La neuroacustica

Nell'ultimo decennio l'Istituto Multifasico Internazionale ha dedicato gran parte della ricerca allo studio della neuroacustica scoprendo e confermando diverse teorie oggi applicabili a livello pratico.

Anche i popoli antichi conoscevano le potenzialità del suono, tanto che guarivano i loro malati utilizzando il rullare dei tamburi e il potere delle parole.

Cos'è la neuroacustica

La  neuroacustica studia gli effetti del suono sull'essere umano.  Uno degli studi neuroacustici più importanti dimostra cha stimolare il cervello con frequenze Delta migliora la qualità del sonno nel 90% dei casi.

Un  altro interessante dato ci viene dallo studio effettuato da un gruppo di neurofisiologi italiani che ha scoperto che la frequenza 9,5 Hz aumenta la variabilità del ritmo cardiaco. Questa scoperta è importantissima perché la variabilità del ritmo cardiaco influisce sulla durata della vita  e quindi,; più aumenta la variabilità del ritmo cardiaco, e più a lungo l’uomo vive Ebbene questa scoperta, ampiamente confermata da studi serissimi e dai test scientifici, è passata inosservata, malgrado  si tratti della scoperta di un concreto  meccanismo di miglioramento del funzionamento del sistema cardio-circolatorio con il naturale e conseguente prolungamento della vita. Evidenziamo che la medicina ufficiale non ha cercato di creare strumenti idonei a poter mettere in pratica questa scoperta , ma ha preferito continuare ad utilizzare i farmaci tradizionali.    

Lo scienziato americano Thomas Budzinski  ha ideato molti trattamenti neuroacustici in grado di curare la schizofrenia,  gli attacchi epilettici e la sindrome della scarsa attenzione, ma le sue scoperte non vengono prese in considerazione se non negli Stati Uniti, dove già da tempo la terapia neuroacustica si usa per la cura di innumerevoli malattie..

Attualmente gli studi dell'Istituto Multifasico si sono spinti in avanti dimostrando che unendo le frequenze audio con i messaggi subliminali    e le affermazioni udibili si potenziano i risultati in modo esponenziale.

Comments