SCUOLA STATALE SECONDARIA DI I° GRADO

    “LANFRANCO”

    C.F.80010470369

    codice ministeriale: MOMM01200X

    Sede Lanfranco: Via Valli, 40 - 41.125 Modena Tel. 059-356140 - Fax 059-358146

    Plesso Guidotti: Via Giardini 543 – 41.124 – Modena Tel. 059 – 350276 - Fax 341121

    e-mail: smlan@tin.it - www.medialanfranco.it

     

     

    REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI SCUOLA MEDIA LANFRANCO-GUIDOTTI

     

    Approvato dal Collegio plenario dei docenti nella seduta del 29.9.2000 


    1)            Istituzione

     

    Il Collegio dei docenti Lanfranco-Guidotti è costituito dall’1.9.00, a seguito del piano di dimensionamento decretato dalla Regione Emilia-Romagna, ai sensi del DPR 223/97.

     

    2)            Composizione

     

    Il Collegio dei docenti Lanfranco-Guidotti è composto dai docenti a tempo indeterminato e determinato in servizio presso le due scuole.

     

    3)            Presidenza

     

    Esso è presieduto dal dirigente scolastico in carica;in sua vece,dal docente vicario.

    Le funzioni di segretario del Collegio sono svolte da uno dei collaboratori designati dal dir.scol.

    Il segretario provvede alla verbalizzazione delle sedute,avvalendosi eventualmente dell’aiuto di altri docenti e di mezzi tecnologici necessari, quali registratore, PC ecc.

     

    4)            Convocazione

     

    Il Collegio dei docenti di norma è convocato in seduta ordinaria dal dir. scol. sulla base del Piano annuale delle attività collegiali.

    La convocazione in ogni caso avverrà almeno 5 gg. prima della seduta con ordine di servizio.

    Il Collegio può essere convocato in seduta straordinaria

    -                  dal dir. scol.,se ne ravvede la necessità e sentiti i docenti collaboratori;

    -                  su richiesta motivata per iscritto di almeno un terzo del personale docente in servizio

    L’ordine del giorno è fissato dal dir. scol., sentiti i collaboratori.

    I singoli docenti possono proporre argomenti specifici e particolari da inserire nell’odg, facendo riferimento ai collaboratori del dir. scol. oppure presentando un’apposita richiesta scritta almeno 5 gg.prima della seduta ordinaria

     

    5)            Durata

     

    La durata del Collegio è stabilita di volta in volta sulla base degli argomenti all’odg. In linea di massima la durata è di 2-3 ore.

    Gli interventi dei singoli docenti durante la discussione degli argomenti all’odg avranno la durata di n. 5 minuti al massimo; è consentita una solo replica di n. 3 minuti  all’argomentazione proposta dal singolo docente.

    La presenza dei singoli docenti è comprovata dalla firma apposta su un apposito elenco.

     

    6)            Articolazione

     

    Il Collegio dei docenti  si articola in

    a)              assemblea plenaria o collegio propriamente detto(Lanfranco+Guidotti);

    b)              in sezioni singole(Lanfranco o Guidotti)

    c)               in gruppi monodisciplinari

    d)              in gruppi interdisciplinari su materie istituzionali e didattiche.

    Le modalità specifiche ed i tempi di funzionamento di suddette articolazioni sono previsti dal Piano annuale delle attività collegiali.

    Ferma restando la preminente funzione deliberativa in materia didattica del collegio riunito in forma plenaria, può farsi delega alle singole articolazioni,non solo di compiti istruttori e preparatori, ma anche, in caso di necessità motivata di volta in volta dal Collegio, di funzioni deliberative, soprattutto su materie già discusse ed approfondite in seduta plenaria.

     

    7)            Verbali

     

    Il verbale del collegio plenario dei docenti o delle sezioni del collegio stesso sarà curato da uno dei collaboratori del dirigente scolastico (vedere punto 3 prec.).

    Il verbale dei lavori di gruppo sarà redatto a rotazione da uno dei docenti.

    I verbali dei Consigli di classe saranno redatti :

    -                  Consigli ottobre e giugno: dai coordinatori;

    -                  Altri Consigli: a rotazione da uno dei docenti, secondo una precisa ed equa distribuzione degli impegni stabilita dal dirigente scolastico e formalizzata all’inizio dell’anno scolastico.

    In tal senso si farà ricorso prioritariamente alla figura dell’insegnante di sostegno h.

     

    8)            Rimandi

     

    Per tutto quanto non contemplato dal presente regolamento,si rimanda  alla normativa vigente in materia  di funzionamento del Collegio dei docenti e degli OO.CC. (DPR  n.297/94)

    Č
    Ċ
    ď
    Presidenza Scuola Media Lanfranco,
    04/gen/2010 08:59