Cristianesimo

I cristiani sono chiamati a cantare a Dio:


Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,

annuncerò tutte le tue meraviglie.

Gioirò ed esulterò in te,

canterò inni al tuo nome, o Altissimo,

Cantate inni al Signore, che abita in Sion,

narrate le sue imprese tra i popoli,

(Salmo 9, 2-3. 12)


Ma io nella tua fedeltà ho confidato;

esulterà il mio cuore nella tua salvezza,

canterò al Signore, che mi ha beneficiato.

(Salmo 13, 6)


Al maestro del coro. Di Davide, servo del Signore,

che rivolse al Signore le parole di questo canto quando il Signore,

lo liberò dal potere di tutti i suoi nemici e dalla mano di Saul.

Per questo, Signore, ti loderò tra le genti

e canterò inni al tuo nome.

(Salmo 18 Te Deum regale, 1. 50)


Alzati, Signore, in tutta la tua forza:

canteremo e inneggeremo alla tua potenza.

(Salmo 21, 14)


E ora rialzo la testa

sui nemici che mi circondano.

Immolerò nella tua tenda sacrifici di vittoria,

inni di gioia canterò al Signore.

(Salmo 27, 6)


Cantate inni al Signore, o suoi fedeli,

della sua santità celebrate il ricordo,

Hai mutato il mio lamento in danza,

mi hai tolto l'abito di sacco,

mi hai rivestito di gioia,

perché ti canti il mio cuore, senza tacere;

Signore, mio Dio, ti renderò grazie per sempre.

(Salmo 30, 5. 12-13)


Lodate il Signore con la cetra,

con l'arpa a dieci corde a lui cantate.

Cantate al Signore un canto nuovo,

con arte suonate la cetra e acclamate,

(Salmo 33 Inno alla Provvidenza, 2-3)


Verrò all'altare di Dio,

a Dio, mia gioiosa esultanza.

A te canterò sulla cetra,

Dio, Dio mio.

(Salmo 43, 4)


Ascende Dio tra le acclamazioni,

il Signore al suono di tromba.

Cantate inni a Dio, cantate inni,

cantate inni al nostro re, cantate inni;

perché Dio è re di tutta la terra,

cantate inni con arte.

(Salmo 47, 6-8)


Saldo è il mio cuore, o Dio,

saldo è il mio cuore.

Voglio cantare, voglio inneggiare:

svégliati, mio cuore,

svegliatevi, arpe e cetra,

voglio svegliare l'aurora.

Ti loderò fra i popoli, Signore,

a te canterò inni tra le nazioni:

(Salmo 57, 8-10)


Ma io canterò la tua forza,

esalterò la tua fedeltà al mattino,

perché sei stato mia difesa,

mio rifugio nel giorno della mia angoscia.

O mia forza, a te voglio cantare,

poiché tu sei, o Dio, la mia difesa,

Dio della mia fedeltà.

(Salmo 59, 17-18)


Così canterò inni al tuo nome per sempre,

adempiendo i miei voti giorno per giorno.

(Salmo 61, 9)


Acclamate Dio, voi tutti della terra,

cantate la gloria del suo nome,

dategli gloria con la lode.

A te si prostri tutta la terra,

a te canti inni, canti al tuo nome».

(Salmo 66, 1-2. 4)


Cantate a Dio, inneggiate al suo nome,

appianate la strada a colui che cavalca le nubi:

Signore è il suo nome,

esultate davanti a lui.

Appare il tuo corteo, Dio,

il corteo del mio Dio, del mio re, nel santuario.

Precedono i cantori, seguono i suonatori di cetra,

insieme a fanciulle che suonano tamburelli.

Regni della terra, cantate a Dio,

cantate inni al Signore,

(Salmo 68, 5. 25-26. 33)


Canterò in eterno l'amore del Signore,

di generazione in generazione

farò conoscere con la mia bocca la tua fedeltà,

(Salmo 89 Inno e preghiera al Dio fedele, 2)


È bello rendere grazie al Signore

e cantare al tuo nome, o Altissimo,

annunciare al mattino il tuo amore,

la tua fedeltà lungo la notte,

sulle dieci corde e sull'arpa,

con arie sulla cetra.

(Salmo 92 Canto del giusto, 2-4)


Cantate al Signore un canto nuovo,

cantate al Signore, uomini di tutta la terra.

Cantate al Signore, benedite il suo nome,

annunciate di giorno in giorno la sua salvezza.

(Salmo 96, 1-2)


Cantate al Signore un canto nuovo,

perché ha compiuto meraviglie.

Gli ha dato vittoria la sua destra

e il suo braccio santo.

Acclami il Signore tutta la terra,

gridate, esultate, cantate inni!

Cantate al Signore con la cetra,

con la cetra e al suono di strumenti a corde;

con le trombe e al suono del corno

acclamate davanti al re, il Signore.

(Salmo 98, 1. 4-6)


Voglio cantare al Signore finché ho vita,

cantare inni al mio Dio finché esisto.

A lui sia gradito il mio canto,

io gioirò nel Signore.

(Salmo 104, 33-34)


Rendete grazie al Signore e invocate il suo nome,

proclamate fra i popoli le sue opere.

A lui cantate, a lui inneggiate,

meditate tutte le sue meraviglie.

(Salmo 105, 1-2)


Genti tutte, lodate il Signore,

popoli tutti, cantate la sua lode,

(Salmo 117, 1)


Lodate il Signore, perché il Signore è buono;

cantate inni al suo nome, perché è amabile.

(Salmo 135 Inno di lode, 3)


Di Davide.

Ti rendo grazie, Signore, con tutto il cuore:

hai ascoltato le parole della mia bocca.

Non agli dèi, ma a te voglio cantare,

Ti renderanno grazie, Signore, tutti i re della terra,

quando ascolteranno le parole della tua bocca.

Canteranno le vie del Signore:

grande è la gloria del Signore!

(Salmo 138 Inno di ringraziamento, 1. 4-5)


Canti la mia bocca la lode del Signore

e benedica ogni vivente il suo santo nome,

in eterno e per sempre.

(Salmo 145, 21)


È bello cantare inni al nostro Dio,

è dolce innalzare la lode.

Intonate al Signore un canto di grazie,

sulla cetra cantate inni al nostro Dio.

(Salmo 147 Inno all'Onnipotente, 1. 7)


Alleluia.

Cantate al Signore un canto nuovo;

la sua lode all'assemblea dei fedeli.

Gioisca Israele nel suo creatore,

esultino nel loro re i figli di Sion.

Lodino il suo nome con danze,

con tamburelli e cetre gli cantino inni.

(Salmo 149 Canto trionfale, 1-3)


Alleluia.

Lodate Dio nel suo santuario,

lodatelo nel suo maestoso firmamento.

Lodatelo per le sue imprese,

lodatelo per la sua immensa grandezza.

Lodatelo con il suono del corno,

lodatelo con l'arpa e con la cetra.

Lodatelo con tamburelli e danze,

lodatelo sulle corde e con i flauti.

Lodatelo con cimbali sonori,

lodatelo con cimbali squillanti.

Ogni vivente dia lode al Signore.

Alleluia.

(Salmo 150 Dossologia finale)


Ci vogliono molti anni di studio per imparare a cantare bene, il canto polifonico ed a leggere la musica. Il Coro Santa Chiara offre la possibilità di farlo; ma è come imparare una nuova lingua: richiede molti anni di studio e di esercizio per diventare bravi, perciò ci vuole pazienza e costanza.

Il cristiano che abbia imparato a cantare, la polifonia ed a leggere la musica, poi sarà in grado di partecipare ai canti della liturgia, in ogni occasione; ad esempio potrà partecipare ai canti gregoriani, che hanno un repertorio molto vasto, perché sarà in grado di leggere la musica.