MORANDI TOUR '94

i concerti dell’autobus di Gianni Morandi

GIANNI MORANDI Tour 1993/94 (Morandi Morandi)

INTRO

Il tour MORANDI MORANDI partì nel 1993, subito dopo il film TV "IN FUGA PER LA VITA" sull'onda del successo dell'omonimo CD e del brano BANANE E LAMPONE. Inizialmente senza grosse pretese, finì poi per diventare uno dei tour più lunghi della storia della musica italiana con 270 date in tutto il mondo in poco meno di un anno e mezzo!

Nella foto: La scenografia del tour MORANDI MORANDI 93/94 con Morandi ed i musicisti in scena, da sinistra Barbara Cola (sulla panchina), Andrea Amati, Paolo Amati (nell'autobus), Ezio Zaccagnini (Batteria, nell'autobus), Tony Pujia (subito sotto alla batteria), Gianni Morandi ed Alessandro Gwis (all'interno dell'edicola).

LO SPETTACOLO

Pur essendo stato così lungo ed importante, con tappe in USA ed in Canada così come in Germania, Francia e Lussemburgo, di questo tour si trovano pochissime notizie in giro per il web. Non furono infatti pianificate riprese video o CD dal vivo, per cui l'unica documentazione esistente, a parte foto, filmati privati e qualche articolo d’archivio, è quella stampata nel cuore e nella mente degli innumerevoli fans che videro lo spettacolo. Lo show era noto anche come "I concerti dell'autobus" proprio perché in scena (vedi foto sopra) era ricostruito uno spaccato di una piazza, con panchina ed edicola ai lati, e con un enorme autobus nel cui interno erano posizionate le attrezzature della band che accompagnava Morandi. Tutto montato in giornata e smontato la sera alla fine dello show.


LA BAND

Il nome della band era IL MOTORE (idealmente il "motore" dell'autobus) e ne facevano parte sei giovani e promettenti musicisti diventati poi, nel corso degli anni ed ognuno nel proprio ambito, stimati e rispettati professionisti del settore musicale. I componenti della band erano:

  • ANDREA AMATI (Basso)
  • PAOLO AMATI (Cori, chitarre, tastiere)
  • EZIO ZACCAGNINI (Batteria)
  • ALESSANDRO GWIS (Pianoforte, tastiere)
  • TONY PUJIA (Chitarra)
  • BARBARA COLA (Vocalist)

Lo spettacolo era articolato in due tempi e si svolgeva tutto nella piazzetta ricostruita nella bellissima scenografia di Maurizia Narducci (vedi foto sopra). Morandi interpretava i vari brani seguendo un filo logico preciso e ben articolato dalla regia di Ombretta Colli, muovendosi insieme ai musicisti che interagivano con lui. Molto apprezzato era anche lo spazio che vedeva Barbara Cola (che poi nel Festival di Sanremo '95 interpretò con lui il brano IN AMORE) cantare ogni sera e con grande abilità BRAVA, il bellissimo ed insidioso pezzo di Mina. Il "tour dell'autobus" ebbe un incredibile successo di pubblico e segnò il ritorno dal vivo di Gianni Morandi in una dimensione prevalentemente teatrale, con una band vera e propria che suonava tutti i brani rigorosamente dal vivo.


DETTAGLI TECNICI

Questo documento riporta alcune immagini edite ed inedite, allo scopo di far conoscere lo spettacolo, anche nei dettagli più tecnici, a tutti coloro che non hanno avuto la possibilità di vedere dal vivo questo bellissimo tour.

Qui sopra vediamo una foto di Morandi con Andrea Amati sulla panchina, in scena.

Gli amanti dei dettagli tecnici noteranno dalla foto del palco in prima pagina che in scena non erano presenti i monitor, ovvero le casse acustiche che permettono ai musicisti di ascoltare ciò che suonano. I monitor infatti “sporcano” la scena teatrale. In realtà erano abilmente nascosti in punti strategici precisi (dietro la panchina, dietro l'edicola e dentro l'autobus stesso, vicino alle tastiere e alla batteria). Oggi si risolverebbe tutto con gli ear monitor, cuffie che si inseriscono direttamente nelle orecchie e permettono di ascoltare bene in qualsiasi punto del palco, ma allora da noi non erano ancora disponibili, quindi la difficoltà nel suonare e nello spostarsi durante i vari cambi di brano era notevole. Nonostante ciò, grazie alla bravura dei tecnici e dell'organico dei musicisti, l'audio era sempre perfetto. Non poche erano le persone che, uscendo dallo spettacolo sono state sentite dire “Era tutto così perfetto che sembrava in playback (registrato)”. In playback però non c'era nulla…

Postazione BATTERIA

Nella foto qui sotto vediamo esattamente quanto detto prima. Il batterista Ezio Zaccagnini in azione nella sua postazione collocata all'interno dell'autobus. Si nota bene il monitor di ascolto (freccia rossa in basso a destra)

Postazione CORI e TASTIERE

Nella foto qui sotto invece vediamo il dettaglio della postazione di Paolo Amati (Cori, tastiere e chitarre) all'interno dell'autobus. Si notano le due tastiere, il microfono e le varie percussioni. Il monitor per l'ascolto è davanti alla tastiera di destra (indicato dalla freccia rossa), il fronte verso il pubblico è quello della tastiera di sinistra.

Postazione PIANOFORTE e TASTIERE

Qui sotto invece vediamo una bella foto di Morandi con il pianista Alessandro Gwis mentre si mettono d'accordo su come eseguire un brano. Si notano le due tastiere posizionate all'interno dell'edicola che possiamo apprezzare meglio dalla successiva foto che mostra anche il dettaglio delle belle luci curate da Marcello Di Lauro, all'interno della postazione con suggestiva veduta delle poltrone del teatro.

POSIZIONAMENTO GENERALE

Qui sotto ancora una foto della scenografia mentre i tecnici provano alcuni effetti luce.

Le fiancate dell'autobus sono smontate e permettono di vedere bene le tre postazioni illustrate in precedenza più quella del basso (Andrea Amati) e della chitarra (Tony Pujia) le cui posizioni in scena erano poste subito dietro Morandi.

Grazie all'ausilio dei radiomicrofoni (che collegano gli strumenti via radio senza bisogno del cavo), bassista e chitarrista potevano muoversi liberamente sulla scena garantendo dinamica all'insieme.

Qui sotto un'altra foto che mostra la cura con cui era ricostruita l'edicola nel cui interno erano posizionate le tastiere di Alessandro Gwis. Da notare anche le pile di giornali che venivano utilizzate come seduta in alcuni momenti dello spettacolo (frecce rosse).

CURIOSITA'

Altra particolarità dello spettacolo MORANDI MORANDI era un forte coinvolgimento dei musicisti anche nella parte più strettamente coreografica dello show.

Gli strumentisti infatti erano sovente coinvolti in movimenti tipici dei musical anche se, naturalmente, i musicisti non sono ballerini e quindi spesso le coreografie risultavano abbastanza sgraziate (anche perché, appositamente, non si provavano mai), ma questa caratteristica era voluta ed accentuata, e tale da far divertire moltissimo il pubblico, coinvolgendolo ancora di più nella grande “festa” generale.

Questa foto di scena, qui sotto, ne è un classico e bellissimo esempio. Si noteranno Morandi e Barbara Cola che comunque cantano dal vivo (da notare i microfoni tenuti in mano) mentre intorno si snoda un movimento non proprio ben articolato e, in alto a destra, Ezio Zaccagnini che suona e sorride nell'osservare il tutto!

Qui sotto ancora una scena coreografica che vede Morandi in azione con Paolo Amati. In particolare qui era durante il brano BANANE E LAMPONE che, insieme al pezzo introduttivo MA TU CHI SEI, erano gli unici brani che andavano su base (i musicisti ballavano!), sia pur cantati dal vivo.

MORANDI ON BROADWAY

Dopo il clamore suscitato in Italia, il tour fu richiesto anche all'estero. Ne seguirono molte date in Europa, in Germania, Francia, Belgio e Lussemburgo ma anche e soprattutto un mini tour americano con importanti date a New York (Palace Theatre), Atlantic City e Toronto (Maple Leaf Garden), date che ebbero un riscontro di pubblico davvero incredibile e tale da essere più volte menzionato nei TG di allora.

Qui sotto vediamo la locandina affissa davanti al Palace Teathre di New York con i nomi dei musicisti e dei tecnici di palco, audio e luci.

Sotto una foto di gruppo davanti al teatro, da sinistra Vittorio De Amicis (audio), Marcello Di Lauro (luci), Andrea Amati, Tony Pujia, Paolo Amati, Alessandro Gwis, Ezio Zaccagnini, Stevan Martinovic (audio) e Barbara Cola.

Il tour si concluse nel maggio 1994 con una straordinaria serata al teatro Regio di Parma, per l'occasione era presente anche una troupe di Radio RAI che mandò in diretta l'intero concerto.