Master class di Fisarmonica
con Massimiliano Pitocco

 


Oltre a lezioni individuali, si terranno lezioni di gruppo riguardanti l’impostazione dello strumento e il corretto utilizzo del mantice per ottenere una costante pressione del suono e mettere in risalto parti melodiche importanti dei brani.

 

Nelle lezioni di gruppo si affronteranno anche tutte le tecniche di agitazione del mantice, essenziali per la musica contemporanea.

 

 

Il corso è aperto a tutti i tipi di fisarmonica, sia tradizionale che classica, ed a studenti di ogni livello.





Quota di iscrizione: 100,00 euro      Quota di frequenza: 100,00 euro

Uditore/giorno:          15,00 euro       Uditore/corso:            30,00 euro


Possibilità di soggiorno in convenzione


Profilo del Maestro Massimiliano Pitocco

Ha iniziato lo studio del bayan a 7 anni, con Alessandro Di Zio, proseguendo poi a Parigi con Max Bonnay. Diplomato presso svariate istituzioni musicali: in bayan al Conservatoire national supérieur de musique (1992) e al Conservatoire de la Ville de Paris (1993), con lode in organo al conservatorio di Pescara (1992), e con lode in fisarmonica al conservatorio di Bari (1994), dove ha anche studiato fuga e composizione con Edgar Alandia. Si è poi perfezionato in bayan con Friedrich Lips, Vladimir Zubitsky, Jacques Mornet e Mogens Ellegaard, e in organo con Ton Kopman, Daniel Roth e Lionel Rogg, inclusi due anni con Michael Radulescu. a Cremona.

Ha vinto numerose competizioni, tra cui il Premio Internazionale di Fisarmonica di Castelfidardo (primo premio nel 1986 e nel 1988), il Concorso internazionale Coupe du Monde, in Svizzera (secondo premio nel 1989) e il concorso regionale dell'Ile-de-France (primo premio con medaglia d’oro nel 1993).

Ha studiato profondamente la musica barocca, ed è oggi considerato uno dei più importanti esecutori e filologi del mondo per il repertorio di J.S. Bach eseguito con il bayan.

Si è esibito in molti prestigiosi teatri e sale da concerto in Italia e nel mondo, fra cui il Parco della Musica di Roma, il Concertgebouw di Amsterdam, la Konzerthaus di Berlino e la Tonhalle di Zurigo.  

Da anni  suona anche il  bandoneón. Si è dedicato molto al  tango, in  particolare alla musica di A.Piazzolla: nel 1998  ha fondato il quartetto  "Four for Tango",  nel 2000 il TrisTango e nel 2006 il sestetto “Viento de Tango”. Nel 2002 ha diretto ed eseguito in Svizzera l'opera "Maria de Buenos Aires" di Astor Piazzolla e Horacio Ferrer, riscuotendo un notevole successo di pubblico e di critica.

Ha collaborato  e collabora con  grandi musicisti e attori quali Milva, Luis Bacalov,  Ennio Morricone, Ivan Fedele, Sylvano Bussotti, Gidon Kremer, Nicola Piovani, Vinicio Capossela e Michele Placido. Ha registrato numerose colonne sonore per film di cinema e televisione e inciso diversi CD per le case discografiche Wergo, Dynamic, Sculture d' Aria, Riovoalto-Ducale, Wide, Azzurra e MAP.  

E’ titolare della cattedra di bayan al  Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma. Oltre a conferenze e seminari, ha tenuto master class presso note istituzioni quali la Royal Academy di Londra, l’Accademia di Riga, l’Università di Linz e i conservatori di Pechino e Tianjin.

E’ spesso membro o presidente di giuria in alcune note competizioni internazionali di fisarmonica, quali il Premio di Castelfidardo e quello di Klingenthal.

Svariati suoi studenti (fra cui Dario Flammini, Saria Convertino, Adriano Ranieri, Angelo Miele, Cesare Chiacchiaretta, Samuele Telari e Pietro Roffi) hanno vinto alcuni dei più importanti concorsi internazionali, svolgono un’intensa attività concertistica e/o insegnano in conservatori di musica.