Rischi idraulici e presenza sito archeologico

Rischi idraulici e presenza di reperti archeologici

 
Anche sul piano delle acque superficiali una simile localizzazione incontra problemi difficilmente sormontabili senza alterare irrimediabilmente il suolo. E' la stessa PILT (nelle periz...ie che allega a sostegno della sua richiesta edificatoria), a suggerire, per mano dell'Ing. Moretti, che per lei ha fatto la perizia di fattibilità idraulica, di sopraelevare parte dei terreni di due metri per preservarli dal pericolo di alluvioni, abbastanza ricorrenti in quella zona. Il problema è che oltre ad intervenire in modo irreversibile sul cambiamento del profilo paesaggistico millenario della zona, così facendo si mette il paese di Braccagni in una posizione di pericolo, poiché lo si viene ad abbassare di due metri rispetto all'insediamento industrial-logistico, creando una diga artificiale a nord, che impedisce ogni possibile deflusso di eventuali acque meteoriche che scendono dal poggio di Montepescali favorendone la concentrazione verso il centro abitato.
A questo si aggiunga che l'innalzamento dei terreni di due metri avverrebbe sopra una zona dove potrebbero essere presenti rilevanti reperti archeologici. Si rimanda per questo alle dichiarazioni del Sovrintendente 
Cygielman secondo cui il Polo non andrebbe fatto. Per approfondimenti sui reperti e per ascoltare le dichiarazioni del sovrintendente, consultare  http://www.braccagni.info/2010/05/lo-scavo-archeologico-di-san-martino-in-piano/  http://lasentinelladellamaremma.wordpress.com/2010/05/19/braccagni-tra-vi-sec-a-c-e-xiv-sec/ 
 

 
Comments