La scuola ha lo scopo di illustrare le più recenti tecniche di rilievo e documentazione applicabili ad un sito archeologico. Ai partecipanti verranno fornite le conoscenze di base per la realizzazione di rilievi sul campo e per
la successiva elaborazione dei dati raccolti. 
Le modalità di apprendimento prevedono dunque un’alternanza di lezioni frontali e di applicazioni pratiche in cui gli studenti possano sperimentare in prima persona quanto affrontato durante le lezioni teoriche.
Verranno utilizzati gli strumenti e le tecniche più appropriati alle varie scale di rappresentazione: topografia, fotogrammetria e laser scanning per il rilievo di monumenti e di oggetti di piccole dimensioni. Si affronterà il tema del rilevo fotogrammetrico multimmagine volto alla generazione di nuvole di punti da cui ricavare dati per la modellazione tridimensionale e la creazione di ortofoto. Le nuvole di provenienza fotogrammetrica verranno confrontate con quelle di derivazione laser scanner al fine di comparare accuratezza e precisione delle due diverse tecniche di acquisizione e di valutare la sussistenza di eventuali incongruenze geometriche. 
Per le prese fotogrammetriche aeree verranno impiegati dei micro-UAV.
Per la parte di fotogrammetria digitale verrà utilizzato principalmente il software per la fotogrammetria multimmagine e la fotomodellazione automatica Photoscan di Agisoft.
Saranno inoltre adoperati software per la calibrazione delle camere (Calib 3V), per il fotoraddrizzamento (RDF) e per la realizzazione di elaborati bidimensionali e tridimensionali adatti alla documentazione archeologica e di beni culturali in genere, quali ortofoto di piante e sezioni nonché modelli 3D per solidi o superfici.
Alla fine del corso gli allievi saranno in grado di realizzare autonomamente prodotti utili ad una corretta, rapida ed economica documentazione archeologica.