OD&D-The Misty Isles

The Misty Isles è il terzo ed ultimo Dungeon Master's Toolkit di Wee Warriors e non è un semplice modulo di avventura, come “Palace” e “Glory”, ma uno dei primi setting nella storia di D&D. Contrariamente agli altri prodotti che andremo ad analizzare, non è stato né prodotto, né distribuito dalla TSR, ma visti i forti legami con i due moduli di cui sopra, pareva inappropriato escluderlo.

Il mondo descritto è lo stesso dei primi due kit, un regno nanico governato dalla città di Ar Toe e che si espande formalmente su nove diverse isole, ciascuna descritta "esagono per esagono" nel modulo. Con un colpo di genio, le isole sono presentate dopo il rapimento della principessa dei nani ma prima degli eventi di Palace, che ora possono essere utilizzati anche come un'avventura introduttiva (anche se letale) ... o come la conclusione di una lunga campagna.

Ma non è corretto considerare questo "solo" un setting, perché Isles segue rigorosamente le linee guida originali di Arneson, sostituendo la mappa di outdoor Survival con le proprie. Ciò rende Isles il primo Modulo di Esplorazione ufficiale, un'idea raramente usata che ha quale rappresentante più famoso il modulo X1, Isles of Dread.

Ambientazione

Misty Isles descrive un arcipelago di nove isole, di cui solo due, la famosa Baylor e l’isola di Tripid, hanno nomi veri, mentre le altre sette isole hanno nomi fittizi come "Isola dei non umani" o "Isole dei maghi in guerra", ma sono comunque ben descritte, creando un mondo che potrebbe mancare di dinamismo (abbiamo una nave ancorata che sarà sempre nella stessa posizione) ma non nell'ingegno: ad esempio, c'è un'isola abitata da visitatori di un altro pianeta e che ora è piena di armi antiche e potenti… un’idea ricorrente a cavallo tra gli anni ‘70 ed I primi anni ‘80.

La vera mancanza è una mappa completa che mostra la disposizione delle isole dell’arcipelago, poiché nulla nel modulo ci dice la distanza tra le isole, né la loro posizione relativa. A tal proposito ricordiamo che, ai tempi, il concetto di campagna era totalmente legato al giocatore, non ad una trama, pertanto il tempo trascorso a viaggiare senza che avvenissero eventi aveva davvero poca importanza.

Edizione: Original Dungeons & Dragons (OD&D)

Anno: 1977

Tipo: Ambientazione

Autore: Pete & Judy Kerestan

Note per i DM

Misty Isles è stato pubblicato come prodotto "generico", senza riferimenti espliciti a Dungeons & Dragons ... e quando diciamo espliciti, intendiamo "con un gigantesco logo D&D", perché le statistiche dei mostri sono pienamente compatibili con il prodotto principale TSR. Ad esempio, c'è un vecchio che è un dio travestito, e il modulo afferma chiaramente di trattarlo come Zeus, e al momento le statistiche di Zeus potevano essere trovate solo in Gods, Demi-Gods & Heroes.

Come se fosse un marchio di fabbrica di Wee Warriors, anche Isles è pieno di errori di battitura, principalmente (di nuovo) in nomi di mostri, non ultimo il terribile "Wizzards".

In conclusione

Difficile da credere, ma grazie alla mancanza di un vero setting ufficiale per D&D (Greyhawk e Blackmoor, nonostante gli omonimi opuscoli, erano ancora non descritti), Misty Isles avrebbe potuto essere un gioiello per tutti i giocatori. Sfortunatamente per Wee Warriors, "City State of the Invincible Overlord" di Judges Guild precede "Isles" di pochi mesi, e risulta essere una pubblicazione più professionale e ben rifinita. Ad ogni modo, l'idea di esplorare le isole passo dopo passo costituirà la base per molte avventure famose, dalla citata Isle of Dread a Tomb of Annihilation.

Infine, è giusto citare Misty Isles come la fonte di ispirazione per la seconda avventura de La Spada Nera, Vele tra le Nebbie.