Catania

11-16 marzo 2018

Accoglienza, ospitalità ed entusiasmo sono il leit-motiv, le tre parole-chiave che meglio descrivono l’esperienza dello scambio fra i docenti e gli studenti siciliani della Scuola media Statale “Dante Alighieri” di Catania e i docenti e gli studenti provenienti da Grecia, Bulgaria, Spagna, Croazia e Romania.

Una settimana – quella dedicata al Progetto Erasmus Plus “ESTEEM” dall’11 al 16 marzo 2018 - davvero coinvolgente, elettrizzante, fin dal primo giorno in cui, tra gli studenti di tutta la Scuola, era palpabile l’attesa e il desiderio di conoscere gli ospiti stranieri, per condividere la propria cultura e mettere alla prova le proprie conoscenze di inglese.

La scuola si è animata di una straordinaria energia, di voglia di fare, di confrontarsi, di stabilire rapporti amichevoli, ma già da giorni, da settimane, non si parlava d’altro.

L’impegno e la partecipazione, non solo sono “scattate naturalmente”, con grande spontaneità, ma hanno determinato quel clima di apertura e immediatezza che solo i giovani, quando sono motivati, sanno creare.

Sono crollate progressivamente tutte le ansie e tutti i timori ricollegabili alle “barriere linguistiche” e alle diversità culturali.

I ragazzi, grazie anche alle attività e alle uscite previste ed effettuate nel territorio, si sono ritrovati in piena sintonia, all’interno di un gruppo affiatato.

Da un lato gli studenti della nostra scuola, con l’appoggio e la guida dei docenti, orgogliosi di far scoprire gli angoli più tipici di Catania e dintorni, i gusti e i sapori; dall’altro gli studenti ospiti che hanno trasmesso con semplicità i valori dell’essere tutti appartenenti alla stessa realtà europea, calandoli in un’atmosfera di condivisione e di disponibilità al confronto, a scuola, dove si sono sentite a loro agio, a prescindere dall’età, dal sesso, dalla diversa cultura.

Particolarmente significativa è stata l’inaugurazione e co-realizzazione dell’”Erasmus street”, un enorme murales rappresentante tutti gli Stati partner del progetto, e la partecipazione alle attività nella “Casa di Maria”, una casa-famiglia di Biancavilla, dove, attraverso il linguaggio universale del gioco e dell’arte si è realizzato un perfetto connubio tra diversità e unicità, creando un ambiente nel quale tutte le barriere – linguistiche, fisiche, psicologiche, culturali - si sono annientate lasciando libero spazio alla valorizzazione di una cosa sola: la Persona, intesa nel senso più ampio del termine. Citando Herman Hesse si può affermare che “…..la nostra meta non è di trasformarci l’uno nell’altro, ma di conoscerci l’un l’altro e di imparare a vedere e a rispettare nell’altro ciò che egli è: il nostro opposto e il nostro complemento.”

Ed ancora, per completare questa splendida esperienza vissuta, la cerimonia di consegna degli attestati di partecipazione, dove è stato palpabile l’entusiasmo, e la condivisione, con studenti, docenti e famiglie insieme in un contesto non formale.

La scuola si è realmente trasformata in ciò che dovrebbe essere, ovvero una comunità educante, che genera diffusa convivialità relazionale, intessuta di linguaggi affettivi ed emotivi, in grado di promuovere la condivisione di quei valori che fanno sentire i membri della società come parte di una comunità vera e propria.

E’ proprio vero che la scuola può affiancare al compito dell’”insegnare ad apprendere” anche quello dell’”insegnare a essere.” (indicazioni nazionali).

Planning della settimana

Di seguito le foto che immortalano i momenti più belli dell'intera settimana, intrisa di cultura e condivisione.


ERASMUS STREET OPENING

Photogallery


LUNEDI' 12 MARZO

Photogallery

VENERDI' 16 MARZO

Photogallery


PARTENZE.....

GOOD BYE!!