sono tanti i dubbi applicativi relativi agli interventi previsti dal Decreto Rilancio e il superbonus 110% è stato messo sotto i riflettori dell’Agenzia delle Entrate che da settembre ad oggi ha pubblicato 32 chiarimenti che riportiamo di seguito:

Risposta Agenzia delle Entrate 9 settembre 2020, n. 325

Superbonus - detrazione delle spese sostenute dagli acquirenti delle cd. case antisismiche - Articolo 16,comma 1-septies del decreto legge 4 giugno 2013, n. 63 - Articoli 119 e 121 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio)

Risposta Agenzia delle Entrate 9 settembre 2020, n. 326

Superbonus - interventi realizzati su "unità collabenti" - Articoli 119 e 121 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio)

Risposta Agenzia delle Entrate 9 settembre 2020, n. 327

Superbonus - Interventi realizzati su immobile in comodato d'uso gratuito - Articoli 119 e 121 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio.)

Risposta Agenzia delle Entrate 9 settembre 2020, n. 328

Superbonus - Interventi realizzati su "villetta a schiera" - Articoli 119 e 121 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio.)

Risposta Agenzia delle Entrate 10 settembre 2020, n. 329

Articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 119 del decreto Rilancio

Risposta Agenzia delle Entrate 24 settembre 2020, n. 408

Articolo 119 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio)

Risposta Agenzia delle Entrate 28 settembre 2020, n. 415

Articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 119 del decreto Rilancio

Risoluzione Agenzia delle Entrate 28 settembre 2020, n. 60

Superbonus - interventi realizzati sulle parti comuni di un edificio in condominio e sulle singole unità immobiliari – Limiti di spesa- Articoli 119 e 121 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio)

Risposta Agenzia delle Entrate 2 ottobre 2020, n. 432

Cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante per interventi di riqualificazione energetica realizzati sulle singole unità immobiliari (cd. eco bonus - Art. 121 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34) - Contribuente in "regime forfetario"

Risposta Agenzia delle Entrate 7 ottobre 2020, n. 455

Accesso al Superbonus previsto dall'articolo 119 del decreto legge n. 34 del 2020 per le spese di demolizione e ricostruzione di un edificio che non costituisce "abitazione principale"

Risposta Agenzia delle Entrate 19 ottobre 2020, n. 486

Accesso al Superbonus previsto dall'articolo 119 del decreto legge n. 34del 2020 da parte di un frontaliere svizzero

Risposta Agenzia delle Entrate 27 ottobre 2020, n. 499

Superbonus - interventi di isolamento termico del lastrico solare di un edificio in condominio di proprietà esclusiva e installazione di un impianto solare fotovoltaico connesso alla rete elettrica - limiti di spesa - Articoli119 e 121 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio)

Risposta Agenzia delle Entrate 27 ottobre 2020, n. 500

Accesso al Superbonus previsto dall'articolo 119 del decreto legge n. 34del 2020 da parte di un condomino fiscalmente non residente

Risposta Agenzia delle Entrate 2 novembre 2020, n. 514

Articoli 119 e 121 del decreto legge del 19 maggio 2020, n. 34 (Decreto rilancio). Opzione per la cessione del credito da parte di contribuente in regime forfetario

Risposta Agenzia delle Entrate 2 novembre 2020, n. 515

Articolo 16, comma 1-septies del decreto legge n. 63 del 2013. Detrazioni per acquirenti immobili su cui sono stati effettuati interventi edilizi eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare con alienazione successiva al 31 dicembre 2021

Risposta Agenzia delle Entrate 3 novembre 2020, n. 521

Superbonus - sostituzione delle pareti esterne dell'immobile, costituite in prevalenza da vetrate, con una parete in muratura - Articolo 119 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio)

Risposta Agenzia delle Entrate 4 novembre 2020, n. 523

Accesso al Superbonus previsto dall'articolo 119 del decreto legge n. 34 del 2020 in relazione alle spese da sostenere per interventi "trainanti" e "trainati"

Risposta Agenzia delle Entrate 4 novembre 2020, n. 524

Accesso al Superbonus previsto dall'articolo 119 del decreto legge n. 34 del 2020 per una unità immobiliare con accesso autonomo inclusa in un condominio

Risposta Agenzia delle Entrate 9 novembre 2020, n. 538

Superbonus- interventi di riduzione del rischio sismico di un edificio C/2 con cambio di destinazione in residenziale - opzione per la cessione o lo sconto in luogo delle detrazioni - Articolo 119 comma 4, e articolo 121 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio)

Risposta Agenzia delle Entrate 12 novembre 2020, n. 543

Articoli 119 e 121 del decreto legge del 19 maggio 2020, n. 34 (Decreto Rilancio). Opzione per la cessione del credito o per lo sconto in fattura da parte di contribuente in regime forfetario del c.d. bonus facciate

Risposta Agenzia delle Entrate 13 novembre 2020, n. 549

Articolo 14, comma 2-quater.1 del decreto legge 4 giugno 2013, n. 63. Detrazione bonus combinato sisma-eco.

Risposta Agenzia delle Entrate 23 novembre 2020, n. 558

Articolo 16, comma 1-septies, del decreto legge n. 63 del 2013. Detrazione acquisto case antisismiche

Risposta Agenzia delle Entrate 27 novembre 2020, n. 562

Superbonus - interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica con cambio di destinazione di uso di una pertinenza censita nella categoria C/2 che sarà accorpata ad un immobile in categoria A/3 - Articolo 119 comma 4, e articolo 121 del decreto legge 19 maggio 2020

Risposta Agenzia delle Entrate 27 novembre 2020, n. 564

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n.212 – Demolizione di edificio esistente e costruzione di un nuovo edificio residenziale con aumento della volumetria - Quesiti imposte dirette e IVA

Risposta Agenzia delle Entrate 9 dicembre 2020, n. 570

Superbonus - Interventi di riqualificazione energetica realizzati su un immobile residenziale ad uso "promiscuo" - Articoli 119 e 121 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio)

Risposta Agenzia delle Entrate 9 dicembre 2020, n. 571

Superbonus - Accesso al regime previsto dall'articolo 119 e 121 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto rilancio) - Modalità di presentazione dell'attestato di prestazione energetica (A.P.E.) - DM 6 agosto 2020

Risposta Agenzia delle Entrate 9 dicembre 2020, n. 572

Superbonus - interventi "trainanti" e "trainati" su edificio residenziale e commerciale. Articolo 119 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio)

Risoluzione Agenzia delle Entrate 15 dicembre 2020, n. 78

Accesso al Superbonus da parte di una persona fisica non residente per interventi su un edificio costituito da una unità immobiliare di cui è pieno proprietario e due unità immobiliari di cui è nudo proprietario - Articolo 119 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio)

Risposta Agenzia delle Entrate 16 dicembre 2020, n. 595

Superbonus - interventi "trainati" realizzati su unità immobiliari facenti parte di un condominio tutelato ai sensi del Codice dei beni culturali e del paesaggio - Articolo 119 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio)

Risposta Agenzia delle Entrate 17 dicembre 2020, n. 600

Superbonus - Accesso al Superbonus in caso di sostituzione di una caldaia a gasolio con uno scaldabagno a pompa di calore e una "termostufa a pellet"- Articolo 119 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio)

Risposta Agenzia delle Entrate 17 dicembre 2020, n. 601

Superbonus - Accesso al Superbonus da parte di una persona fisica non residente - Articolo 119 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio)

Risposta Agenzia delle Entrate 17 dicembre 2020, n. 602

Superbonus - Accesso da parte di una persona fisica non residente - Articoli 119 e 121 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio).