Cronache del Tempo Segreto Libro 2 Capitolo 2

LA NOTTE DEL MORTO CHE CAMMINA

9 Febbraio 524 DFI

Dopo che mi sono ripreso, decidiamo di avvicinarci alla casa, con cautela.

Mentre ci muoviamo di soppiatto, Hornfels e DJ, grazie ai loro elfici occhi, scorgono una figura seduta sotto un albero, in piena notte. Complici le tenebre, Fiandra decide di muoversi di nascosto, per cercare di sorprendere la misteriosa figura, quando questa si volta verso di lei e... le lancia un pugnale, che le sfiora la gola, andando a conficcarsi in quella di un ghoul che la stava per attaccare alle spalle...

Il nuovo arrivato si presenta: si chiama Morie ed è una Guardia Nera (un non molto noto ordine cavalleresco), venuto ad indagare sulle misteriose morti locali.

Dopo aver cercato nella villa del defunto barone, senza alcun successo, indizi utili alle indagini, torniamo da Mordu, che si rivela essere un informatore delle Guardie Nere. Decidiamo, comunque, di tornare a dormire nella locanda. Siamo troppo stanchi.

10 Febbraio 524 DFI

Un urlo ci sveglia nella notte! Corriamo in strada, dove troviamo l'assassino disteso sul corpo della sua nuova vittima, la cameriera della locanda!

Hornfels gli lancia contro un pugnale, mentre DJ sbaglia e conficca una freccia nel polpaccio di Fiandra.

Mentre Lenda si occupa della povera sventurata aggredita, io mi getto all'inseguimento, afferro il losco figuro, lo lego e lo trascino degli altri.

La ragazza sta bene, anche se è sotto shock, e ci svela il nome del suo aggressore: è Jean Tarascon, il fratello del defunto barone Marcel!

Ritorniamo nella locanda, ove inizia una festa per la fine del regime di terrore instaurato dall'assassino della liquirizia.

Mentre ci ritiriamo in camera nostra (insieme a Morie ed a Mordu) per interrogare Jean, sentiamo un odore nauseabondo provenire dalla finestra. Improvvisamente Mordu cade e si rialza come Zombi. Le lame pietose di Lenda e di Hornfels gli consegnano la pace...

Mentre ci rechiamo da basso, un uomo entra con foga nella locanda: “Allarme, allarme! I morti ci stanno attaccando!”

Lo sciamano ci chiama in disparte, spiegandoci la situazione: venti giorni prima, dopo la morte di Marcel, Jean trasportò il suo corpo fino al tempio. Lì Brucian provò a rianimarlo, ma l'incantesimo riuscì a metà, trasformando il barone in una creatura sospesa tra la vita e la morte, un Signore degli Zombi. Che disastro che ha combinato!

Subito io, Hornfels, Lenda, Fiandra, DJ e Morie corriamo verso il cimitero, sfruttando un'entrata segreta rivelataci dal conestabile. Ci portiamo dietro Jean, legato.

Piove. Piove talmente tanto che facciamo fatica a vederci l'un l'altro. Scorgiamo solo, in lontananza, le tetre figure dei morti che si trascinano pesantemente verso la locanda.

Riusciamo, non senza difficoltà, a trovare l'accesso nascosto dietro alcuni arbusti; penetriamo nel lungo e fangoso tunnel fino a sbucare nel cimitero vecchio.

Subito ci dirigiamo verso il mausoleo, apriamo le pesanti porte e... ci troviamo di fronte ad una grottesca imitazione di una creatura vivente.

Né vivo né morto, l'ex barone Marcel ci si para innanzi. Nutrito dai cadaveri portatigli dal fratello, ha organizzato, in questo luogo antico e sconsacrato, il suo piano per conquistare Marais d'Tarascon e le terre circostanti.

Senza perdere tempo in inutili chiacchiere, ci lanciamo all'assalto... solo per essere fermai dal fetore di putrefazione che lo accompagna. Io inizio a tossire, Lenda si sente male e Fiandra è costretta a coprirsi il volto con una sciarpa, per subire meno gli effetti di quell'immondo odore.

La battaglia inizia quindi tra DJ/Hornfels/Morie contro Marcel. Dopo un colpo potente da parte della Guardia Nera, che sbilancia il signore degli zombi, la drow affonda la sua lama nelle carni del barone, sbudellandolo letteralmente.

L'incubo è finito.

11 Febbraio 524 DFI

Ormai è mattina quando facciamo ritorno alla locanda. Con la sconfitta di Marcel, gli zombi da lui animati hanno finalmente trovato la pace ed il paese è in festa.

Purtroppo ci accorgiamo solo ora che Jean è riuscito a sfuggirci. Chissà se lo rincontreremo...

13 Febbraio 524 DFI

Otiluke è felice di come abbiamo risolto la cosa, e ci assume a tempo pieno come “agenti speciali” di Greyhawk.

Potrebbe essere l'inizio di una grande carriera!