Il monaco di Po-Lin ed il Kau Cim
 
Due dollari di Hong Kong sono l'equivalente di € 0,17177. Esco dal monastero buddhista di Po Lin, (寶蓮禪寺, ovvero il Tempio del prezioso Loto Zen), sull'altopiano di Ngong Ping, isola di Lantau, di fronte ad Hong Kong. Mi trovo di fronte al gigantesco Buddha sulla collina di fronte al Tempio, ma il pensiero è rimasto dentro.
Ne ho visti molti ormai di templi buddhisti, in molti Paesi diversi, e sempre mi hanno lasciato con una sensazione speciale di particolare capacità di trovare punti in cui fermarsi in perfetta armonia, e di aspettarsi di incontrare qualcuno o qualcosa che ti diranno, e ti daranno, qualcosa di nuovo su cui posare l'anima.
Pochi minuti fa ero fermo a fare questa fotografia, all'interno della sala principale della devozione buddhista, quando è entrato un monaco e si è seduto davanti a me, mostrandomi un cartello.
C'era scritto in inglese "2 dollari HK per una predizione": per coloro i quali non avessero familiarità con le arti divinatorie orientali, quelli che vedete sono bastoncini di legno chiamati Kau Cim, e lui era lì per offrirmi di prenderne uno, per leggerne i consigli che il Libro mi avrebbe dato.
Non voglio parlare di quello che mi è stato divinato, vi risparmierò i dettagli sulle conversazioni fra me e Siddharta, no, quello di cui voglio lasciare traccia qui sono piuttosto i due dollari del monaco.
Ne ho presi 10 (circa 0,85€) e li ho posati sul suo tavolo per fargli tenere il resto, come forse sarebbe sembrato ovvio a chiunque fosse sia abituato al nostro modo di fare (lasciare il resto) sia conscio dello scarso valore dell'offerta.
Dopo qualche secondo di spiegazioni in rigoroso cinese e soprattutto gestualmente, avendo capito il mio gesto, con la massima cortesia ma anche con la massima inflessibilità, mi fa capire che lui voleva esclusivamente 2 dollari, e che non avrebbe preso nemmeno un centesimo in più.
Gli ho dato due dollari. Ha divinato. Ho ringraziato più volte, ci siamo sorrisi e sono uscito.
Tutto normale, ho sentito e pensato, quando ci si trova fra le onde di un cultura che ha un altro sistema di valori, ma non so immaginare cosa potrebbe pensare chi non è abituato all'idea che può esistere una situazione, se non un mondo, nel quale non ha nessun valore aggiunto, l'offerta di una seppur minima somma di denaro.




Il Tai Tai Buddha