FERRO TIMES

Numero 1 Novembre 2019 Direttore responsabile: prof.ssa Maria Giovanna Melia e Gaetano Stellino

EDITORIALE

La problematicità del nome

Durante l’anno scolastico 2019/2020 il progetto del giornalino è stato ampliato all’intero istituto Ferro, e dopo accese discussioni, si è convenuto che sarebbe stato opportuno rinnovare la struttura intima del giornalino, e simbolo paradigmatico di questo riordinamento è il cambiamento di nome.

Ora, scegliere un nuovo nome è stata forse la parte più complicata di tutte le nostre riunioni, volevamo trovare qualcosa di mai sentito prima, originale, divertente, sagace; volevamo insomma proiettare nel nome tutto ciò che volevamo dimostrare di essere; chiedere ad un gruppo di adolescenti di definirsi in maniera univoca è stato, a mio avviso, una grande sfida; ma noi non abbiamo fallito, no.

Noi abbiamo scelto un nome: “Ferro Times”; che questo sia apprezzabile o meno non è importante, perché ci riserviamo, ci arroghiamo il diritto di cambiarlo, tutte le volte che lo riterremo necessario; pretendiamo la facoltà di dire, con assoluta onestà intellettuale che abbiamo un’idea migliore. E credo sia questa la finalità ultima della scuola, l’essere sufficientemente consapevoli di ammettere di aver sbagliato.

Sergio Turano VB e Giuseppe Benenati VB

  • Il Sondaggio: gli studenti del Ferro si interrogano in ogni numero su una questione molto sentita dagli stessi.

...Continua all'interno

  • Inviato speciale: in ogni numero i ragazzi della Redazione indagheranno, tramite interviste nuove modalità di apprendimento all'estero. In questo numero

...Continua all'interno

CHI L'HA VISTO???

Tutto iniziò il 14 marzo del 2019, quando sono state liberate le bottiglie di plastica dalla rete (ricordate il progetto non dondoliamoci sulla plastica?) e quando è stato annunciata l'intenzione di mettere un distributore d'acqua che facesse diminuire sensibilmente il numero di bottiglie di plastica nella nostra scuola e che funzionasse tramite un'applicazione per pagare; brillante, fantastico, geniale... ma irreale.

Perchè vi diciamo che è stata una falsa promessa?

Per un semplice motivo, perché sebbene sembri che tutto sia pronto per l'istallazione, 7 kg di carte siano già stati firmati, inviati, persi, ritrovati e bollati, il distributore risulta ancora assente all'appello, un assenza ingiustificata aggiungeremmo.

L'installazione finale era prevista per il 26 Ottobre 2019, ma ad oggi, 6 Novembre 2019, non si ha ancora alcuna traccia del distributore, qualcuno l'ha per caso visto? Perché noi no. Credevamo che Halloween fosse passato, ma a quanto pare ci sono ancora fantasmi in giro.

Speriamo di potervi dare buone notizie il prima possibile, fiduciosi del lavoro dei nostri professori.

Enrica Camarda VB e Sergio Turano VB