ristorante di campagna

LA LOCANDA DEL VIANDANTE progetto per Stefania e Antonello, dicembre 2012

  • tavoli e sedie in legno povero recuperati localmente e riparati da
  • falegnami locali
  • illuminazione bassa, no musica, no televisione, qualche candela,
  • cellulari spenti, fumo vietato anche nelle vicinanze, un camino sempre
  • acceso quando fa freddo, arredamento semplice di recupero, nessun
  • lusso o civetteria, meglio se tavoli e sedie sono diversi l'uno
  • dall'altro, matite ai bambini per colorare le tovagliette, 1 o 2
  • tavoli lunghi in cui i commensali possano sedersi a fianco anche se
  • non si conoscono, menu esclusivamente alla lavagna
  • acqua del sindaco filtrata, acqua frizzante solo effervescente
  • naturale (tipo ferrarelle), no bevande gassate, no succhi di frutta
  • industriali
  • piatti caldi (intendo ceramica riscaldata prima di essere utilizzata)
  • un solo bicchiere a testa
  • no al cambio posate
  • tovaglioli di carta economici (sono più igienici)
  • tovagliette di carta tipo antica macelleria (quelle marroncine, da
  • riutilizzare per il fuoco)
  • pane pasta dolci fatti in casa (o da casalinghe locali)
  • olio e aceto locale, con completa descrizione dell'origine, posti su
  • un tavolino unico per la sala (via le orrende bottigliette sul tavolo)
  • il pane non si porta a tavola prima dei cibi, l'acqua invece si porta subito
  • solo ingredienti di stagione, prevalentemente locali, rigorosamente
  • bio, dettagliatamente descritti sul menu, nessun cibo di origine
  • industriale
  • grappino finale offerto
  • no 'pane e coperto'
  • suggerimento di portar via quanto eventualmente avanzato, con sacchetto
  • porzioni moderate
  • prezzo fisso per antipasti primo secondo contorno dolce frutta caffè:
  • 30euro, porzioni extra 5euro, bambino con adulto 15euro, vino o birra
  • della casa inclusi, bottiglie di vino a parte
RISERVA DI PROPRIETÀ: Questo sito e tutti i suoi contenuti sono proprietà intellettuale di Andrea Ricci (andricci63@gmail.com).Ne è vietato l'inoltro a terzi in qualunque forma o rielaborazione, anche parziale, senza esplicito consenso scritto di Andrea Ricci,che si riserva di agire in ogni sede legale per la tutela dei propri interessi.