Tricentenario della morte - Tricentenário de morte - Tercentenary of the death


Meglio prevenire che curare – Il pensiero di Bernardino Ramazzini, medico sociale e scienziato visionario
(ebook ISBN 9786050367232 /paperback ISBN-10 6050394709)

Recensioni
- Vito Foà (Med Lav 2015;106:317)
- Alberto Baldasseroni (Epidemiol Prev 215;39:273)
- Alfonso Cristaudo (Medico Competente.it)

Padova, 18 ottobre 2014 - Convegno "Bernardino Ramazzini a trecento anni dalla morte - Giornata di studio al Bo in memoria del fondatore della medicina del lavoro"

Bernardino Ramazzini, a pioneer of public health (presentation in English - extended version)



Il 5 novembre 2014 ricorre il trecentesimo anniversario della morte di Bernardino Ramazzini (1633-1714). Professore di medicina pratica dell’Università degli Studi di Padova. Bernardino Ramazzini è anche l’autore della monumentale opera “De Morbis Artificium Diatriba”, primo studio nella storia della medicina sulle malattie professionali, che per oltre due secoli resterà il principale punto di riferimento in materia e verrà tradotto in molte lingue. Bernardino Ramazzini, ha dedicato gran parte dei suoi studi in campo medico al confronto tra condizioni di lavoro, specifici mestieri e malattie correlate.

Per onorare la memoria di Bernardino Ramazzini e sottolineare l’attualità del suo lascito culturale, l’Università di Padova gli ha dedicato il convegno “Bernardino Ramazzini a trecento anni dalla morte” (18 ottobre, Aula Magna a Palazzo del Bo). Interventi a cura di Giuliano Franco: Ramazzini, un antesignano della sanità pubblica, Franco Carnevale: La fortuna di Ramazzini: ieri, oggi, domani, Maurizio Rippa Bonati: Il Ramazzini illustrato, Giorgio Zanchin: Attualità del De Morbis Artificum e Gaetano Thiene con La Scuola Medica a Padova nel ‘700 (dal comunicato stampa dell'Università.


São Paulo, 31 de outubro 2014 - Forum Associação Nacional de Medicina do Trabalho "Atualidade de Ramazzini, 300 Anos Depois"


Atualidade de Ramazzini, 300 Anos Depois (presentation in English - extended version) Video


O ano de 2014 marca o tricentenário de morte do médico italiano Bernardino Ramazzini (1633-1714), autor do livro De Morbis Artificum Diatriba, traduzido para português como As Doenças dos Trabalhadores. Na publicação, o italiano analisa mais de 50 profissões da época e descreve as condições de trabalho e as respectivas doenças ou acidentes mais frequentes em cada ocupação. A obra, pioneira nessaa abordagem, tornou Ramazzini um referencial para seus colegas, sendo considerado até hoje o pai da Medicina do Trabalho.

Ramazzini exerceu a profissão por mais de três décadas e lecionou nas universidades de Módena e Pádua. Interessou-se pela área ao observar a agilidade com que trabalhadores limpavam a fossa de sua casa e diagnosticar uma inflamação nos olhos de um dos operários. A partir daí, encontrou muitos casos semelhantes entre pessoas da mesma classe e interessou-se cada vez mais pelas condições de trabalhadores muitas vezes esquecidos pela sociedade, realizando visitas e entrevistas para conhecer as especificidades das atividades.

Entre as contribuições de Ramazzini para a área estão: a atenção adequada ao trabalhador no momento da consulta; o aprofundamento nos fatores sociais determinantes para o surgimento das doenças; a prática da anamnese ocupacional; a classificação das patologias segundo a natureza do trabalho; e a defesa da adequação das condições e ambientes do trabalho às características e necessidades dos trabalhadores. O médico italiano morreu no dia 5 de novembro de 1714, ao vestir a beca para iniciar mais uma aula. Ele desmaiou e ficou inconsciente, falecendo logo depois. Ramazzini foi enterrado em um túmulo anônimo, em uma das igrejas de Pádua, cidade onde morou por 14 anos (http://www.anamt.org.br/site/noticias_detalhes.aspx?notid=2828).


Modena, 5 novembre 2014 - Convegno "Bernardino Ramazzini nel 3°centenario dalla morte - profilo ed eredità di un innovatore della scienza medica"


Longe præstantius est præservare quam curare
(presentazione in italiano, versione completa)



Il 5 novembre 1714 si spegneva a Padova, dove ricopriva la cattedra di medicina, Bernardino Ramazzini, nato a Carpi (MO) nel 1633. Nel terzo centenario della sua morte, l'Accademia Nazionale di Scienze Lettere e Arti di Modena celebra colui che è considerato il fondatore della Medicina del Lavoro. L'iniziativa che si svolge sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dell'Università di Modena e Reggio Emilia, dei Comuni di Modena Carpi e Marta (VB) è promossa per martedì  5 novembre 2014 presso la Sala dei Presidenti della sede dell'Accademia a Modena.

Rappresentanti del mondo accademico ed esperti hanno approfondito la figura dello scienziato e dell'uomo. L'apertura dei lavori er affidata a Ernesto Milano presidente dell'Accademia e a Marco Sola, presidente della sezione di scienze fisiche matematiche e naturali dell'Accademia. A seguire sono interventi Giuliano Franco "Longe praesentius est paeservare quam curare", Francesco Carnevale "Uno scienziato a tutto tondo", Berenice Cavarra e Umberto Muscatello "Dottrine mediche ed oscuramento dello sperimentalismo tra XVII e XVIII secolo", Silvia Marinozzi "L'Influenza di Ramazzini nel risorgimento tra medicina dei lavoratori  medicina sociale e movimento igienista", Elio Tavilla "Bernardino Ramazzini accademico delle Università di Modena e Padova", Mario Umberto Lugli "Ricerche barometriche di Bernardino Ramazzini" e Alberto Tampieri "La sicurezza del lavoro in una prospettiva storico-giuridica" (dal comunicato stampa dell'Accademia).