Italian‎ > ‎

Ultime notizie


Link innaturali in Italia e richieste di riconsiderazione

posted Mar 10, 2014, 9:12 AM by Giacomo Gnecchi Ruscone   [ updated Mar 10, 2014, 9:13 AM ]


In passato e più recentemente, siamo intervenuti su siti ed interi network italiani, che in modo aggressivo e deliberatamente violavano le nostre linee guida . Vogliamo utilizzare quest’ occasione per ricordare come questi schemi di link non organici e con l'obiettivo di manipolare i risultati di ricerca non sono in linea con le nostre istruzioni per i webmaster. Continueremo a prendere le misure necessarie nei casi di linking artificiale.


Questo post ha lo scopo di chiarire e fare il punto della situazione sulle tipologie di link considerati da Google come dannosi per la reputazione ed il posizionamento del tuo sito, così come ricordare che cosa fare una volta ricevuta un’azione manuale.


Che tipi di link sono considerati come nocivi da Google?


  • Link che puntano al tuo sito


La nostra posizione sui link che puntano al tuo sito non è cambiata: partecipare a schemi di link e principalmente all'acquisto di link che passano PageRank al fine di influenzare i risultati dei motori di ricerca è ancora contro le nostre linee guida . Abbiamo recentemente pubblicato un video su come definiamo i nostri criteri per link a pagamento per aiutarvi a capire meglio queste linee guida.


Nel contesto italiano, il linking a pagamento avviene storicamente attraverso iniziative di article marketing e guest blogging.


Per illustrare il tipo di linking a pagamento che abbiamo osservato nel mercato, abbiamo creato un esempio fittizio qui sotto. In questo esempio, abbiamo evidenziato i link con testo altamente ottimizzato, da considerare aperti al PageRank a scopo esemplificativo.


Screen Shot 2014-03-05 at 2.33.52 PM.png

Un esempio fittizio di link comprati in un articolo di un blog.


Abbiamo già comunicato il nostro pensiero sulle strategie di article marketing e link building in passato. Link provenienti da questo tipo di articoli e da link directory sono spesso considerati come non organici. Abbiamo fornito maggiori dettagli in questo video.


Matt Cutts, un ingegnere di Google, ha affrontato la natura e l’utilizzo del guest blogging in un recente post sul proprio blog “Il declino e la caduta del guest blogging SEO” (in Inglese). In questo articolo Matt descrive come l’attività di guest blogging abbia subìto un’evoluzione negli ultimi anni da attività di tutto rispetto ad uno sforzo piuttosto chiaro diretto all’acquisto di link per acquisire PageRank - aprendo la porta alla creazione di contenuti di bassa qualità.



  • Link dal tuo sito diretti ad altri siti


Vorremmo ricordare che per quanto riguarda i link in uscita dal tuo sito o blog, tecniche come la vendita di link per influenzare il PageRank sono sempre in violazione delle nostre linee guida.


Non è difficile trovare blog italiani che ospitano link altamente ottimizzati a siti terzi, sia attraverso articoli ospitati (guest blogging) che tramite l'uso di widget contenenti tali link. Siamo consapevoli che questi articoli o widget potrebbero essere ospitati senza cattive intenzioni da parte del proprietario del sito. Nonostante ciò, questi link creati per il solo scopo manipolare il posizionamento di un sito, ottenuti attraverso un widget scaricabile o un frammento di codice incorporabile, non rispettano le nostre istruzioni per i webmaster.


Abbiamo creato il seguente widget fittizio per illustrare il concetto. Si tratta di un tipico modello di widget che troviamo spesso su blog assolutamente legittimi. A scopo esemplificativo, i link passano PageRank all’interno del widget e non sono in conformità delle nostre istruzioni per i webmaster.



Screen Shot 2014-03-05 at 2.35.42 PM.png

Un esempio fittizio di vendita di link all’interno di un widget.



Ricordiamo quindi di leggere attentamente le nostre istruzioni per i webmaster e se necessario avviare una revisione del proprio profilo di linking del proprio sito in modo da assicurarsi che sia conforme alle nostri linee guida. Se credi che alcuni di questi link sono sospetti, consigliamo di rimuoverli o chiederne la rimozione da parte della propria web agency.


Se ritieni che un sito web utilizza tecniche non conformi alle nostre istruzioni per i webmaster oppure un webmaster o un’agenzia ti ha offerto uno scambio o una compravendita di link, inviaci una segnalazione spam per aiutarci ad aumentare la qualità dei risultati di ricerca .


Cosa devo fare se ho ricevuto un intervento manuale sul mio sito ?



Nonostante Google si basa su algoritmi per valutare e migliorare costantemente la qualità della ricerca, siamo anche disposti a prendere azioni manuali su siti che utilizzano tecniche di spam, applicando per esempio una retrocessione in SERP oppure una completa rimozione dai nostri risultati di ricerca del tutto.


Se il tuo sito è stato interessato da un'azione manuale, troverai maggiori informazioni a riguardo nel tuo account Strumenti per i Webmaster di Google, nella sezione Traffico di ricerca → Azioni manuali. Una volta risolto il problema, sarai in grado di inviare una richiesta di riconsiderazione. E' molto importante assicurarsi di aver risolto il comportamento descritto nella sezione Azioni manuali prima di presentare una richiesta di riconsiderazione.


In caso di link che puntano al tuo sito, questo significherebbe contattare i webmaster e chiedere loro di rimuovere i collegamenti problematici dai loro siti . Come ultima risorsa, se tali link non possono essere rimossi, è possibile utilizzare lo strumento per il Rifiuto dei link. Abbiamo fornito alcune indicazioni supplementari sull’uso dello strumento nel 2012 e anche un elenco di domande frequenti.


Nel caso in cui ci siano link a pagamento che puntano dal tuo sito ad un sito di terzi oppure annunci di testo che passano PageRank, accertati che tali link vengano rimossi oppure utilizza un rel="nofollow".


Per qualsiasi commento o domanda, ti invitiamo al nostro forum di support dei webmaster italiani oppure a partecipare all’interno della nostra comunità dei webmaster italiani su Google+.



Scritto da Giacomo Gnecchi, Google Search Quality


Domande frequenti (FAQ) avanzate relative a rel="author"

posted Aug 21, 2013, 6:38 AM by Giacomo Gnecchi   [ updated Aug 21, 2013, 10:33 AM ]

Livello webmaster: intermedio/avanzato



L'utilizzo dell'attribuzione dei contenuti consente agli utenti di trovare ottime informazioni mettendo in evidenza contenuti di autori che potrebbero ritenere interessanti. Se siete autori, la registrazione all'attribuzione dei contenuti consente agli utenti di riconoscere i contenuti scritti da voi. Inoltre, gli utenti possono fare clic sulla riga con il nome dell'autore per visualizzare altri articoli scritti da voi o per seguirvi su Google+. È così facile. Ad eccezione di alcune domande avanzate a cui vorremmo aiutare a rispondere... :)




Attribuzione dei contenuti nei risultati di ricerca di uno dei miei autori preferiti, John Mueller




Se si fa clic sulla riga con il nome dell'autore nei risultati di ricerca possono essere visualizzati altri articoli e un profilo Google+



Domande recenti sull'attribuzione dei contenuti


1. Per quali tipi di pagine è possibile utilizzare l'attribuzione dei contenuti?


Ottima domanda. Potete aumentare le probabilità di visualizzazione dell'attribuzione dei contenuti per il vostro sito semplicemente utilizzando il markup per l'attribuzione dei contenuti per le pagine che soddisfano i seguenti criteri:


1. L'URL/la pagina contiene un unico articolo (o versioni successive dell'articolo) o un unico contenuto dello stesso autore. Ciò significa che la pagina non contiene un elenco di articoli o non è un feed che si aggiorna. Se l'autore degli articoli della pagina cambia spesso (prendiamo come esempio la homepage di un quotidiano), l'annotazione non è più utile per gli utenti ed è meno probabile che venga visualizzata.

2. L'URL/la pagina ha principalmente contenuti scritti dall'autore.

3. Visualizzazione di una riga con il nome dell'autore nella pagina, in cui sia indicato l'autore che ha scritto l'articolo e venga utilizzato lo stesso nome utilizzato nel profilo Google+ dell'autore.


2. Posso indicare la mascotte di un'azienda come autore e avere l'annotazione con l'attribuzione dei contenuti nei risultati di ricerca? Per la mia attività di disinfestazione vorrei indicare come autore "Pifferaio magico".


Siete liberi di scrivere gli articoli come preferite: i vostri utenti potrebbero gradire molto l'idea del Pifferaio magico. Tuttavia, per l'annotazione con l'attribuzione dei contenuti nei risultati di ricerca Google preferisce indicare una persona come autore dei contenuti. In questo modo l'annotazione con l'attribuzione dei contenuti fa capire meglio che un risultato di ricerca rappresenta il punto di vista di una persona e consente di accrescere la credibilità agli occhi degli utenti che eseguono ricerche.

Poiché al momento desideriamo indicare persone, collegate il markup per l'attribuzione dei contenuti al profilo di una persona anziché alla Pagina Google+ di un'azienda.


3. Se utilizzo l'attribuzione dei contenuti per articoli disponibili in diverse lingue, come esempio.com/en/articolo1.html per l'inglese ed esempio.com/fr/articolo1.html per la traduzione francese, devo rimandare a due profili author/Google+ diversi scritti in ogni lingua?


In questo caso entrambi gli articoli

esempio.com/en/articolo1.html

ed

esempio.com/fr/articolo1.html

devono rimandare allo stesso profilo Google+ nella lingua scelta dall'autore.


4. È possibile aggiungere due autori per un articolo?


Nell'attuale interfaccia utente per la ricerca supportiamo un solo autore per articolo, post di blog e così via. Stiamo ancora cercando di trovare il risultato ottimale per gli utenti qualora vengano specificati più autori.


5.  Come faccio a impedire a Google di visualizzare l'attribuzione dei contenuti?


Il modo più veloce per impedire la visualizzazione dell'annotazione con l'attribuzione dei contenuti consiste nel rendere il profilo Google+ dell'autore non rilevabile nei risultati di ricerca. In alternativa, per tenere comunque il profilo nei risultati di ricerca è possibile rimuovere i link del profilo o del collaboratore che rimandano al sito web, oppure rimuovere il markup in modo che non rimandi più al profilo.


6.  Qual è la differenza tra rel=author e rel=publisher?


rel=publisher consente a un'azienda di creare un'identità condivisa collegando il sito web dell'azienda (spesso dalla home page) alla Pagina Google+ dell'azienda. rel=author consente alle persone (agli autori) di associare al loro profilo Google+ i loro singoli articoli visualizzati in corrispondenza di un URL o su un sito webrel=author e rel=publisher sono entrambi relazioni di collegamento, ma in realtà sono completamente separati. 

 

7. Posso utilizzare l'attribuzione dei contenuti per le schede di proprietà immobiliari o le pagine di prodotti del mio sito dato che uno dei miei dipendenti ha personalizzato la descrizione?


L'annotazione con l'attribuzione dei contenuti è utile per gli utenti perché indica che una pagina comunica il punto di vista o l'analisi di un argomento di una persona reale. Le schede di proprietà immobiliari e le pagine di prodotti non riguardano specificatamente punti di vista e/o analisi, pertanto invitiamo a non utilizzare l'attribuzione dei contenuti in questi casi. Tuttavia, per un articolo relativo a prodotti in cui vengono forniti commenti utili, come "Fotocamera X e Fotocamera Y a confronto: resa dei conti nel deserto dell'Arizona" è possibile utilizzare l'attribuzione dei contenuti.


Per eventuali altre domande, non dimenticate di cercare (e magari pubblicare la domanda se non la trovate) nel Forum per i webmaster.


Scritto da Maile Ohye, Developer Programs Tech Lead

Visualizzazione delle azioni manuali antispam in Strumenti per i Webmaster

posted Aug 8, 2013, 12:05 PM by Giacomo Gnecchi   [ updated Aug 8, 2013, 12:05 PM ]

Livello webmaster: tutti



Ci adoperiamo per tenere lontano lo spam dai risultati di ricerca dei nostri utenti. Ciò include sia il miglioramento dei nostri algoritmi di rilevamento dello spam sia azioni manuali in caso di violazioni delle nostre norme sulla qualità. Molti webmaster vogliono scoprire se i loro siti sono soggetti a un'azione manuale antispam, così oggi presentiamo una nuova funzione che dovrebbe aiutarli. Il visualizzatore azioni manuali in Strumenti per i Webmaster mostra informazioni sulle azioni intraprese dal team responsabile delle azioni manuali antispam che incidono direttamente sul posizionamento di un sito nei risultati di ricerca di Google. Per provarlo, visitate Strumenti per i Webmaster e fate clic sul link "Azioni manuali" sotto "Traffico di ricerca".


È probabile che venga visualizzato il messaggio "Nessun intervento manuale antispam trovato". Una recente analisi del nostro indice ha mostrato che molto meno del 2% dei domini che abbiamo esaminato viene rimosso manualmente per presenza di spam. Se viene visualizzato questo messaggio, significa che il vostro sito non è soggetto a una rimozione manuale o a una retrocessione diretta per presenza di spam.


Se il vostro sito è incluso nel piccolissimo gruppo di siti soggetti a un'azione manuale antispam, è possibile che abbiate già ricevuto una nostra notifica in Strumenti per i Webmaster. Continueremo a inviare queste notifiche, ma ora potete anche controllare in tempo reale tramite i nostri sistemi antispam interni. Ecco ciò che apparirebbe se Google avesse intrapreso un'azione manuale su una sezione specifica di un sito per presenza di "spam generato dagli utenti":


visualizzazione delle azioni manuali antispam


In questo esempio ipotetico, non esiste una corrispondenza a livello di sito ma una "corrispondenza parziale". Una corrispondenza parziale indica che l'azione si applica solo a una sezione specifica di un sito. In questo caso, il webmaster ha un problema con altre persone che lasciano spam su mattcutts.com/forum/. Risolvendo questo problema comune, il webmaster può non solo contribuire a ripristinare i posizionamenti del suo forum su Google, ma anche migliorare l'esperienza per i suoi utenti. Facendo clic sul link "Ulteriori informazioni" sarà possibile accedere a nuove risorse per la risoluzione dei problemi.


Dopo aver corretto eventuali violazioni delle norme sulla qualità di Google, il prossimo passo consiste nel chiedere una riconsiderazione. Con questa nuova funzione, troverete una procedura di richiesta di riconsiderazione più semplice e veloce. Ora, quando visitate la pagina di richiesta di riconsiderazione, potrete controllare se il vostro sito è soggetto ad azioni manuali e poi richiedere la riconsiderazione solo se c'è un'azione manuale applicata al vostro sito. Se avete un problema da risolvere relativo allo spam, potete farlo direttamente dalla pagina Azioni manuali facendo clic su "Richiedi un controllo".


Il visualizzatore azioni manuali è stato concepito in seguito alle numerose richieste riguardanti una funzione simile. Speriamo che rassicuri la stragrande maggioranza dei webmaster sul fatto che non hanno nulla di cui preoccuparsi. Per il numero limitato di persone che hanno problemi reali da risolvere relativi allo spam, ci auguriamo che queste nuove informazioni contribuiscano a velocizzare la risoluzione dei problemi. In caso di domande, venite a trovarci nel Forum di assistenza per i webmaster o partecipate ai nostri hangout.


Scritto da Matt Cutts, Distinguished Engineer

Verifica dei siti in Strumenti per i Webmaster utilizzando Google Tag Manager

posted Jun 17, 2013, 2:48 AM by Giacomo Gnecchi   [ updated Jun 17, 2013, 2:53 AM ]


Livello webmaster: tutti


Se utilizzate Google Tag Manager per aggiungere e aggiornare i tag dei vostri siti, ora potete verificare la proprietà del vostro sito in Strumenti per i Webmaster in modo facile e veloce utilizzando il codice dello snippet contenitore.


A tale scopo, procedete nel seguente modo:


1. Nella home page di Strumenti per i Webmaster, fate clic sull'opzione Gestisci sito relativa al sito che desiderate verificare, quindi selezionate Verifica questo sito. Se non avete ancora aggiunto il sito potete fare clic sul pulsante Aggiungi un sito nell'angolo in alto a destra.

Potete farlo soltanto se avete le autorizzazioni a livello di account "Visualizzazione, modifica e gestione" in Google Tag Manager.


2. Nella pagina Verifica selezionate il metodo di verifica Google Tag Manager e svolgete la procedura visualizzata sullo schermo.


3. Fate clic su Verifica.


Fatto.


Per eventuali domande su questo metodo di verifica, visitate il Forum di assistenza per i webmaster


Scritto da Mariya Moeva, Webmaster Trends Analyst

Guida introduttiva ai dati strutturati

posted May 30, 2013, 7:01 AM by Giacomo Gnecchi   [ updated May 30, 2013, 7:02 AM ]


Livello webmaster: tutti

Se Google comprende i contenuti dei siti web in modo strutturato, può presentarli in modo più preciso e accattivante ai suoi utenti. Ad esempio, i nostri algoritmi possono migliorare i risultati di ricerca relativi al vostro sito aggiungendo "rich snippet" se capiamo che una pagina riguarda la scheda di un prodotto, una ricetta, una recensione, un evento o altri elementi simili. Possiamo inoltre visualizzare i vostri dati nei riquadri del Knowledge Graph o nelle schede Google Now per contribuire a far conoscere i vostri contenuti.

Oggi siamo entusiasti di annunciare due funzioni che consentono di utilizzare le funzionalità relative ai dati strutturati con molta facilità. La prima funzione è un ampliamento dello strumento Evidenziatore di dati con l'introduzione di sette nuovi tipi di dati strutturati. La seconda è uno strumento nuovissimo: Assistente per il markup dei dati strutturati.

Supporto di prodotti, attività commerciali, recensioni e non solo in Evidenziatore di dati

Evidenziatore di dati è stato introdotto a dicembre 2012 come strumento point-and-click per far conoscere a Google il pattern dei dati strutturati relativi agli eventi presenti sul sito web, senza dover modificare il codice HTML del sito. Ora potete utilizzare Evidenziatore di dati anche per informarci di tanti altri tipi di dati strutturati del vostro sito: 
Per iniziare, visitate Strumenti per i Webmaster, selezionate il vostro sito, fate clic sul link "Ottimizzazione" nella barra laterale a sinistra, quindi fate clic su "Evidenziatore di dati". Vi verrà chiesto di inserire l'URL di una pagina del vostro sito con una struttura tipica (ad esempio la pagina di informazioni su un prodotto o un evento) e di "taggare" i relativi campi chiave con il puntatore del mouse.

Evidenziatore di dati Google


Per la codifica occorrono circa cinque minuti per pagina o circa 15 minuti per un pattern di pagine con formattazione uniforme. Al termine della procedura, avrete la possibilità di verificare la modalità di interpretazione dei vostri dati strutturati da parte di Google e, se è corretta, di "pubblicare" i dati su Google. Dopodiché, con le varie scansioni nel tempo, il vostro sito diventerà idoneo alle visualizzazioni migliorate di informazioni quali prezzi, recensioni e valutazioni direttamente nei risultati di ricerca di Google.

Nuovo strumento Assistente per il markup dei dati strutturati

Evidenziatore di dati è perfetto per far conoscere rapidamente a Google i dati strutturati del vostro sito senza dover modificare il codice HTML, ma è preferibile incorporare il markup dei dati strutturati direttamente nelle pagine web, in modo che tutti i motori di ricerca possano comprendere i contenuti strutturati. Per aiutare gli autori del Web in questa attività, siamo felici di annunciare un nuovo strumento: Assistente per il markup dei dati strutturati.

Come in Evidenziatore di dati, dovete iniziare con l'invio di una pagina web (URL o codice sorgente HTML) e il "tag" delle proprietà chiave dei tipi di dati pertinenti, utilizzando il puntatore del mouse. Al termine, Assistente per il markup dei dati strutturati genera il codice HTML di esempio con il markup dei microdati incluso. Questo codice può essere scaricato e utilizzato come riferimento durante l'implementazione dei dati strutturati sul sito web.


Assistente per il markup dei dati strutturati


L'assistente per il markup dei dati strutturati supporta un sottoinsieme di tipi di dati, inclusi tutti i tipi di dati supportati da Evidenziatore di dati e diversi tipi utilizzati per incorporare i dati strutturati in Gmail. Visitate il sito schema.org per leggere la documentazione completa sugli schemi.

Ci auguriamo che questi due strumenti agevolino l'utilizzo per tutti i siti web della suite sempre più ampia di funzioni per i dati strutturati di Google. Come sempre, pubblicate eventuali domande o feedback nei nostri forum.


Scritto da Justin Boyan, Product Manager

Una mini-guida SEO per gli amici e familiari

posted Mar 14, 2013, 5:00 AM by Giacomo Gnecchi   [ updated Mar 14, 2013, 5:11 AM ]



Webmaster livello: principiante


Tutti noi conosciamo qualcuno che ha creato da poco il proprio primo blog su Blogger, che ha usato WordPress per la prima volta oppure che ha avuto un sito web per un po 'di tempo senza però mai porsi domande sull’ottimizzazione per i motori di ricerca. Per loro, abbiamo creato una versione mini della Guida all’ottimizzazione SEO di Google. Si tratta di un breve lista di consigli di base sul design “engine-friendly”, che può aiutare Google e gli altri motori di ricerca a capire meglio i contenuti ed aumentare la visibilità del proprio sito. Abbiamo fatto in modo che questa mini-guida sia disponibile in tredici lingue. Non esitate a leggerla, stamparla, condividerla, copiarla e distribuirla!


Ci auguriamo che questo contenuto sia utile per i nuovi webmaster. Per informazioni più dettagliate, ricordiamo l’esistenza della Guida introduttiva di Google all’ottimizzazione per motori di ricerca


Come sempre invitiamo tutti i webmaster e proprietari di siti a partecipare alle discussioni sul nostro Forum di assistenza webmaster di Google.


Il team di Search Quality

Evidenziatore di dati per gli eventi

posted Feb 19, 2013, 7:23 AM by Giacomo Gnecchi   [ updated Feb 19, 2013, 7:23 AM ]

Livello webmaster: tutti 


Noi di Google utilizziamo sempre più i dati strutturati per offrire risultati di ricerca migliori, come rich snippet e calendari di eventi, che aiutino gli utenti a trovare i vostri contenuti. Finora il markup del codice HTML dei siti era l'unico modo per indicare i dati strutturati a Google. Ci rendiamo conto, però, che potrebbe essere complicato implementare il markup per alcuni siti web.

Ora offriamo ai webmaster un'alternativa più semplice: l'Evidenziatore di dati. Nella fase di lancio iniziale lo strumento è disponibile soltanto per i dati strutturati relativi agli eventi, come concerti, eventi sportivi, mostre, spettacoli e festival. Nei mesi successivi lo renderemo disponibile per altri tipi di dati. 

L'Evidenziatore di dati è uno strumento point-and-click che può essere utilizzato da chiunque sia autorizzato a gestire il vostro sito attraverso gli Strumenti per i Webmaster di Google. Non occorre modificare il codice HTML. È sufficiente utilizzare il puntatore del mouse per evidenziare e "taggare" ogni dato fondamentale presente in una tipica pagina di eventi del vostro sito web:


Evidenziatore dati

Se in una pagina sono elencati diversi eventi in formato uniforme, l'Evidenziatore di dati "imparerà" a riconoscere quel formato durante l'applicazione dei tag e vi aiuterà a velocizzare il lavoro suggerendo automaticamente altri tag. Analogamente, se avete tante pagine di eventi in un formato uniforme, l'Evidenziatore di dati vi guiderà nelle operazioni di tagging di alcune pagine di esempio in modo da poterne apprendere le variazioni di formato. In genere 5 o 10 pagine taggate manualmente sono sufficienti per consentire ai nostri sofisticati algoritmi di apprendimento automatico di riconoscere le altre pagine simili del sito. 

Una volta terminata questa operazione, potrete vedere un campione di tutti i dati degli eventi che l'Evidenziatore di dati è ora in grado di comprendere. Se sono corretti, fate clic su "Pubblica".

Da quel momento in poi, quando Google eseguirà la scansione del sito riconoscerà le informazioni relative agli eventi e le renderà idonee per essere visualizzate nei risultati di ricerca. Potete esaminare i dati sottoposti a scansione nella Dashboard per i dati strutturati e annullare in qualsiasi momento la pubblicazione se non siete soddisfatti dei risultati.

 Ecco un breve video in cui viene spiegata la procedura (disponibili i sottotitoli in Italiano):

Evidenziatore di dati

 

Per iniziare a utilizzare l'Evidenziatore di dati, è necessario accedere agli Strumenti per i Webmaster, selezionare il proprio sito, fare clic sul link "Ottimizzazione" nella barra laterale a sinistra, quindi fare clic su "Evidenziatore di dati".

Per eventuali domande, vi invitiamo a leggere il nostro articolo del Centro assistenza oppure a utilizzare il Forum di assistenza per i webmaster. Buon lavoro! 

Scritto da Justin Boyan, Product Manager

Ancora più dati delle principali query di ricerca

posted Oct 31, 2012, 5:03 AM by Giacomo Gnecchi   [ updated Oct 31, 2012, 5:03 AM ]

Livello webmaster: tutti

(nota: articolo pubblicato in Inglese in Aprile 2012)

Quest'anno abbiamo aggiornato i dati delle Principali query di ricerca per tenere in considerazione la migliore posizione media, abbiamo abilitato il download programmatico e ci siamo assicurati che i webmaster potessero ancora ricevere tutte le query che indirizzano il traffico ai loro siti. Bene, ora è tempo di offrirvi più dati delle query di ricerca.

Il primo e più importante cambiamento è che ora potete visualizzare fino a 90 giorni di dati storici. Se fate clic sul selettore della data nella parte superiore destra delle query di ricerca, potrete tornare indietro di tre mesi anziché di 35 giorni come accadeva prima. 


90 giorni query di ricerca

E dopo avere fatto clic: 

90 giorni di query di ricerca


Per visualizzare 90 giorni, l'opzione di visualizzazione con le modifiche verrà disattivata. Se desiderate visualizzare le modifiche rispetto al periodo precedente, il limite resta di 30 giorni. Per impostazione predefinita le modifiche sono disabilitate, ma potete attivarle e disattivarle con il pulsante visibile tra il grafico e la tabella. I dati delle principali query di ricerca sono normalmente disponibili entro due o tre giorni. 


limite temporale visualizzazione dati strumenti per i webmaster


Un altro grande miglioramento implementato in Strumenti per i Webmaster è che ora potete visualizzare i dati di base delle query di ricerca non appena verificate la proprietà di un sito. Non dovete più aspettare per visualizzare le informazioni.

Infine, ora raccogliamo dati relativi alle 2000 query principali per cui il vostro sito ottiene dei clic. Potrebbero essere visibili meno di 2000 query se non abbiamo registrato alcun clic per una determinata query in un dato giorno o se i dati delle query sono ripartiti tra più Paesi o lingue. Ad esempio, la query di ricerca “flowers” su Google Canada viene considerata separatamente rispetto alla query “flowers” su Google US. Tuttavia, grazie a questa modifica, il 98% dei siti avrà una copertura completa. Fateci sapere le vostre opinioni. Ci auguriamo che i nuovi dati si riveleranno utili.

Scritto da , Tech Lead, Webmaster Tools

Domande Frequenti sullo strumento per rifiutare link in entrata

posted Oct 26, 2012, 2:47 AM by Giacomo Gnecchi   [ updated Oct 26, 2012, 2:47 AM ]

Prima di esporre le domande più frequenti che abbiamo ricevuto, desideriamo ribadire che abbiamo sviluppato questo strumento solo per webmaster esperti. Vi sconsigliamo di utilizzare questo strumento se non siete certi che sia necessario rinnegare alcuni link che rimandano al vostro sito e se non sapete esattamente che cosa state facendo.

D: Questo strumento dovrà essere utilizzato dalla maggior parte dei siti?
R: No. La stragrande maggioranza dei siti non ha bisogno di utilizzare questo strumento. Se non siete sicuri della funzione di questo strumento o della necessità di utilizzarlo, probabilmente non dovreste farne uso.

D: Se rinnego alcuni link, che cosa ottengo esattamente? Google li ignorerà definitivamente?
R: Questo strumento vi consente di indicare a Google quali link desiderate rinnegare e Google in genere ignorerà tali link. In modo molto simile a rel="canonical", si tratta di un suggerimento molto indicativo piuttosto che di un'istruzione (Google si riserva il diritto di basarsi sul proprio giudizio per i casi particolari, ad esempio), ma in genere utilizzeremo l'indicazione che ci offrite per valutare i link.

D: Quanto tempo dovrò attendere dopo il caricamento di un file prima che i link vengano ignorati?
R: Dovremo eseguire una nuova scansione e una nuova indicizzazione degli URL che avete rinnegato prima che le vostre scelte vengano implementate, il che potrebbe richiedere diverse settimane.

D: Questo strumento può essere utilizzato se sono preoccupato per una "SEO negativa"?
R: Lo scopo principale di questo strumento è aiutarvi a fare pulizia se avete fatto ricorso a una SEO scorretta o avete commesso errori nella creazione dei vostri link. Se siete a conoscenza di una procedura di creazione di link scorretta eseguita per vostro conto (ad es. post a pagamento o link a pagamento per trasferire il PageRank), vi consigliamo di contattare i siti con link che rimandano al vostro e di richiedere prima la rimozione dei link dal Web pubblico. Contribuirete inoltre a proteggere l'immagine del vostro sito, dato che gli utenti non troveranno più link contenenti spam e non tireranno più conclusioni affrettate sul vostro sito web o sulla vostra attività commerciale. Se, nonostante i vostri sforzi non riuscite a ottenere la rimozione di alcuni backlink, è il momento giusto per utilizzare lo strumento Rinnega link.

In generale, Google si adopera per impedire che altri webmaster riescano a peggiorare il vostro ranking. Tuttavia, se temete che alcuni backlink possano pregiudicare la reputazione del vostro sito, potete utilizzare lo strumento Rinnega link per indicare a Google che tali link devono essere ignorati. Come già detto, sviluppiamo i nostri algoritmi tenendo a mente l'obiettivo di evitare qualsiasi SEO negativa, quindi la stragrande maggioranza dei webmaster può fare a meno di preoccuparsi di questo problema.

D: Molti dei link che vedo non sono stati creati da me. Devo comunque preoccuparmi di ottenere la rimozione di tali link?
R: Di solito no. Google normalmente attribuisce ai link il giusto peso e in circostanze normali non siete tenuti a fornire a Google informazioni aggiuntive sui vostri link. Un tipico caso di utilizzo di questo strumento è rappresentato dall'eventualità che abbiate creato link che violano le nostre norme sulla qualità, che Google vi abbia inviato un avviso relativo a link innaturali e che, nonostante tutti i vostri sforzi, non siate riusciti a ottenere la rimozione di alcuni link.

D: Ho caricato alcuni link validi. Come faccio ad annullare il caricamento dei link caricati per sbaglio?
R: Per modificare i link che desiderate ignorare, scaricate il file corrente dei link rifiutati, modificatelo per includere solo i link che desiderate ignorare, quindi caricate nuovamente il file. Attendete che il nuovo file si propaghi nel nostro sistema di scansione/indicizzazione; tale processo potrebbe richiedere diverse settimane.

D: Devo creare un file di link come misura preventiva, anche se non ho ricevuto una notifica relativa a link innaturali sul mio sito?
R: Se il vostro sito è stato influenzato dall'aggiornamento dell'algoritmo Penguin e ritenete che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che avete creato link contenenti spam o di bassa qualità che rimandano al vostro sito, vi consigliamo di esaminare i backlink del vostro sito e di rinnegare quei link che sono il risultato di schemi di link che violano le norme di Google.

D: Se carico un file devo comunque presentare una richiesta di riconsiderazione?
R: Sì, è necessario se avete ricevuto una notifica che vi avvisa di un'azione manuale intrapresa sul vostro sito. Lo scopo dello strumento Rifiuta link è indicare a Google quali link devono essere ignorati. Se avete ricevuto un messaggio relativo a un'azione manuale sul vostro sito, dovreste fare il possibile per ripulire il Web (il che include rimuovere tutti i link contenenti spam che avete creato sul Web). Una volta rimosso dal Web il maggior numero possibile di link contenenti spam, potete utilizzare lo strumento Rifiuta link per indicare a Google i link rimanenti che non siete riusciti a rimuovere. Attendete un po' di tempo affinché i link rinnegati si propaghino nel nostro sistema. Infine, inviate una richiesta di riconsiderazione in modo che il team webspam che interviene manualmente possa controllare se il vostro sito ora rispetta le norme sulla qualità di Google e, in caso affermativo, possa rimuovere eventuali azioni manuali intraprese sul vostro sito.

D: Devo rinnegare i link sia da esempio.com sia da esempio.it se rappresentano la stessa azienda?
R: Sì. Se volete rinnegare link da più domini dovrete aggiungere una voce per ogni dominio.

D: E per quanto riguarda www.esempio.it ed esempio.it (senza "www")?
R: Tecnicamente si tratta di URL diversi. La funzione Rinnega link è studiata per rilevare ogni minima differenza. Se i contenuti da rinnegare si trovano in corrispondenza di più URL su un sito, dovete rinnegare ogni URL contenente il link che desiderate rinnegare. Potete sempre rinnegare un intero dominio, naturalmente.

D: Posso rinnegare pincopallino.esempio.com per ignorare solo i link da tale sottodominio?
R: Nella maggior parte dei casi sì. Per quasi tutti gli host gratuiti noti (ad esempio wordpress.com, blogspot.com, tumblr.com e molti altri), se rinnegate "domain:pincopallino.esempio.com" rinnegherete solo i link da quel sottodominio. Se un host gratuito è appena nato o raro, potremmo interpretare la situazione come una richiesta per rinnegare tutti i link dall'intero dominio. Ma se indicate un sottodominio, nella maggior parte dei casi saremo in grado di limitarci a ignorare i link da quel sottodominio.

Pubblicato da Jonathan Simon, Webmaster Trends Analyst

Un nuovo strumento per rifiutare i link

posted Oct 17, 2012, 2:04 AM by Giacomo Gnecchi   [ updated Oct 17, 2012, 2:17 AM ]

Livello webmaster: avanzato

Oggi vi presentiamo uno strumento con cui potete rifiutare i link che rimandano al vostro sito. Se avete ricevuto una notifica relativa a un'azione manuale antispam basata sulla presenza di "link innaturali" che rimandano al vostro sito, questo strumento può aiutarvi a risolvere il problema. Coloro i quali non hanno ricevuto tale notifica di solito possono ignorare questo strumento.

Prima di tutto, un rapido ripasso. I link sono uno dei segnali più noti che utilizziamo per il posizionamento dei risultati di ricerca. Osservando i link tra le pagine riusciamo a farci un'idea di quali pagine siano attendibili e importanti e di conseguenza probabilmente più pertinenti per i nostri utenti. Ciò sta alla base del PageRank, uno degli oltre 200 segnali a cui ci affidiamo per determinare i ranking. Essendo così noto, il PageRank è anche un bersaglio degli spammer e contrastiamo costantemente tale spam utilizzando algoritmi e intraprendendo azioni manuali.

Se vi siete mai imbattuti in un problema di spam relativo ai link, forse avrete notato un messaggio negli Strumenti per i Webmaster relativo alla presenza di "link innaturali" che rimandavano al vostro sito. Vi inviamo tale messaggio quando ci sono prove della presenza di link a pagamento o di altri schemi di link che violano le nostre norme sulla qualità. Se ricevete questo messaggio, vi consigliamo di rimuovere dal Web il maggior numero possibile di link contenenti spam o di bassa qualità che rimandano al vostro sito. Questo è l'approccio migliore perché affronta il problema alla radice. Rimuovendo direttamente tali link eviterete che Google e altri motori di ricerca intraprendano nuovamente azioni in futuro. Contribuirete inoltre a proteggere l'immagine del vostro sito, dato che gli utenti non troveranno più sul Web link contenenti spam che rimandano al vostro sito e non tireranno più conclusioni affrettate sul vostro sito web o sulla vostra attività commerciale.

Se avete fatto tutto il possibile per rimuovere i link problematici ma ci sono ancora alcuni link che proprio non riuscite a rimuovere, è il momento giusto per visitare la nostra nuova pagina Rifiuta link

Una volta aperta, dovrete innanzitutto selezionare il vostro sito.

Interfaccia rifiuta link in entrata

Vi verrà chiesto di caricare un file contenente i link che desiderate rifiutare.


Interfaccia rifiuta link in entrata



Il formato è semplice. Tutto ciò che vi serve è un file di testo con un URL per riga. Un estratto di un file valido potrebbe avere il seguente aspetto:
 

# Ho contattato il proprietario del sito spamdomain1.com il 7/1/2012 per

# richiedergli di rimuovere alcuni link ma non ho ricevuto risposta

domain:spamdomain1.com

# Il proprietario del sito spamdomain2.com ha rimosso la maggior parte dei link, ma ha trascurato i seguenti

http://www.spamdomain2.com/contentA.html

http://www.spamdomain2.com/contentB.html

http://www.spamdomain2.com/contentC.html


In questo esempio, le righe che iniziano con il simbolo cancelletto (#) sono considerate commenti e Google le ignora. La parola chiave "domain:" stanno ad indicare che desiderate rifiutare i link da tutte le pagine di un determinato dominio (in questo caso "spamdomain1.com"). Potete anche chiedere di rifiutare link su pagine specifiche (in questo caso tre pagine singole su spamdomain2.com). Al momento lo strumento Rifiuta link supporta un file per sito e il file è condiviso tra i proprietari del sito negli Strumenti per i Webmaster. Se desiderate aggiornare il file, dovrete scaricare il file esistente, modificarlo e caricare quello nuovo. Il limite per le dimensioni del file è di 2 MB.

Un ottimo punto da dove iniziare la ricerca di link contenenti spam è la funzione "Link che rimandano al tuo sito" negli Strumenti per i Webmaster. Dalla home page, selezionate il sito desiderato, passate a Traffico > Link che rimandano al tuo sito > Chi utilizza più link > Altro, quindi fate clic su uno dei pulsanti di download. Questo file elenca le pagine che rimandano al vostro sito. Se fate clic su "Scarica ultimi link", verranno visualizzate anche le date. Questa pagina può essere un ottimo punto da dove iniziare i vostri accertamenti, ma assicuratevi di non caricare l'intero elenco di link che rimandano al vostro sito per non rifiutare tutti i vostri link!

Per ulteriori informazioni su questa funzione visitate il nostro Centro assistenza; vi invitiamo inoltre a pubblicare commenti e domande sul nostro forum. A breve pubblicheremo anche una sezione di FAQ. 


Strumento per rifiutare link


Buon lavoro!

Scritto da Jonathan Simon, Webmaster Trends Analyst

1-10 of 41