strumenti per l'apprendimento

Digital Empowerment




competenza interattiva

L’insegnante ha il ruolo prevalente del progettista e gestore di ambienti di apprendimento intesi come «…luoghi dove gli studenti possono lavorare insieme e supportarsi a vicenda usando una molteplicità di strumenti e di risorse informative nel loro itinerario guidato verso gli obiettivi formativi e le attività di problem-solving» [Wilson, 1996].

Le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione sono sempre più usate per operazioni e processi che trascendono l’esecuzione di una sequenza fissata di operazioni. Ne emerge così la componente creativa e la possibilità che esse forniscono di potenziare le capacità umane, sia sul piano delle nuove azioni, sia sul piano dell’arricchimento degli spazi di vita. Le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione sono considerate quindi uno strumento necessario per promuovere lo sviluppo della componente creativa, per facilitare la comunicazione.

Questo sito presenta le seguenti sezioni:

· T.I.C. interdisciplinari

· Tutorials

· Risorse per le materie

· Metodologie didattiche

· Progetti Classroom

· Team innovazione

· PNSD

· Tendenze Educative

· Prodotti dagli studenti

· Rilevazioni

· Registro online


La multimedialità, gli strumenti multimediali o in generale digitali, devono essere utilizzati per insegnare in quanto aprono un mondo di possibilità applicative, ma allo stesso tempo occorre che la multimedialità diventi un obiettivo didattico. Gli studenti devono saper interagire all'interno della didattica digitale. Non devono solo poter fare il download del materiale didattico ma devono imparare a mettere in pratica la condivisione "interattiva" in rete degli strumenti, dei materiali e dei metodi usati per realizzare le lezioni, partecipare a forum di discussione di classe in modo da creare una sinergia costruttiva nel rapporto studente-studente e studente-docente. Questa interazione permette al docente di creare insieme agli studenti una didattica condivisa. All'interno di tale processo è possibile determinare anche le diversità che esistono tra gli studenti della classe e formulare una didattica inclusiva.