poesie

Na tavernella

Maggio. Na tavernella

ncopp’ ’Antignano: ’addore

d’ ’anepeta nuvella;

’o cane d’ ’o trattore

c’abbaia: ’o fusto ’e vino

nnanz’ ’a porta: ’a gallina

ca strilla ’o pulicino:

e n’ aria fresca e ffina

ca vene a’ copp’ ’e monte,

ca se mmesca c’ ’o viento,

e a sti capille nfronte

nun fa truva cchiu abbiento...

Stammo a na tavulella

tutte e dduie. Chiano chiano

s’allonga sta manella

e mm’ accarezza ’a mano...

Ma ’o bbi’ ca dint’ ’o piatto

se fa fredda ’a frettata?...

Comme me so’ distratto!

Comme te si’ ncantata! ...

Salvatore Di Giacomo

===

Pianefforte ’e notte

Nu pianefforte ’e notte

sona luntanamente,

e'a museca se sente

pe ll’aria suspirà.

E’ ll’una: dorme ’o vico

ncopp’a sta nonna nonna

’e nu mutivo antico

’e tanto tiempo fa.

Dio, quante stelle ncielo!

Che luna! E c’aria doce!

Quanto na bella voce

vurrìa sentì cantà.

Ma sulitario e lento

more ’o mutivo antico;

se fa cchiu cupo ’o vico

dint’a ll’oscurità.

Ll’anema mia surtanto

rummane a sta fenesta.

Aspetta ancora. E resta,

ncantannose, a penzà.

Salvatore Di Giacomo

===

-40 love-

40 love

middle aged

couple playing

ten nis

when the

game ends

and they

go home

the net

will still

be be

tween them

Roger McGough

===

odi et amo. quare id faciam fortasse requiris.

nescio, sed fieri sentio et excrucior

Catullo

===

si potrebbe andare tutti insieme al tuo funerale

per vedere se la gente poi piange davvero

e capire che per tutti è una cosa normale

e vedere di nascosto l'effetto che fa

vengo anch'io! non tu no ...

Enzo Jannacci

===

vorrei essere una lacrima

per nascere dai tuoi occhi

vivere sulle tue guance

morire sul tuo viso

Lafayette

===

Infinito

sempre caro mi fu quest'ermo colle,

e questa siepe, che da tanta parte

dell'ultimo orizzonte il guardo eclude.

ma sedendo e mirando, interminati

spazi di là da quella, e sovrumani

silenzi, e profondissima quiete

io nel pensier mi fingo: ove per poco

il cor non si spaura. e come il vento

odo stormir fra queste piante, io quello

infinito silenzio a questa voce

vo comparando: e mi sovvien l'eterno,

e le morte stagioni, e la presente

e viva, e il suon di lei. così tra questa

immensità s'annega il pensier mio;

e il naufragar m'è dolce in questo mare

Giacomo Leopardi

===

a luglio i girasoli

moltitudini d'occhi

di pernici giganti

fissano il sole

per tutto il giorno

senza batter ciglio

Pietro Ricci

===

io vorrei soltanto vivere

pur essendo poeta

perché la vita si esprime anche solo con se stessa

vorrei esprimermi con gli esempi

gettare il mio corpo nella lotta

Pier Paolo Pasolini

===

dono vano, dono casuale, o vita, perché mi sei data?

perché dal misterioso destino sei condannata alla pena capitale?

non ho scopo davanti a me: il cuore è vuoto, inattiva è la mente

e mi riempie di languida angoscia il monotono frastuono della vita

Puskin

===

ognuno sta solo sul cuor della terra

trafitto da un raggio di sole

ed è subito sera

Salvatore Quasimodo

===

oh listen for the vale profound

is overflowing with the sound

and the music in my heart I bore

long after it was heard no more

William Wordsworth (dal "The solitary reaper")

===

quant'è bella giovinezza

che si fugge tuttavia

chi vuol essere lieto sia

di doman non c'è certezza

Lorenzo il Magnifico

===

il nascere si rinnova

di cosa in cosa

e a nessuno la vita

è data in proprietà

ma a tutti in uso

Lucrezio

===

Ci sono cose da fare ogni giorno:

lavarsi, studiare, giocare,

preparare la tavola,

a mezzogiorno.

Ci sono cose da far di notte:

chiudere gli occhi, dormire,

avere sogni da sognare,

orecchie per sentire.

Ci sono cose da non fare mai,

né di giorno né di notte,

né per mare né per terra:

per esempio, la guerra.

Gianni Rodari (1920-1980)

===

I Giusti

Un uomo che coltiva il suo giardino come voleva Voltaire.

Chi è contento che sulla terra esista la musica.

Chi scopre con piacere un'etimologia

Due impiegati in un caffè del Sud giocano a scacchi in silenzio

Il ceramista che premedita un colore e una forma.

Il tipografo che compone bene questa pagina che forse non gli piace

Una donna e un uomo che leggono le terzine finali di un certo canto.

Chi accarezza un animale addormentato.

Chi giustifica o cerca di giustificare un male che gli hanno fatto.

Chi è contento che sulla terra ci sia Stevenson.

Chi preferisce che abbiano ragione gli altri.

Tali persone, che si ignorano, stanno salvando il mondo.

J. L. Borges

===

Nummeri

- Conterò poco, è vero:

- diceva l'Uno ar Zero -

ma tu che vali? Gnente: propio gnente.

Sia ne l'azzione come ner pensiero

rimani un coso voto e inconcrudente.

lo, invece, se me metto a capofila

de cinque zeri tale e quale a te,

lo sai quanto divento? Centomila.

È questione de nummeri. A un dipresso

è quello che succede ar dittatore

che cresce de potenza e de valore

più so' li zeri che je vanno appresso.

Trilussa 1944

===

Cher frère blanc

Quand je suis né, j’étais noir,

Quand j’ai grandi, j’étais noir,

Quand je suis au soleil, je suis noir,

Quand je suis malade, je suis noir,

Quand je mourrai, je serai noir.

Tandis que toi, homme blanc,

Quand tu es né, tu étais rose,

Quand tu as grandi, tu étais blanc,

Quand tu vas au soleil, tu es rouge,

Quand tu as froid, tu es bleu,

Quand tu as peur, tu es vert,

Quand tu es malade, tu es jaune,

Quand tu mourras, tu seras gris.

Alors, de nous deux, Qui est l’homme de couleur?

Vilma Cunha