BOOK OF ABSTRACTS


INVITED SPEAKERS / RELATRICI INVITATE

Burnett, Heather (CNRS-Université Paris Diderot). Language Change, Social Change and Grammatical Gender: Perspectives from France and Canada.

Cameron, Deborah (University of Oxford). Language, sexism and misogyny: the case of women’s political speech.

Cangemi, Nicola Daniele (Council of Europe). Council of Europe action against sexist hate speech.

Rosi, Elisabetta (Alta Corte di Cassazione). Linguaggio d’odio e linguaggio sessista nel diritto penale italiano.

ORAL PRESENTATIONS / PRESENTAZIONI ORALI

Akhlaq Khan, Lubna (Higher Education Department, Punjab, Pakistan / University of Islamabad). Discursive Construction of Patriarchy: A Feminist Critique of Punjabi Proverbs.

Bevilacqua, Michele (Università degli Studi di Napoli “Parthenope” & Université d’Artois). La femminilizzazione dei titoli, delle cariche e dei nomi di professione nel francese algerino.

Biemmi, Irene (Università di Firenze). Il Polite vent’anni dopo. Un viaggio nei libri di testo della scuola primaria, tra stereotipi di genere e linguaggio sessista.

Binder, Larissa; Simone Ueberwasser; Elisabeth Stark (University of Zurich). Gendered hate speech in Swiss WhatsApp messages.

Caria, Marzia (LUMSA – Roma). Hate words e linguaggio giovanile: primi risultati di una ricerca in corso.

Caselli, Tommaso (Rijksuniversiteit Groningen); Nicole Novielli (Università di Bari “A. Moro”); Viviana Patti (Università di Torino); Paolo Rosso (Universitat Politècnica de València). Language Resources and Tools for the Automatic Analysis of Gender and Hate Speech in Italian: A Contribution of the Italian Computational Linguistics Community.

Castenetto, Giorgia & Stefano Ondelli (Università di Trieste). Accettabilità dei nomi d’agente al femminile in articoli di giornale italiani: uno studio sul campo.

Cavagnoli, Stefania (Università di Roma Tor Vergata) Linguaggio, parità di genere e lingua ostile nei testi giuridici: quali strumenti per contrastare una comunicazione offensiva?

Dragotto, Francesca (Università di Roma Tor Vergata); Domenica Fioredistella Iezzi (Università di Roma Tor Vergata); Sonia Melchiorre (Università della Tuscia). Ponti d’odio. La vicenda di Asia Argento come caso di studio dell’odio (on line) di genere.

Ferrucci, Francesca (Università degli studi della Tuscia). La definizione giuridica di hate speech alla prova dei fatti linguistici: gli interventi contro le donne al potere.

Flick, Caterina & Luciana Delfini (Federation Nationale de Femmes de Carriere Juridique). Il quadro giuridico su hate speech e internet: buone pratiche per prevenire e contrastare la diffusione dell'odio illegale online

Kersten-Pejanić, Roswitha (CAS SEE, University of Rijeka). Production, perception and deconstruction of false generics in Croatian

Lampropoulou, Sofia (University of Liverpool) & Marianthi Georgalidou (University of the Aegean). Sexist language in a corpus of Greek Public Documents and attempts at language reform.

Mat Pires (Université Bourgogne Franche-Comté). Inclusive and alternating forms of non-sexist generics.

Richy, Célia & Heather Burnett (CNRS-Université Paris Diderot). Jean does the dishes while Marie fixes the car. The distribution of social genders within constructed examples in French syntax articles.

Tonelli, Sara; Stefano Menini, Rachele Sprugnoli, Giovanni Moretti (Fondazione Bruno Kessler). Analysing mysoginy in on-line conversations.

Villani, Paola (Università di Lipsia) Il femminile come “genere del disprezzo”. Il caso di presidenta riferito a Laura Boldrini: parola d'odio e fake news.

POSTERS

Akhlaq Khan, Lubna (Higher Education Department, Punjab, Pakistan) It’s not Just a Joke: A Feminist Critique of Jokes about Marriage and Matrimonial Identities

Busso, Lucia; Claudia Roberta Combei; Ottavia Tordini; Gianmarco Vignozzi (Università di Pisa). La narrativa della violenza: uno studio corpus-based sulla rappresentazione della violenza di genere nei media italiani.

Elmetti, Valentina (Istanbul Teknik University). Stereotipi di genere nei materiali adottati nell’insegnamento dell’italiano L2. La situazione in Turchia.

Manera, Manuela (Università di Torino). Narrazioni tossiche: le parole per raccontare l’“ideologia del gender”

Pagliaro, Anna Chiara (Università degli Studi di Napoli "Federico II"). Reduction and repetition phenomina in routine formulas: a gender perspective.

Pires, Mat (Université Bourgogne Franche-Comté). Semantic and Iconic menomyms for naming noun classes.

Rete per la parità (Roma). Uso corretto uso della lingua per la costruzione dell’identità di genere: la “violenza” nella mancata attribuzione per legge del cognome materno.

Verheijen, Lotte (University of Liverpool). What women want? A multimodal critical discourse analysis of UK media constructions of (LGBTQI+) female voters.

ROUND TABLE / TAVOLA ROTONDA

Lingua, genere e parole d’odio nell’informazione

Monica Andolfatto, giornalista e segretaria Assostampa Veneto (coordinatrice)

Lina Appiano, presidente Donne In Rete Foggia. Riflessioni su Linguaggio. Parità di genere e parole d’odio.

Monia Azzalini, Osservatorio di Pavia. Gli stereotipi di genere nell’informazione

Marina Cosi, presidente nazionale GiULiA. Non in mio nome. Giornaliste italiane impegnate a modificare il racconto mediatico della violenza.

Antonella Scambia, giornalista e delegata PO dell’Ordine dei giornalisti del Veneto. Il Manifesto di Venezia.

Maria Teresa Celotti, giornalista GiULiA e delegata PO dell’Ordine di giornalisti della Lombardia. Desdemona e le altre, la narrazione della violen