Formazione docenti

www.icf-scuola.it

Sulla base delle recenti disposizioni normative (Direttiva BES e Dlgs n. 66/2017) si configura una duplice necessità formativa.

Tutti gli insegnanti, curricolari e di sostegno, hanno bisogno di acquisire una conoscenza basilare del modello concettuale proposto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità con l’ICF. La lettura del “funzionamento” degli alunni secondo un linguaggio univoco ed interdisciplinare è condizione per fronteggiare le crescenti situazioni di bisogni educativi speciali che emergono nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché per collaborare fattivamente alla definizione dei PDP e dei PEI.

Proposta

Due incontri assembleari aperti a tutti gli insegnanti, da svolgersi in orario tardo pomeridiano, per un totale di 5 ore, durante le quali ci sarà la presentazione del modello ICF e si evidenzieranno in ottica inclusiva le potenzialità derivanti dall’interpretazione del “funzionamento” degli alunni secondo il paradigma bio-psico-sociale.

Un secondo bisogno formativo riguarda più specificatamente gli insegnanti di sostegno, cui compete una conoscenza più approfondita e specializzata dell’ICF, tale da poter tradurre il Profilo di Funzionamento nel PEI, individuando “strumenti, strategie e modalità per realizzare un ambiente di apprendimento nelle dimensioni della relazione, della socializzazione, della comunicazione (art. 12 comma 3 l. n° 104/92), dell'interazione, dell'orientamento e delle autonomie”, nonché “le modalità didattiche e di valutazione in relazione alla programmazione individualizzata” su base ICF. Per gli insegnanti della scuola secondaria superiore un’ulteriore competenza è identificabile rispetto alla definizione dei percorsi di alternanza scuola-lavoro cui sono tenuti anche gli alunni con disabilità, ai fini della loro migliore inclusione sociale.

Proposta

Tre incontri per gruppi ristretti (circa una ventina di insegnanti di sostegno, distinti tra infanzia-primaria e scuole secondarie), per l’approfondimento dell’ICF in vista della definizione di un modello di PEI secondo le indicazioni della normativa. Anche in questo caso, la formazione si realizza in orario tardo pomeridiano per consentire la partecipazione di quanti sono impegnati in attività didattiche pomeridiane. La partecipazione al percorso n. 1 è requisito per la partecipazione al gruppo di approfondimento.

I percorsi formativi possono essere organizzati presso una rete di scuole richiedenti, con un Istituto capofila con il quale l'Università stipula una convenzione.

Per informazioni: luciano.pasqualotto@univr.it