Italian‎ > ‎Ultime notizie‎ > ‎

Un altro passo per premiare i siti di alta qualità

posted Apr 25, 2012, 1:18 AM by Giacomo Gnecchi   [ updated Apr 25, 2012, 1:22 AM ]

Google ha chiarito da tempo che l'ottimizzazione per i motori di ricerca o SEO può essere positiva e costruttiva e non siamo gli unici a pensarlo. Un'efficace ottimizzazione per i motori di ricerca può rendere un sito più compatibile con la scansione e rendere le singole pagine più accessibili e più facili da trovare. L'ottimizzazione per i motori di ricerca può includere anche l'ottimizzazione della ricerca per parole chiave al fine di assicurarsi che la pagina contenga le parole giuste, non solo gergo del settore che gli utenti comuni non digiterebbero mai.

Gli specialisti “white hat” dell’ottimizzazione dei motori di ricerca spesso migliorano l'usabilità di un sito, contribuiscono a creare ottimi contenuti o rendono i siti più veloci, il che è positivo sia per gli utenti sia per i motori di ricerca. Una valida ottimizzazione per i motori di ricerca può includere anche una valida strategia di marketing: l'individuazione di modi creativi per rendere un sito più interessante può essere d'aiuto con i motori di ricerca nonché con i social media. Il risultato finale della creazione di un sito valido è una maggiore notorietà di tale sito sul Web, la quale può tradursi in un maggior numero di persone che linkano al sito o che lo visitano.

Il contrario dell'ottimizzazione SEO “white hat” è il cosiddetto “webspam” (per distinguerlo dallo spam via email). Nel tentativo di ottenere ranking più elevati o un traffico maggiore, alcuni siti scelgono delle tecniche che non vanno a vantaggio degli utenti, con l'intento di cercare scorciatoie o scappatoie che permettano alle pagine di ottenere un ranking più elevato rispetto a quello che meritano. Ogni giorno assistiamo a tecniche di webspam di ogni tipo, dall'uso di parole chiave in eccesso agli schemi di link che tentano di spingere i siti in posizionamenti più elevati.

L'obiettivo di molte modifiche che apportiamo al nostro algoritmo di posizionamento è quello di aiutare gli utenti a trovare siti che offrano una valida esperienza utente e a soddisfare le loro esigenze di reperimento delle informazioni. Vogliamo anche ricompensare i “buoni”, ovvero coloro che creano siti fantastici per gli utenti e non solo per gli algoritmi. A tale scopo abbiamo implementato le modifiche Panda che hanno restituito siti di alta qualità nei risultati di ricerca. Inoltre, all'inizio di quest'anno abbiamo implementato un perfezionamento dell’algoritmo relativo alla struttura delle pagine che riduce il ranking dei siti che non rendono disponibili molti contenuti “above the fold”.

Nei prossimi giorni implementeremo una modifica algoritmica importante destinata al webspam. La modifica diminuirà il posizionamento di siti che si trovano in violazione delle nostre norme sulla qualità. Questo algoritmo rappresenta un altro passo nel contesto dei nostri sforzi continui per ridurre il webspam e promuovere contenuti di alta qualità. Benché non possiamo divulgare informazioni specifiche perché non vogliamo offrire a qualche malintenzionato un modo per alterare i nostri risultati di ricerca e peggiorare l'esperienza utente, il nostro consiglio ai webmaster è quello di concentrarsi sulla creazione di siti di alta qualità che offrano una valida esperienza utente e di impiegare metodi SEO white hat invece di adottare tecniche di webspam aggressive.

Per essere chiari, stiamo parlando di webspam. Di seguito riportiamo un esempio che illustra l'uso di parole chiave in eccesso tratto da un sito che sarà interessato da questa modifica:



Naturalmente la maggior parte dei siti interessati da questa modifica non fa un uso così spropositato di parole chiave o usa tecniche così evidenti. Di seguito riportiamo un altro esempio di un sito che partecipa a schemi di link insoliti, che sarà a sua volta interessato da questa modifica. È interessante notare che tentando di leggere il testo ad alta voce, si scopre che i link in uscita sono completamente estranei ai contenuti reali e in effetti il testo della pagina è stato “sviluppato” in modo incomprensibile:

link-spam


I siti interessati da questa modifica potrebbero non essere facilmente riconoscibili come siti che fanno utilizzo di tecniche spam senza un'analisi approfondita o una certa esperienza, ma il filo comune è che questi siti superano i confini di ciò che è lecito nell'ottimizzazione SEO “white hat”; crediamo infatti che stiano partecipando a pratiche di webspam al fine di manipolare il posizionamento nei risultati di ricerca.

La modifica verrà implementata contemporaneamente per tutte le lingue. Tanto per avere un po' di contesto, la prima modifica Panda ha interessato in modo significativo circa il 12% delle query; questo algoritmo interessa il 3,1% circa delle query in lingua inglese a un livello che potrebbe essere percepibile da un normale utente. La modifica riguarda il 3% circa delle query in lingue come il tedesco, il cinese e l'arabo, ma l'impatto è più elevato per lingue più colpite dallo spam. Ad esempio, il 5% delle query in polacco cambia a un livello che potrebbe essere percepibile da un normale utente.

Vogliamo che gli utenti che adottano un approccio “white hat” all'ottimizzazione per i motori di ricerca (o persino nessun’ottimizzazione) siano liberi di concentrarsi sulla creazione di siti web sorprendenti e coinvolgenti. Come sempre terremo le orecchie aperte in caso di feedback su possibili modi per iterare e migliorare i nostri algoritmi di ranking al fine di conseguire tale obiettivo.

Matt Cutts, Distinguished Engineer


Comments