Italian‎ > ‎Ultime notizie‎ > ‎

Link innaturali in Italia e richieste di riconsiderazione

posted Mar 10, 2014, 9:12 AM by Giacomo Gnecchi Ruscone   [ updated Mar 10, 2014, 9:13 AM ]

In passato e più recentemente, siamo intervenuti su siti ed interi network italiani, che in modo aggressivo e deliberatamente violavano le nostre linee guida . Vogliamo utilizzare quest’ occasione per ricordare come questi schemi di link non organici e con l'obiettivo di manipolare i risultati di ricerca non sono in linea con le nostre istruzioni per i webmaster. Continueremo a prendere le misure necessarie nei casi di linking artificiale.


Questo post ha lo scopo di chiarire e fare il punto della situazione sulle tipologie di link considerati da Google come dannosi per la reputazione ed il posizionamento del tuo sito, così come ricordare che cosa fare una volta ricevuta un’azione manuale.


Che tipi di link sono considerati come nocivi da Google?


  • Link che puntano al tuo sito


La nostra posizione sui link che puntano al tuo sito non è cambiata: partecipare a schemi di link e principalmente all'acquisto di link che passano PageRank al fine di influenzare i risultati dei motori di ricerca è ancora contro le nostre linee guida . Abbiamo recentemente pubblicato un video su come definiamo i nostri criteri per link a pagamento per aiutarvi a capire meglio queste linee guida.


Nel contesto italiano, il linking a pagamento avviene storicamente attraverso iniziative di article marketing e guest blogging.


Per illustrare il tipo di linking a pagamento che abbiamo osservato nel mercato, abbiamo creato un esempio fittizio qui sotto. In questo esempio, abbiamo evidenziato i link con testo altamente ottimizzato, da considerare aperti al PageRank a scopo esemplificativo.


Screen Shot 2014-03-05 at 2.33.52 PM.png

Un esempio fittizio di link comprati in un articolo di un blog.


Abbiamo già comunicato il nostro pensiero sulle strategie di article marketing e link building in passato. Link provenienti da questo tipo di articoli e da link directory sono spesso considerati come non organici. Abbiamo fornito maggiori dettagli in questo video.


Matt Cutts, un ingegnere di Google, ha affrontato la natura e l’utilizzo del guest blogging in un recente post sul proprio blog “Il declino e la caduta del guest blogging SEO” (in Inglese). In questo articolo Matt descrive come l’attività di guest blogging abbia subìto un’evoluzione negli ultimi anni da attività di tutto rispetto ad uno sforzo piuttosto chiaro diretto all’acquisto di link per acquisire PageRank - aprendo la porta alla creazione di contenuti di bassa qualità.



  • Link dal tuo sito diretti ad altri siti


Vorremmo ricordare che per quanto riguarda i link in uscita dal tuo sito o blog, tecniche come la vendita di link per influenzare il PageRank sono sempre in violazione delle nostre linee guida.


Non è difficile trovare blog italiani che ospitano link altamente ottimizzati a siti terzi, sia attraverso articoli ospitati (guest blogging) che tramite l'uso di widget contenenti tali link. Siamo consapevoli che questi articoli o widget potrebbero essere ospitati senza cattive intenzioni da parte del proprietario del sito. Nonostante ciò, questi link creati per il solo scopo manipolare il posizionamento di un sito, ottenuti attraverso un widget scaricabile o un frammento di codice incorporabile, non rispettano le nostre istruzioni per i webmaster.


Abbiamo creato il seguente widget fittizio per illustrare il concetto. Si tratta di un tipico modello di widget che troviamo spesso su blog assolutamente legittimi. A scopo esemplificativo, i link passano PageRank all’interno del widget e non sono in conformità delle nostre istruzioni per i webmaster.



Screen Shot 2014-03-05 at 2.35.42 PM.png

Un esempio fittizio di vendita di link all’interno di un widget.



Ricordiamo quindi di leggere attentamente le nostre istruzioni per i webmaster e se necessario avviare una revisione del proprio profilo di linking del proprio sito in modo da assicurarsi che sia conforme alle nostri linee guida. Se credi che alcuni di questi link sono sospetti, consigliamo di rimuoverli o chiederne la rimozione da parte della propria web agency.


Se ritieni che un sito web utilizza tecniche non conformi alle nostre istruzioni per i webmaster oppure un webmaster o un’agenzia ti ha offerto uno scambio o una compravendita di link, inviaci una segnalazione spam per aiutarci ad aumentare la qualità dei risultati di ricerca .


Cosa devo fare se ho ricevuto un intervento manuale sul mio sito ?



Nonostante Google si basa su algoritmi per valutare e migliorare costantemente la qualità della ricerca, siamo anche disposti a prendere azioni manuali su siti che utilizzano tecniche di spam, applicando per esempio una retrocessione in SERP oppure una completa rimozione dai nostri risultati di ricerca del tutto.


Se il tuo sito è stato interessato da un'azione manuale, troverai maggiori informazioni a riguardo nel tuo account Strumenti per i Webmaster di Google, nella sezione Traffico di ricerca → Azioni manuali. Una volta risolto il problema, sarai in grado di inviare una richiesta di riconsiderazione. E' molto importante assicurarsi di aver risolto il comportamento descritto nella sezione Azioni manuali prima di presentare una richiesta di riconsiderazione.


In caso di link che puntano al tuo sito, questo significherebbe contattare i webmaster e chiedere loro di rimuovere i collegamenti problematici dai loro siti . Come ultima risorsa, se tali link non possono essere rimossi, è possibile utilizzare lo strumento per il Rifiuto dei link. Abbiamo fornito alcune indicazioni supplementari sull’uso dello strumento nel 2012 e anche un elenco di domande frequenti.


Nel caso in cui ci siano link a pagamento che puntano dal tuo sito ad un sito di terzi oppure annunci di testo che passano PageRank, accertati che tali link vengano rimossi oppure utilizza un rel="nofollow".


Per qualsiasi commento o domanda, ti invitiamo al nostro forum di support dei webmaster italiani oppure a partecipare all’interno della nostra comunità dei webmaster italiani su Google+.



Scritto da Giacomo Gnecchi, Google Search Quality


Comments