tovarisc

È una delle più famose commedie francesi degli anni ’30 (un misto di caricatura e passione, parodia e melodramma, un ben lubrificato meccanismo del teatro boulevardier francese) scritta da Jacques Deval, sulla diaspora dell’aristocrazia russa dopo la rivoluzione bolscevica, che, con la fine cruenta dei Romanoff, si rifugia nella brillante e effervescente Parigi.

È la storia di due giovani principi, due altezze imperiali, obbligati dall’insurrezione russa d’Ottobre a rifugiarsi nella capitale francese “in completa bolletta”, vivendo alla giornata. Per sbarcare il lunario si vedono costretti a cercare lavoro e quindi decidono di impiegarsi come domestici.

La commedia vive sugli accattivanti paradossi innescati dal contrasto e confronto fra i due aristocratici (di sangue reale e altezzose maniere) e i loro “neo-ricchi” e ottusi padroni.

È un teatro di evasione, che porta in scena momenti di buonumore, velati di accenti teneri e quasi malinconici. I momenti teatrali sono godibili e, in maniera leggera e frizzante, ricostruiscono un mondo ormai passato e fuori tempo, come una rosa un po' sfiorita, che il gioco degli attori però rende piacevole e divertente.

MILIARDARI SENZA UN SOLDO

di Jacques Deval

traduzione di Luigi Lunari

PERSONAGGI E INTERPRETI

Michaìl Alexandrovic - Giovanni Rosso

Tatiana Pedrovna - Mara Sartori

Graziella, cameriera - Ilenia Mangano

Dubief, governatore - Mauro Nicolodi

Brekenski, conte russo - Lorenzo Betti

sig.ra Martellau - Giuliana Germani

Arbeziah, banchiere - Bruno Vanzo

Fernanda, sua moglie - Doria Mariotti

Luisa, cuoca - Bruna Giordani

Giorgio, figlio di Arbeziah - Stefano Furlani

Elena, sua sorella - Nadia Rossi

Lady Karrigan, aristocratica - Giuliana Germani

sig.ra Dubief - Giovanna Tomasi

Gorotcenko, commissario - Michele Tonezzer

Regia - Alberto Uez

Impianto scenico - Alberto Uez / Bruno Vanzo

Datore luci - Enzo Chiusole

Fonico - Giuliana Goller

Maestro di scherma - Paolo Azzolini

Costumi - GAD città di Trento

Ideazioni grafiche - Chiara Uez

Registrazioni - "Studio 33"

Video - Edi e Giorgio

Foto di scena - Claudio Condini