JRC CULTURAL COMMITTEE

Finanziato dal COPAS,Commissione Europea


del COMITATO CULTURALE

(potete abbonarvi)

The Cultural Committee of the Joint Research Centre (JRC) of the European Commission is an association that promotes socio-cultural activities for staff of the JRC and their families. The aim is to spread the culture of European countries and to promote cultural communication between JRC staff and the residents of the province of Varese and the region of Lombardy.

MEMBERSHIP

By subscribing to the Cultural Committee of the JRC Ispra, any officer or agent of the JRC and their family may benefit from the cultural activities provided to members. Please register at the secreteriat or at the library (external access from 1st floor of main entrance building, TP 014) for an annual fee of €30.


SERVICES

Each member of the JRC Cultural Committee has :

  • Free access to the library services, including loans of books in various European languages.

  • Free access to the media centre services, including loans of CDs (music), vinyl records and DVDs (movies) in various languages.

  • Limited access to periodic magazines, which are managed autonomously.

  • Participation in external cultural events (theatre, opera, concerts, exhibitions, tours and travel) for a fee (to cover the cost of tickets, stay/accommodation and transport).

  • Free participation in and information on the visual arts exhibitions

PROSSIMI EVENTI CULTURALI

Reponsabile settore Eventi: Anne Marie Cordeil

Sotto la lista dei eventi

In accordo con le disposizioni del DPCM del 25 ottobre 2020, tutti i servizi e le attività programmate sono sospesi fino a nuova data, che verrà comunicata ai soci e tramite questo sito.

16th January 2021 - Shen Yun - Teatro Arcimboldi, Milano

This event is reprogrammed (from 7th March 2020 to 16 January 2021)

L’eccezionale visione artistica di Shen Yun trasforma l’esperienza teatrale in un viaggio multidimensionale ed emozionante attraverso uno dei più grandi tesori dell’umanità: i cinque millenni della cultura tradizionale cinese.

Questo grandioso spettacolo immerge in storie che provengono dal passato più remoto. Esplorerai persino regni oltre il nostro mondo visibile. Grazie a una delle forme d’arte più antiche – la danza classica cinese – assieme a effetti scenografici brevettati e musiche d’orchestra originali, Shen Yun apre le porte a una civiltà d'incantevole bellezza e illuminante saggezza.

La cultura tradizionale cinese – con la sua visione del mondo fortemente ottimista e con le sue profonde radici spirituali – fino ad ora era andata perduta. Oggi solo Shen Yun, che ha sede a New York, mantiene viva sul palcoscenico questa preziosa eredità. Un’esperienza che ti toglierà il respiro.

Con sede a New York, la Shen Yun Performing Arts è stata fondata nel 2006 da un'élite di artisti cinesi provenienti da tutto il mondo, con la missione di far rivivere 5000 anni di civiltà cinese.

25 Ottobre 2020 - Villaggio operaio Crespi d'Adda - Centrale Idro-elettrica - Navigazione sull'Adda

Questo evento è sospeso. l'eventuale riprogrammazione sarà comunicata quando possibile.

GITA IN GIORNATA - 25 ottobre 2020 -

Crespi è il nome della famiglia di industriali cotonieri lombardi che a fine Ottocento realizzò un moderno "Villaggio ideale del lavoro" accanto al proprio opificio tessile, lungo la riva bergamasca del fiume Adda. Il Villaggio Crespi d'Adda è una vera e propria cittadina completa, costruita dal nulla dal padrone della fabbrica per i suoi dipendenti e le loro famiglie. Ai lavoratori venivano messi a disposizione una casa con orto e giardino e tutti i servizi necessari. In questo piccolo mondo perfetto il padrone "regnava" dal suo castello e provvedeva come un padre a tutti i bisogni dei dipendenti: dentro e fuori la fabbrica e "dalla culla alla tomba", anticipando le tutele dello Stato stesso. Nel Villaggio potevano abitare solo coloro che lavoravano nell'opificio, e la vita di tutti i singoli e della comunità intera "ruotava attorno alla fabbrica stessa", ai suoi ritmi e alle sue esigenze. L'Unesco ha accolto Crespi d'Adda nella Lista del Patrimonio Mondiale Protetto in quanto "Esempio eccezionale del fenomeno dei villaggi operai, il più completo e meglio conservato del Sud Europa".

L’Adda, quarto fiume d’Italia per lunghezza ed il più lungo affluente del Po, vanta un’antichissima poliedrica civiltà. Il Medio corso dell’Adda, con le sue rive scoscese e difficilmente guadabile, ha rappresentato nel medioevo un confine naturale tra il Ducato di Milano e la Repubblica Veneta. Nei secoli successivi, con la realizzazione di grandi opere d’ingegneria idraulica, diventerà un’importante via d’acqua e la sua valle costituirà uno dei primi poli industriali d’Italia che raggiungerà il suo apice con lo sfruttamento delle acque per la produzione dell’energia idroelettrica. Il paese di Brivio conserva la struttura dell’antico borgo con i resti del castello medioevale, la casa natale del letterato romantico Cesare Cantù e l’oratorio di San Leonardo. Lungo l’alzaia si incontra un’ ex-filanda, la zona ricca di piccoli isolotti e canneti è ricca di fauna e flora, continuando lungo la riva del fiume si raggiunge Imbersago, dove è visibile il famoso traghetto progettato da Leonardo da Vinci.

Programma

ORE 07.30: Ritrovo dei partecipanti sul Piazzale antistante l’ingresso al JRC.

Partenza con pullman GT riservato per Crespi d’Adda (BG). Incontro con la guida e visita del celebre Villaggio Operaio, Patrimonio dell’Unesco dal 1995. Passeggiando per Crespi d'Adda ci si accorge presto di trovarsi in un luogo particolare: le casette ben allineate, le recinzioni basse e tutte uguali, gli orti e i giardini ben curati, la lunga fila dei capannoni e le altissime ciminiere che sempre ti accompagnano lungo il percorso, e poi quel castello che pare medievale, quella sorta di piramide che si erge nel cimitero. Il Villaggio è davvero un luogo dove il tempo si è fermato, ed offre, con la sua storia, con le sue case, la sua fabbrica e il suo fiume, la possibilità di ritornare indietro nel tempo, sino a quando la famiglia fondatrice del Villaggio - la famiglia Crespi - diede vita a una città ideale del lavoro, ove coniugare le esigenze degli operai con quelle del padrone di fabbrica; ove rimediare ai disagi del lavoro causati dalla grande industria.

Al termine della visita pranzo in ristorante nel Villaggio

Ore 14.00: visita guidata della centrale idroelettrica di Crespi d’Adda. Edificata nel 1909, vicino alla più antica centrale idromeccanica, venne ufficialmente inaugurata il 25 luglio, giorno dedicato a San Cristoforo, protettore delle acque. La centrale di Crespi d’Adda è la più piccola tra quelle create sul medio corso dell’Adda, ma sicuramente la più bella: le decorazioni in stile tardo Liberty lombardo, la presenza del parquet originale, del pannello di controllo e della testa delle turbine del 1909 la rende infatti un vero gioiello dell’archeologia industriale.

Ore 15.15/15.30: proseguimento in pullman per lo storico borgo di Brivio, lambito dalle acque del fiume Adda.

Ore 16.15: Incontro con la guida naturalistica e imbarco sull’Addarella, battello elettrico a emissioni zero (max 48 posti) e inizio navigazione verso sud. Durante la navigazione sull’antico Abdua (nome celtico del fiume), la guida fornirà dettagliate spiegazioni sulla storia del territorio e sulle specie tipiche della fauna locale come l'Airone Cenerino che nidifica proprio in questo tratto di fiume. Si raggiungeranno gli Isolotti della Garzaia godendo di una splendida vista sulle montagne Lecchesi (Grigna, Grignone e Resegone) per arrivare infine a Imbersago dove, anche agli occhi più distratti, non sfuggirà la presenza del traghetto "Leonardesco", che da secoli collega la riva Lecchese a quella Bergamasca. I battellieri, ancora oggi, fanno scorrere l'imbarcazione lungo un cavo d'acciaio tirato tra le due sponde sfruttando la corrente del fiume. Rimane quale ultima testimonianza di una florida tradizione di trasporto fluviale che contava almeno sei imbarcazioni di questo tipo, in attività tra il lago e il naviglio Martesana. Leonardo, oltre a disegnare quello in attività a Vaprio, studiò e descrisse le leggi fisiche che ne permettono il funzionamento. Risalita verso Brivio .

Ore 17.30 ca: partenza per il rientro a ISPRA dove si giungerà intorno alle 19.00

N.B. La gita verrà effettuata con un numero minimo di 30 partecipanti.

Iscrizioni mediante email a amici.storia@gmail.com oppure: segreteria@comitato-culturale-ccr.eu allegando distinta bonifico su conto BNL con IBAN IT43O0100550340000000013255.

Termine iscrizioni : 16 ottobre 2020 e comunque ad avvenuto esaurimento delle disponibilità.

Siamo lieti di comunicare la ripresa dei concerti presso L'Auditorium di Milano. Il giorno 20 settembre 2020 abbiamo partecipato al Concerto inaugurale dell'Orchestra Sinfonica e Coro di Milano "Giuseppe Verdi", in programma al Teatro della Scala, Milano.

In accordo con le disposizioni del DPCM del 25 ottobre 2020 i concerti presso l'Auditorium di Milano sono sospesi. La riprogrammazione sarà comunicata in seguito.

Calendario

  1. Venerdi 9 Ottobre 2020 ore 20:00 (partenza alle ore 17:30) - Mondi romantici.

    • R. Wagner, Idillio di Sigfrido WWV103

    • A. Webern, Langsamer Satz

    • J. Brahmas, serenata n. 2 in La maggiore op.16

Direttore: Alpesh Chauhan

  1. Venerdi 23 Ottobre 2020 ore 20:00 (partenza alle ore 17:30) - Mozart al pianoforte

    • L. Janacek, suite per orchesta d’archi

    • W.A Mozart, concerto per pianoforte e orchestra n.12 in La maggiore K414

Pianoforte : Aaron Pilsan

Direttore: Claus Peter Flor

  1. Venerdi 13 Novembre 2020 ore 20:00 (partenza alle ore 17:30) - Note di viaggio

    • G.Mahler, Lieder eines fahrenden Gesellen per voce e orchestra

    • A. Copland, Appalachian Spring

    • M. Ravel, Cinq Melodies populaires grecques

Tenore: Julian Prégardien

Direttore: Alondra de la Parra

  1. Venerdi 4 Dicembre 2020 ore 20:00 (partenza alle ore 17:30) - Nuovi classici

    • D. Sostakovic, concerto per violoncello n.1 in Mi bemolle maggiore op.107

    • F.J. Haydn, Sinfonia n.60 in Do maggiore "Il Distratto"

Direttore e Violoncello: Nicholas Altstaedt

  1. Mercoledi 16 Dicembre 2020 ore 20:00 (partenza alle ore 17:30) - Concerto di Natale

    • G.F. Handel, Messiah

Ensemble strumentale e vocale laBarocca

Direttore: Ruben Jais

Eventi cancellati

Sabato 4 Aprile - Il Castello Sforzesco e la Sala delle Asse - Gità a Milano - CANCELLATO


In occasione del 500° anniversario della morte di Leonardo da Vinci viaggiamo nel tempo alla corte Sforzesca per visitare il Castello e la Sala delle Asse seguendo le tracce del maestro.


Ci aspetta uno spettacolare percorso multimediale, un museo virtuale all'interno del Castello e la Pietà Rondanini di Michelangelo.


PROGRAMMA:

  • ore 09:00 ­ partenza con bus dalla piazzale del CCR ore 10:30 ­ visita guidata in italiano e inglese

  • ore 12:30 ­ tempo libero

  • ore 16:00 ­ partenza da Milano


COSTO:

20 € per ingresso, visita guidata e trasporto min. 30 / max. 40 partecipanti

Email: segreteria@comitato-culturale-ccr.eu

Tel: 0332 78 9764 (solo mattina)

Sabato 21 Marzo - VERONA - Mostra "Il tempo di Giacometti da Chagall a Kandinsky" - CANCELLATO

Alberto Giacometti è stato il principale scultore del Novecento, innovativo oltre ogni dire. Dall’idea di rendergli omaggio in Italia nasce questa grande mostra, realizzata grazie alla decisiva collaborazione della Fondazione Aimé e Marguerite Maeght di Saint-Paul-de-Vence, che presta oltre settanta opere dello stesso Giacometti, dalle sculture più celebri, ai disegni, ai dipinti.


Dopo avere in questo modo raccontato il fascino dell’intera sua opera, la mostra punta la sua luce, con una scelta di una ventina di dipinti celebri, sul clima della pittura in Francia in quel tempo medesimo, facendo ricorso alla collezione della stessa Fondazione Maeght, con opere tra gli altri di Braque, Chagall, Miró, Kandinsky, Derain, Léger, compresi nei decenni dai Venti ai Cinquanta, cioè precisamente il tempo della lunga permanenza a Parigi di Giacometti. Quadri, spesso di grande formato, che arricchiscono di pura bellezza le sale nelle quali, al centro, quasi camminano le sculture di Alberto Giacometti.

Tutte le opere presenti in questa mostra provengono dalla Fondazione Maeght di Saint-Paul-de-Vence in Francia, uno dei luoghi più famosi al mondo per l’arte del Novecento.

Giacometti ha vissuto per quarant’anni a Parigi, ma non si è mai staccato dalla splendida valle alpina nella quale era nato, la Val Bregaglia in Svizzera, a pochi chilometri dal confine con l’Italia.


COSTO: € 75 (Soci Festi’Phonie o Comitato Culturale) inclusivo di viaggio in pullman, ristorante, entrate e visite guidate in Italiano (min 20 persone). Iscrizioni entro il 21/02/20 presso il Comitato Culturale (segreteria@comitato-culturale-ccr.eu) o mandando un email a FestiPhonie (ccr.festiphonie@gmail.com)

Domenica 15 Marzo - Teatro alla Scala - Il Turco in Italia - CANCELLATO

TEATRO ALLA SCALA - OPERA - IL TURCO IN ITALIA

L'OPERA IN POCHE RIGHE

Dopo le recenti riproposte de La gazza ladra e La Cenerentola, il Teatro alla Scala produce un nuovo allestimento del capolavoro comico di Rossini che qui nacque nel 1814, e rinacque grazie all’allestimento di Franco Zeffirelli del 1955 con Maria Callas, per ritornare nel 1997 con la direzione di Riccardo Chailly e la regia di Cobelli. Firma la produzione Roberto Andò, intellettuale e regista di cinema, opera e prosa, e premiato narratore. Diego Fasolis, che ha recentemente inaugurato la stagione operistica del LAC di Lugano con Il barbiere di Siviglia, affronta il suo primo Rossini alla Scala dopo i successi ottenuti con Händel e Mozart, forte di un cast che unisce la facilità belcantistica alla disinvoltura in scena: Rosa Feola, Alex Esposito, Edgardo Rocha e Mattia Olivieri.

Direttore, Diego Fasolis

Regia, Roberto Andò

Scene e luci, Gianni Carluccio

Costumi, Nanà Cecchi

CAST

Selim, Alex Esposito

Donna Fiorilla, Rosa Feola

Don Geronio, Giulio Mastrototaro

Don Narciso, Edgardo Rocha

Prosdocimo, Mattia Olivieri

Zaida, Laura Verrecchia

Albazar, Manuel Amati

Saturday 7th March - Shen Yun - Teatro Arcimboldi, Milano -Sospeso - Riprogrammato per il gennaio 2021

L’eccezionale visione artistica di Shen Yun trasforma l’esperienza teatrale in un viaggio multidimensionale ed emozionante attraverso uno dei più grandi tesori dell’umanità: i cinque millenni della cultura tradizionale cinese.

Questo grandioso spettacolo immerge in storie che provengono dal passato più remoto. Esplorerai persino regni oltre il nostro mondo visibile. Grazie a una delle forme d’arte più antiche – la danza classica cinese – assieme a effetti scenografici brevettati e musiche d’orchestra originali, Shen Yun apre le porte a una civiltà d'incantevole bellezza e illuminante saggezza.

La cultura tradizionale cinese – con la sua visione del mondo fortemente ottimista e con le sue profonde radici spirituali – fino ad ora era andata perduta. Oggi solo Shen Yun, che ha sede a New York, mantiene viva sul palcoscenico questa preziosa eredità. Un’esperienza che ti toglierà il respiro.

Con sede a New York, la Shen Yun Performing Arts è stata fondata nel 2006 da un'élite di artisti cinesi provenienti da tutto il mondo, con la missione di far rivivere 5000 anni di civiltà cinese.


Sabato 8 Febbraio 2020 - Visita Guidata alla Galleria Campari - Sesto San Giovanni

In Galleria Campari, la storia del marchio viene raccontata tramite un viaggio evocativo nello spazio e nel tempo, tra affiche originali della Belle Époque, manifesti, grafiche pubblicitarie e libri d’artista dagli anni ‘20 agli anni ‘90, firmati da importanti artisti come Marcello Dudovich, Leonetto Cappiello, Fortunato Depero, Franz Marangolo, Guido Crepax, Bruno Munari, Ugo Nespolo; caroselli e spot di noti registi come Federico Fellini e Singh Tarsem; oggetti firmati da affermati designer come Matteo Thun, Dodo Arslan, Markus Benesch e Matteo Ragni. All’interno degli Headquarters Campari, disegnati da Mario Botta, sono esposti anche preziosi oggetti vintage del mondo bar, bicchieri d’epoca, bottiglie, orologi originali, insegne direttamente dagli anni ‘60 e ’70, oltre a una serie di veri e propri memorabilia. L’esperienza in Galleria è dedicata al marchio Campari; si possono inoltre ripercorrere tappe salienti negli ambiti della grafica, della comunicazione e del design.

Domenica 26 Gennaio 2020 - Mostra "l’Esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina" - Fabbrica del Vapore


Arriva a Milano la mostra internazionale “L’esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina”, alla Fabbrica del Vapore in via Procaccini, 4.

Un viaggio straordinario nell’Antica Cina di 2.200 anni fa. La mostra rappresenta l’esposizione più completa mai creata sulla necropoli, sulla vita del Primo Imperatore Qin Shi Huangdi, e sull’Esercito di Terracotta, ottava meraviglia del mondo per l’impatto visivo che l’ha resa celebre nel mondo.

Le statue, le armi, le armature, i carri da guerra, il vasellame e gli oggetti che richiamano alla vita quotidiana dell’antica Cina, presenti nella mostra, sono ricavati dagli unici calchi esistenti, frutto del lavoro e delle attente rifiniture di artigiani cinesi della regione dello Xi’An, che con gli stessi materiali di allora perpetuano la grande tradizione dell’arte orientale. La bellezza delle statue e delle opere ritrovate, la loro storia, la spettacolarità che il sito archeologico offre agli occhi del visitatore, rivivono tra luce e narrazione multimediale grazie ad una particolare istallazione che conclude il percorso.

Partenza alle 8:30 dal piazzale CCR

Costo: 30 Euro (viaggio in pullman, visita guidata in italiano o inglese e entrata)

Scadenza dei prenotazioni: 8 gennaio 2020, tel 0332789764 (mattina)