- LE NOTIZIE DEL GIORNO‎ > ‎2010‎ > ‎5 - Maggio 2010‎ > ‎13 maggio 2010‎ > ‎

Ccnl legno: rinnovo unitario, aumento medio 121 euro


www.rassegna.it

Circa mezzo milione gli addetti del settore

Dopo la chiusura unitaria dei rinnovi contrattuali dei comparti edilizia, cemento, laterizi e manufatti, si è chiuso anche il negoziato per il rinnovo del contratto del Legno, che interessa 500mila addetti del settore, sottoscritto nella serata di ieri (12 maggio) da Fillea, Filca e Feneal con Federlegno-Arredo. Ne dà notizia la Fillea in una nota.

“Un accordo positivo che innanzitutto offre una prima risposta al bisogno dei lavoratori di difendere il potere di acquisto dei propri salari”, afferma il segretario nazionale della Fillea, Mauro Livi: “In un momento di particolare crisi economica che vede la produzioni del settore fortemente rallentata e segnali ancora troppo flebili di ripresa - osserva - questo accordo è figlio della forte volontà mostrata da tutte le parti di trovare una soluzione unitaria al negoziato”.

Tra i punti qualificanti dell’intesa, “il rafforzamento del sistema di relazioni sindacali nazionali territoriale e aziendale e la contrattazione di secondo livello”, prosegue Livi, “mentre sul salario è previsto un aumento di 121,03 euro a regime per inquadramento AS1, parametro 134” che verranno ripartite nel triennio 2010-2012 con un primo aumento di 27,23 euro al 1 aprile 2010, un secondo di 46,90 euro al 1 gennaio 2011 e l’ultimo di 46,90 euro al 1 luglio 2012. Per quanto riguarda il premio risultato, l’accordo prevede che “laddove non si effettui il secondo livello di contrattazione, si riconosce ai lavoratori una indennità pari a 8 euro lordi mensili per 12 mensilità.”

L’intesa prevede inoltre l’incremento dello 0,10% del contributo per la previdenza complementare, che passa dall’1,20% all’1,30% a partire dal 1 gennaio 2013 e per la sanità integrativa, che è su base di adesione volontaria dal 1 aprile 2012 il contributo sarà di 8 euro a carico dell’azienda e di 2 euro a carico dei lavoratori. Ora la parola passa ai lavoratori, “cui sottoporremo l’accordo nel corso delle assemblee in programma già dai prossimi giorni”, conclude il segretario Fillea.

Comments