Home page‎ > ‎Comunicati‎ > ‎

Andate alle elezioni e NON votate PD - Fermiamo il DDL scuola e il Governo insieme

pubblicato 30 mag 2015, 07:20 da Amedeo de Amicis   [ aggiornato in data 30 mag 2015, 07:20 ]
Appello ai docenti e ai cittadini italiani...

Il DDL scuola potrebbe essere fermato qualora il PD subisse un forte calo dei consensi nelle prossime elezioni...


.

Riforma Costituzionale, Italicum, DDL scuola, sono solo alcune delle misure emanate o in fase di approvazione dell'attuale governo guidato da Renzi. Si tratta a nostro avviso di autentiche mostruosità giuridiche, presentate falsamente come misure giuste e lecite da una stampa sempre meno libera e sempre più soggetta a logiche economiche e di potere. Se da un lato è logico concordare con chi afferma che nemmeno i governi precedenti abbiano fatto molto per il Paese, si vorrebbe tuttavia con questo documento denunciare e mettere ognuno in guarda da un fenomeno più subdolo e drammaticamente pericoloso messo in atto da questo Governo.

Non solo abbiamo perso il Senato elettivo, e se qualcuno ritiene questo solo un risparmio, sarebbe utile ragionare sul fatto che non solo il bicameralismo è stato previsto dai nostri Padri Costituenti come sistema per prevenire pericolose derive, ma ci preme anche informare che nella nostra seppur limitata esperienza maturata portando avanti trattative a livello politico, abbiamo toccato con mano come il Senato, rispetto alla Camera, si è sempre mostrato un organismo più disponibile e sensibile verso le esigenze dei cittadini e maggiormente refrattario all'approvazione di misure illegittime ed ingiuste (questo vale almeno per gli ultimi tre governi).

L'Italicum non solo porterà un esagerato premio di maggioranza al partito che otterrà più voti alle elezioni, ma contiene all'interno una misura micidiale e di cui purtroppo ben poco si è parlato. La maggioranza, o per meglio dire minoranza divenuta maggioranza grazie agli "esagerati premi di maggioranza", sceglierà anche i giudici della Corte Costituzionale.




IN PRATICA CHI VINCERA' LE ELEZIONI SCEGLIERA' ANCHE I MAGISTRATI
CHE DOVRANNO VIGILARE SUL LORO OPERATO E GIUDICARE GLI ATTI DA ESSI EMESSI!




Il DDL scuola, non solo porta con se misure di per sé ingiuste e inaccettabili, come l'elezione diretta dei presidi, la cancellazione delle graduatorie e l'impossibilità per i docenti con pluriennale esperienza di servizio di ottenere nuovi contratti, ma al suo interno contiene anche una delega per il governo a legiferare, ovvero non sarà più il parlamento a decidere, ma lo farà direttamente il MIUR. Ciò potrebbe portare ad effetti ancora più catastrofici, non neghiamo per esempio che si teme l'ipotesi di una riforma del sostegno che porti alla cancellazione dei docenti che operano su tale ambito, per lo meno di coloro che lo fanno precariamente.

Nell'informare che diversi deputati con cui ci siamo confrontati ci hanno informato che un eventuale perdita significativa di consensi potrebbe portare se non altro all'accantonamento del piano di riforma scolastico, con questo documento La Voce dei Giusti vuole Dimostrare non solo la sua contrarietà verso le sopracitate misure, ma anche mettervi in allerta verso una pericolosissima deriva dittatoriale e antidemocratica del ns. Paese.



PER TALI RAGIONI INVITIAMO OGNUNO AD ANDARE ALLE URNE, VOTARE QUALSIASI PARTITO, MA NON IL PD!