Italian‎ > ‎Ultime notizie‎ > ‎

Garantire l'utilità del servizio di hosting gratuito ai tuoi utenti

posted Sep 4, 2012, 3:47 AM by Giacomo Gnecchi   [ updated Sep 4, 2012, 3:48 AM ]

Livello webmaster: avanzato

I servizi di web hosting gratuito possono essere straordinari. Molti di questi servizi hanno contribuito alla riduzione dei costi e delle barriere tecniche per i webmaster e continuano a consentire ai webmaster principianti di iniziare la loro avventura su Internet. Purtroppo a volte questa riduzione delle barriere (il cui scopo è incoraggiare il pubblico meno esperto) può attirare personaggi sospetti come gli spammer, che cercano metodi facili ed economici per configurare decine o centinaia di siti che aggiungono poco o nessun valore al Web. Nel caso dei siti generati automaticamente, la nostra posizione è sempre la stessa: se i siti non conferiscono valore sufficiente, in genere li consideriamo spam e adottiamo gli opportuni provvedimenti per tutelare i nostri utenti dall'esposizione a tali siti nei nostri risultati di ricerca naturali.


Consideriamo spam i siti generati automaticamente, come questo.


Se un servizio di hosting gratuito inizia ad avere pattern di spam, facciamo del nostro meglio per essere precisi e intervenire soltanto sulle pagine o sui siti contenenti spam. In alcuni casi, però, quando gli spammer assumono praticamente il controllo dell'intero servizio di web hosting o di gran parte del servizio, potremmo essere obbligati ad adottare misure più drastiche per proteggere i nostri utenti, ad esempio rimuovendo l'intero servizio di web hosting gratuito dai risultati di ricerca. Per evitare che ciò accada, vorremmo aiutare i proprietari di servizi di web hosting gratuiti fornendo loro informazioni che riteniamo possano aiutarli a risparmiare risorse preziose come larghezza di banda e potenza di elaborazione, nonché a proteggere il loro servizio di hosting da questi spammer:
  • Pubblicate chiare norme sui comportamenti illeciti per gli utenti, ad esempio durante la procedura di registrazione. Questa fase farà capire meglio che cosa viene considerata un'attività di spam.

  • Nel modulo di registrazione potreste utilizzare CAPTCHA o strumenti di verifica simili per consentire soltanto la registrazione delle persone e impedire agli script automatici di generare un gruppo di siti sul vostro servizio di hosting. Questi metodi non sono infallibili, ma possono contribuire a tenere fuori molti malintenzionati.

  • Provate a monitorare il vostro servizio di hosting gratuito per rilevare altri segnali di spam quali reindirizzamenti, quantità elevate di blocchi di annunci, determinate parole chiave di spam, grandi sezioni di codice JavaScript con sequenze di escape e così via. L'utilizzo della query con l'operatore site: o di Google Alert potrebbe risultare utile se desiderate una soluzione semplice ed economica.

  • Conservate un record delle registrazioni e tentate di identificare tipici pattern di spam come ora/data di completamento del modulo, numero di richieste inviate dagli stessi indirizzi IP, user-agent utilizzati durante la registrazione, nomi utente, altri valori del modulo scelti durante la registrazione e così via. Anche questa soluzione potrebbe non essere sempre infallibile.

  • Tenete d'occhio i file di log del server web per rilevare improvvisi picchi di traffico, in particolare se riguardano un sito appena creato, e tentate di identificare il motivo per cui consumate più larghezza di banda e potenza di elaborazione.

  • Provate a monitorare il vostro servizio di web hosting gratuito per individuare eventuali pagine di phishing e infettate da malware. Ad esempio, potete utilizzare l'API Navigazione sicura di Google per testare regolarmente gli URL del vostro servizio, oppure registrarvi per ricevere avvisi relativi al vostro AS.

  • Escogitate alcune verifiche del buono stato del servizio. Ad esempio, se gestite un servizio di web hosting gratuito polacco, quante probabilità ci sono che durante la notte vengano create migliaia di nuovi siti legittimi in giapponese sul vostro servizio? Esiste una serie di strumenti che potrebbe esservi utile per il rilevamento della lingua di nuovi siti, ad esempio le librerie di rilevamento della lingua o la versione 2 dell'API di Google Translate.


Ultimo, ma non meno importante, se gestite un servizio di web hosting gratuito, assicuratevi di monitorare i servizi per rilevare improvvisi picchi di attività che potrebbero indicare che è in corso un attacco da parte di spammer.

Per ulteriori suggerimenti sulla gestione di un servizio di hosting di qualità, date un'occhiata al nostro post precedente. Infine, assicuratevi di registrarvi e di verificare il vostro sito in Strumenti per i Webmaster di Google per consentirci di avvisarvi qualora fosse necessario o rilevassimo problemi.


Scritto da Fili Wiese (AdTraffic Quality) & Kaspar Szymanski (Search Quality)


Comments